Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La Via dello Zen

By Alan Watts

(568)

| Others | 9788807806322

Like La Via dello Zen ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il buddismo zen è una pratica e una visione della vita che non appartengono anessuna categoria formale del moderno pensiero occidentale. Non è unareligione o una filosofia, non è una psicologia o un tipo di scienza. È unesempio d Continue

Il buddismo zen è una pratica e una visione della vita che non appartengono anessuna categoria formale del moderno pensiero occidentale. Non è unareligione o una filosofia, non è una psicologia o un tipo di scienza. È unesempio di ciò che è noto in India e in Cina come una "via di liberazione", edè analogo sotto questo riguardo al taoismo, al vedanta e allo yoga. AlanWatts, che ha dedicato gran parte della sua vita al tentativo di spiegarel'Oriente all'Occidente, in questo libro che si rivolge tanto al lettorecomune come allo studioso, dapprima tratta lo sfondo e la storia dello zen,quindi ne espone i principi e la pratica.

35 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Sicuramente uno dei libri che mi ha introdotto al vasto argomento "Zen" interno al decisamente più vasto discorso "buddhismo".

    Un libro immensamente godibile, la scrittura è agevole, lo Zen viene presentato in maniera onesta e puntale.

    Si respira l ...(continue)

    Sicuramente uno dei libri che mi ha introdotto al vasto argomento "Zen" interno al decisamente più vasto discorso "buddhismo".

    Un libro immensamente godibile, la scrittura è agevole, lo Zen viene presentato in maniera onesta e puntale.

    Si respira l'aria della contestazione del '68 e del successivo richiamo spirituale di una intera generazione....

    Is this helpful?

    Filosofo Incognito said on Aug 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Si vede ciò che si vuol vedere

    Difficile dare un voto a questo libro.
    E' il primo libro sullo zen che leggo, perciò, non avendo altre fonti di riferimento, non posso dare un giudizio sulla validità di quanto scritto.
    E di certo queste quattro stelline non si riferiscono a quanto h ...(continue)

    Difficile dare un voto a questo libro.
    E' il primo libro sullo zen che leggo, perciò, non avendo altre fonti di riferimento, non posso dare un giudizio sulla validità di quanto scritto.
    E di certo queste quattro stelline non si riferiscono a quanto ho apprezzato i contenuti.
    Quattro stelle perchè il saggio di Watts è scritto in modo chiaro, strutturato, piacevole alla lettura e ricco di citazioni.

    Ho iniziato il libro con entusiasmo; ho sempre nutrito una certa curiosità nei confronti delle filosofie orientali, ma non avevo mai avuto modo di approfondire l'argomento. Il saggio è stato più che esaustivo nel fornirmi un panorama complessivo di ciò che sono lo zen e i parenti Tao e buddismo. Purtroppo, però, come dicevo, quel che ho letto non mi ha granché soddisfatta. D'altro canto, questa non è altro che la conferma di qualcosa che già sapevo: quando si parla di "verità" che non sono tangibili nè verificabili, io divento scettica. Ero partita con una mentalità molto positiva e aperta, l'ho detto... Eppure niente. E nonostante Watts sottolinei che le filosofie orientali sono ben diverse dalle religioni occidentali, io invece vi trovo molto in comune... Perchè, nel momento in cui si parla di qualcosa che non può essere definito, che non può essere visto, che non può neanche essere appreso a tavolino, com'è possibile non tirare in ballo il concetto di fede? Possono essere diverse quanto vogliono, ma in ogni caso si basano tutte sulla fede, nella sua accezione più ampia. E, se c'è una cosa che a me manca in toto, è la fede. Non nego che lo zen sia per certi versi interessante e "istruttivo": si parla molto di equilibrio, di libertà, di spontaneità, restituendo la giusta importanza a questi valori... Però oh, manca la sostanza!
    La morale è: per noi menti razionali e logiche non esiste via di liberazione alcuna, nè in Occidente nè in Oriente.

    Is this helpful?

    airibes said on Jan 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Appropriata introduzione all’elusivo e fluttuante mondo dello zen. Come suggeriscono il titolo e le primissime righe di questo lavoro il buddhismo zen è “una pratica e una visione della vita che non appartengono a nessuna categoria formale del modern ...(continue)

    Appropriata introduzione all’elusivo e fluttuante mondo dello zen. Come suggeriscono il titolo e le primissime righe di questo lavoro il buddhismo zen è “una pratica e una visione della vita che non appartengono a nessuna categoria formale del moderno pensiero occidentale. Non è religione o filosofia; non è una psicologia o un tipo di scienza. E’ un esempio di ciò che è noto in India e in Cina come una “via di liberazione”, ed è analogo sotto questo riguardo al taoismo, al vedanta e allo Yoga”; e poco oltre: “una via di liberazione non può avere nessuna definizione positiva”. Watts, con ammirevole sforzo didattico, predispone il lettore al radicale mutamento di paradigma necessario per accedere all’esperienza zen, la quale si pone di là dalla percezione duale della realtà, dallo strangolamento meccanico e ottuso del senso nel cappio dei significanti e dei significati. Già, significanti e significati, pie superstizioni del linguaggio larvate di erotismo, feticismi del segno e voluttà del simbolico, finanche nelle loro manifestazioni insospettabili, nelle dottrine più nobili e “spirituali”, nel sacro, nel buddhismo stesso: all’imperatore devoto che lo interrogava sul principio della sacra dottrina, Bodhidharma rispose: ”è semplicemente il vuoto. Niente di sacro”.
    Per garantire al lettore l’ingresso in questa diversa temperie mentale l’autore non si risparmia: similitudini più o meno ardite e più o meno efficaci lasciano frequentemente il posto alle fonti tradizionali, ai koan e ai mondo, le storielle e i rompicapo paradossali adottati nella formazione dei monaci al fine di provocare il cortocircuito frastico che scioglie la coscienza dalle catene semantiche che la impacciano. Limpida e funzionale è inoltre la panoramica storica sulle origini e i presupposti dottrinali dello zen, sui suoi rapporti con le esperienze taoiste, vedantiche e yogiche, nonché col buddhismo nelle sue diverse scuole; sulle sue espressioni formali: ikebana, poesia, kendo, pittura.
    Questo libro non insegna nulla, ovvero fornisce gli strumenti migliori per disapprendere. Un ausilio prezioso per il neofita.

    Is this helpful?

    Eleutherios said on Aug 1, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'illuminazione (satori) per lo zen non è "niente di speciale" (wu-shih). Si tratta di smetterla con un uso assurdo e innaturale della mente. Facile a dirsi, difficilissimo a farsi. Lo zen, che sfugge ad ogni tentativo di afferrarlo con le parole, pu ...(continue)

    L'illuminazione (satori) per lo zen non è "niente di speciale" (wu-shih). Si tratta di smetterla con un uso assurdo e innaturale della mente. Facile a dirsi, difficilissimo a farsi. Lo zen, che sfugge ad ogni tentativo di afferrarlo con le parole, può essere inseguito procedendo senza esitazioni, accettando l'assenza di scopo, abbracciando la spontaneità.

    Il libro offre una panoramica storica breve ma interessante sull'origine del buddismo fino alla sua ramificazione nello zen. La seconda parte è dedicata agli aspetti concreti di quest'ultimo.

    Come primo approccio al tema l'ho trovato molto interessante e di piacevole lettura.

    Is this helpful?

    Wu Shih said on Mar 28, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un ottimo testo per comprendere il senso dello zen, partendo proprio dalla sua inesprimibilità secondo le categorie concettuali del pensiero occidentale. Non un manuale per fare proseliti ma una riflessione accurata sulle origini e lo sviluppo dello ...(continue)

    Un ottimo testo per comprendere il senso dello zen, partendo proprio dalla sua inesprimibilità secondo le categorie concettuali del pensiero occidentale. Non un manuale per fare proseliti ma una riflessione accurata sulle origini e lo sviluppo dello zen e la sua espressione nell'arte giapponese. Molto interessante

    Is this helpful?

    Raffa said on Oct 24, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (568)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Others 247 Pages
  • ISBN-10: 8807806320
  • ISBN-13: 9788807806322
  • Publisher: Feltrinelli (Universale Economica, 632)
  • Publish date: 1996-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback , Paperback
Improve_data of this book

Margin notes of this book