La Spada della Verità - Vol. 7

I Pilastri della Creazione

Di

Editore: Fanucci

3.6
(396)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 528 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8834713931 | Isbn-13: 9788834713938 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Nicola Gianni

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Rosa , Fantascienza & Fantasy

Ti piace La Spada della Verità - Vol. 7?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Jennsen è una ragazza che fugge dal giorno in cui è nata. Fugge con la madre dal demone che l'ha messa al mondo e che vuole vederla morta a tutti i costi: un demone dall'aspetto bellissimo, ma diabolico, Darken Rahl. Nemmeno la morte del sovrano del D'Hara, però, le porta sollievo sollievo: Darken Rahl infatti è stato ucciso dal suo stesso figlio, Richard, un uomo ancor più spietato e potente del padre, che ha sposato una donna altrettanto crudele, la Madre Depositaria. Riuscirà Jennsen a sfuggire alla presa di quel nuovo demone, quando sembra impossibile sfuggire al richiamo del suo stesso sangue?
Ordina per
  • 3

    Lento ma utile

    Il settimo episodio della saga si concentra su Jennsen, figlia di Darken Rahl e sorella di Richard. La storia, raccontata dal punto di vista della ragazza, scorre più lentamente, senza troppi colpi di ...continua

    Il settimo episodio della saga si concentra su Jennsen, figlia di Darken Rahl e sorella di Richard. La storia, raccontata dal punto di vista della ragazza, scorre più lentamente, senza troppi colpi di scena, guidando il lettore verso una fine solo leggermente più movimentata. Tuttavia la storia aiuta a spiegare cosa sta succedendo nella guerra con il Tiranno dei Sogni

    ha scritto il 

  • 3

    null

    A differenza dei volumi precedenti la storia si svolge più lentamente senza suscitare grandi emozioni, è da considerarsi un libro di stasi per introdurre nuovi personaggi e nuove figure chiare. Buono ...continua

    A differenza dei volumi precedenti la storia si svolge più lentamente senza suscitare grandi emozioni, è da considerarsi un libro di stasi per introdurre nuovi personaggi e nuove figure chiare. Buono il finale nel quale tutti i piccoli pezzi del mosaico tornano al loro posto

    ha scritto il 

  • 4

    Siamo essere raziocinanti, dobbiamo usare il nostro intelletto e non la cieca devozione.

    Richard e Kahlan compaiono ben poco in questo libro.
    Protagonista indiscussa è la giovane Jennsen, sorellastra di Richard e completamente priva di magia. Si tratta di una ventenne per la quale si prov ...continua

    Richard e Kahlan compaiono ben poco in questo libro.
    Protagonista indiscussa è la giovane Jennsen, sorellastra di Richard e completamente priva di magia. Si tratta di una ventenne per la quale si prova simpatia, che commette un grave errore di giudizio affidandosi a un clichè: le colpe dei padri ricadono sui figli. Darken Rahl fu il suo più grande incubo, la voleva morta ed è convinta che suo figlio nutra lo stesso insano desiderio.
    Inoltre incappa nell'Ordine che approfitta della debolezza e della paura della ragazza per i suoi scopi.

    Non mi dispiace come storyline, ma Lord Rahl e la Madre Depositaria mi sono mancati.

    ha scritto il 

  • 3

    Buona l'idea di spostare l'attenzione su personaggi nuovi facendo un leggero passo indietro nella storia, ma ammetto di aver letto la prima metà del libro con poco coinvolgimento...fortunatamente si h ...continua

    Buona l'idea di spostare l'attenzione su personaggi nuovi facendo un leggero passo indietro nella storia, ma ammetto di aver letto la prima metà del libro con poco coinvolgimento...fortunatamente si ha una svolta nell'ultima parte, dove la narrazione si fa decisamente più avvincente

    ha scritto il 

  • 2

    "Tu non puoi amare niente o nessuno se prima non ami la tua esistenza. L'amore nasce solo dal rispetto della tua vita. Quando ami te stesso, la tua vita, allora potrai amare qualcuno che potrà miglior ...continua

    "Tu non puoi amare niente o nessuno se prima non ami la tua esistenza. L'amore nasce solo dal rispetto della tua vita. Quando ami te stesso, la tua vita, allora potrai amare qualcuno che potrà migliorarla, condividerla con te e renderla più piacevole. Quando ti odi e pensi di essere malvagio, allora puoi solo odiare, puoi solo sfiorare il guscio dell'amore, un desiderio per qualcosa di buono, ma che è fondato solo sull'odio."

    ha scritto il 

  • 3

    Spin off particolarmente lento e sotto tono

    La storia non convince, il volume lascia completamente in secondo piano i personaggi principali della saga solo per farli apparire in un finale roccambolesco e raffazzonato.
    Trama lenta e particolarme ...continua

    La storia non convince, il volume lascia completamente in secondo piano i personaggi principali della saga solo per farli apparire in un finale roccambolesco e raffazzonato.
    Trama lenta e particolarmente prevedibile...

    ha scritto il 

  • 3

    Finito perché in fin dei conti "breve" e perché a casa per malattia.

    Il libro non è stato deludente, solo che non mi ha preso come gli altri. Al contrario di molte persone ho tovato molto interessante ...continua

    Finito perché in fin dei conti "breve" e perché a casa per malattia.

    Il libro non è stato deludente, solo che non mi ha preso come gli altri. Al contrario di molte persone ho tovato molto interessante apprendere tutte le cose sui "pilastri della Creazione" non dai nostri eroi, ma da un pilastro vero e proprio. Un puto di vista diverso sulla casata Rahl.
    Preparatevi comunque perché in questo libro si sente molto parlare della casata dei Rahl, ma il nostro Richard con scorta lo troviamo in fondo. Qui infatti il punto di vista principale è quello di Jessen, una sorellastra di Richard, che non ha nemmeno un briciolo piccolo piccolo di magia e che per tutta la vita non ha fatto che scappare perché il padre Darken la voleva morta insieme a tutti gli altri figli senza il dono. Questa sua condizione di eterna fuggiasca l'ha fatta crescere isolata ed impaurito e per questo facile preda dei mal intenzionati.

    Una cosa è certa, fossi Kahlan inizierei a preoccuparmi perché se esiste il gene della depravazione sessuale questo è presente e potente nella famiglia dei Rahal. Speriamo da questo punto di vista Richard abbia ereditato dagli Zorander come pare che sia.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Ho particolarmente apprezzato questo libro della serie per un semplice motivo: Gooddkind è in grado di proseguire la storia iniziata, senza che siano presenti per un buon 90% abbondante di libro i pro ...continua

    Ho particolarmente apprezzato questo libro della serie per un semplice motivo: Gooddkind è in grado di proseguire la storia iniziata, senza che siano presenti per un buon 90% abbondante di libro i protagonisti. Certo, sfumano sullo sfondo, ma sempre in una prospettiva esterna. Veramente gradevole e ben congegnato!

    ha scritto il