Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La ballata della donna ertana

Di

Editore: A. Mondadori (Scrittori italiani e stranieri)

3.5
(100)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 81 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804608692 | Isbn-13: 9788804608691 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace La ballata della donna ertana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo aver celebrato le sue montagne e i loro segreti e aver dato vita a epici personaggi nati tra i boschi, Mauro Corona presta la sua voce calda e potente a una donna, per raccontarne la vita costellata di sventure ma sorretta da un incrollabile coraggio. Come tante madri e mogli vissute in società patriarcali, la protagonista di questa ballata è tormentata dalla fatica dei giorni e dalla brutalità degli uomini: alle spalle ha il lavoro nei campi o dentro casa, gli abusi di un marito violento, anni svuotati di ogni gioia tranne l'amore per i figli. Davanti a sé nessuna speranza, se non l'attesa della morte per "mettere le ali e volare in paradiso". Finché un giorno dei forestieri arrivano in paese per costruire una diga, portando finalmente un po' di benessere... Ancora non sa, la donna ertana, che il 9 ottobre del 1963 sarà proprio quella diga a provocare l'apocalisse. In questa grande ballata Mauro Corona canta la forza e l'orgoglio di tutte le donne capaci di affrontare a testa alta le durezze del destino e lo fa attingendo al dialetto della sua terra, una lingua impastata di sudore e sangue, schioccante come i rami che si spezzano sotto il peso della neve, dolce come la carezza di una madre.
Ordina per
  • 5

    grande ballata Mauro Corona canta la forza e l’orgoglio di tutte le donne capaci di affrontare a testa alta le durezze del destino: e lo fa attingendo al dialetto della sua terra, una lingua impastata di sudore e sangue, schioccante come i rami che si spezzano sotto il peso della neve, dolce come ...continua

    grande ballata Mauro Corona canta la forza e l’orgoglio di tutte le donne capaci di affrontare a testa alta le durezze del destino: e lo fa attingendo al dialetto della sua terra, una lingua impastata di sudore e sangue, schioccante come i rami che si spezzano sotto il peso della neve, dolce come la carezza di una madre.

    ha scritto il 

  • 5

    Dignità, sacrificio, miseria, vita grama, figli da non abbandonare, violenza del marito e violenza sessuale degli uomini in generale, omertà...tutto questo e molto altro in questo libro prezioso che mi ha colpito al cuore.

    ha scritto il 

  • 4

    Una ballata sulle donne - in dialetto ertano, ma con l'indispensabile traduzione a fronte - e la loro vita. La vita delle donne di una volta, che non era certo da invidiare, in quanto a libertà..

    ha scritto il 

  • 2

    Trascurabile

    Le solite tematiche di Corona, esposte in una forma che mal gli si addice. Insopportabili poi i versi in cui la protagonista in qualche modo rimpiange l'uomo che la violentò. Ma per piacere!

    ha scritto il 

  • 4

    Una cruda storia di una donna Ertana, spero non sia vera invase ma racchiuda varie storie di vita di varie donna di montagna di una volta. Vita di sofferenze e crudeltá. Una cosa che mi è piaciuta è stata la storia in dialetto che segue passo passo quella in italiano, come i libri in lingua stran ...continua

    Una cruda storia di una donna Ertana, spero non sia vera invase ma racchiuda varie storie di vita di varie donna di montagna di una volta. Vita di sofferenze e crudeltá. Una cosa che mi è piaciuta è stata la storia in dialetto che segue passo passo quella in italiano, come i libri in lingua straniera. Curioso.

    ha scritto il 

  • 1

    Bello come un calcio in bocca

    Un racconto noioso e costoso. Fortunatamente è breve, quindi non avrete la sensazione di aver buttato via troppo tempo. Purtroppo sembra proprio che il caro Corona non abbia più niente da dire. Dovrebbe essere meno produttivo e dedicarsi a qualche bella e corposa favola.

    ha scritto il 

Ordina per