Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La bambina che amava Tom Gordon

By Stephen King

(755)

| Paperback | 9788804478379

Like La bambina che amava Tom Gordon ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare". Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red S Continue

"Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare". Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 Gordon sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo era persa nel bosco. Alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di non pensare: 'Questa è una cosa seria, questa è una cosa molto seria'. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva."

309 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    la historia me parece un poco aburrida en un principio, es una niña que se pierde en el bosque y hasta la primera mitad del libro solamente relata su vivencia en él, como sobrevive y poco más. Así que llega a hacerse bastante pesado y monótono.

    htt ...(continue)

    la historia me parece un poco aburrida en un principio, es una niña que se pierde en el bosque y hasta la primera mitad del libro solamente relata su vivencia en él, como sobrevive y poco más. Así que llega a hacerse bastante pesado y monótono.

    http://lepetitmondedelivres.blogspot.com.es/2014/08/la-…

    Is this helpful?

    MissAntropa said on Aug 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quando sono abbastanza lontano mi fermo, respiro profondamente, e non mi sento. Il mio respiro non ha volume, ma non me ne preoccupo vado avanti, vado verso destra, ancora l/unica direzione possibile. La luce corre con me ma la foresta si fa sempre p ...(continue)

    Quando sono abbastanza lontano mi fermo, respiro profondamente, e non mi sento. Il mio respiro non ha volume, ma non me ne preoccupo vado avanti, vado verso destra, ancora l/unica direzione possibile. La luce corre con me ma la foresta si fa sempre più fitta e così l/intenso bagliore si spezza, si frantuma in una ragnatela di raggi luminosi. Il prato sotto i miei piedi rimane nero e erboso ma presto sento attrito, poi rumore d/acqua. Supero un gruppo di alberi curiosamente disposti e mi ritrovo sulla riva di una lago, di cui vedo il fondo, di cui vedo l/altra sponda. Non posso nuotare, è una regola. C/è una scatola di legno. Mi guardo velocemente attorno, guardo in alto il cielo grigio, gli alberi, i rami che quasi formano una struttura. C/è un enorme tronco in cima che potrebbe cadere. Trascino la scatola di legno vicino al gruppo di alberi e con facilità comincio a scalare, ad arrampicarmi, salto su un ramo, poi su un altro, c/è una piccola corda la afferro e salto di nuovo. La mano accompagna ogni mio salto e noto che il movimento è sempre più preciso, meno disperso, ora a muoversi sono solamente mignolo e anulare il resto della mano è fermo. Mi ritrovo presto davanti al tronco spezzato. Si tiene su a stento, lo premo e cade giù, sento il tonfo nell’acqua. Rifaccio la strada al contrario e quando arrivo vicino l/acqua salgo agilmente sul tronco e salto sulla riva opposta. Corro pieno di una nuova sicurezza e non mi guardo neanche intorno, ormai la luce non è altro che un lampo nell/oscurità e quasi sono oscurità io stesso. I miei occhi mi guidano sono scie luminose. Il prato prosegue incolto, l/erba si fa più rada, al mio passaggio si alza presto una polvere nera. Non vedo niente alla mia destra e continuo a correre ma poi da dietro un albero sento qualcosa, guardo e vedo muoversi lenta l/enorme zampa del ragno. Mi blocco, ma non tremo, finalmente ricordo [ho perso mia sorella, devo ritrovare mia sorella].

    Is this helpful?

    (skate) said on Jul 21, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    STUPENDO

    Una pericolosa avventura ai limiti della sopravvivenza in cui una bambina tira fuori risorse che non sospettava nemmeno di avere. Sue compagne di viaggio diventano visioni del suo eroe Tom Gordon ed allucinazioni provocate dalla debolezza.
    Ma sopratu ...(continue)

    Una pericolosa avventura ai limiti della sopravvivenza in cui una bambina tira fuori risorse che non sospettava nemmeno di avere. Sue compagne di viaggio diventano visioni del suo eroe Tom Gordon ed allucinazioni provocate dalla debolezza.
    Ma sopratutto lei sa che c'è anche una "cosa" in quel bosco che la segue sempre...ed aspetta solo il momento giusto.

    Is this helpful?

    Artemide said on Jul 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Sin duda es el libro más simple que SK ha escrito en toda su carrera. El argumento es sencillo: una niña se pierde en el bosque, por lo que tiene que valerse por sí misma hasta que alguien la encuentre o bien, hasta que ella encuentre la ciudad más c ...(continue)

    Sin duda es el libro más simple que SK ha escrito en toda su carrera. El argumento es sencillo: una niña se pierde en el bosque, por lo que tiene que valerse por sí misma hasta que alguien la encuentre o bien, hasta que ella encuentre la ciudad más cercana. Nada más y nada menos. Está presente el tema de la supervivencia y del hombre contra la naturaleza, que SK aborda en otros libros de manera más acertada y profunda.

    En este libro, sin embargo, abunda la simpleza, se adivina el final (quizá como en otros libros de SK), pero ni siquiera se disfruta el viaje hacia ese final, cosa que hace interesantes e incluso entrañables otros libros del autor. La prosa también es simple, acorde quizá al pensamiento de una niña (aunque a veces no lo parece del todo), por lo que, aunque está bien escrita y estructurada, así como también permite conocer a la protagonista y el entorno que la rodea, vaya, una prosa que consigue trasladar al lector al mundo que el autor ha creado, este mundo no resulta tan interesante.

    El final es rápido, da la impresión de que el autor se ha aburrido, de que no sabe qué hacer o de que quiere evitar elaborar más en un punto crítico, que sostiene a la historia y que no termina en nada concreto. Sinceramente le doy 3 estrellas porque es mi autor favorito y no me decepciona con su prosa y su creación de personajes, pero es el libro que menos recomiendo leer de su obra, no tiene nada del encanto del autor y más parece un tributo al béisbol que una novela como tal.

    Is this helpful?

    Laurine said on Jun 25, 2014 | Add your feedback

  • 12 people find this helpful

    Una piccola gemma!

    Una storia molto semplice per uno dei romanzi di King più particolari e atipici!

    Una bambina si perde nei boschi dopo una gita con la sua famiglia... mentra raziona l'acqua e le pile del walkman (unica cosa che la tiene in contatto con la realtà), c ...(continue)

    Una storia molto semplice per uno dei romanzi di King più particolari e atipici!

    Una bambina si perde nei boschi dopo una gita con la sua famiglia... mentra raziona l'acqua e le pile del walkman (unica cosa che la tiene in contatto con la realtà), comincia per lei il difficile compito di rimanere lucida e di separare le sue sempre crescenti allucinazioni dalla dura realtà del bosco che la circonda... il problema è che il bosco in questione è lo stesso di Pet Sematary, quindi riuscire ad effettuare questa apparentemente basilare distinzione non sarà poi così semplice e immediato...

    Un romanzo non molto lungo ma, allo stesso tempo, molto 'denso' e intriso di suspense e terrore: il buon Stephen riesce perfettamente a fare entrare chi legge nella testa della bambina e a fargli sentire e provare tutto quello che vive in prima persona la povera Trisha!
    Nel suo classico stile, King riesce, infatti, a rendere pienamente vivibili le emozioni generate dal graduale passaggio dalla gioia di una semplice gita nei boschi al puro terrore di ritrovarcisi perduti e disorientati con costanti apparizioni allucinatorie... ma saranno veramente solo allucinazioni?

    Da leggere!

    Is this helpful?

    Gio said on May 27, 2014 | 3 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book