La banalità del bene

Storia di Giorgio Perlasca

Voto medio di 780
| 95 contributi totali di cui 86 recensioni , 9 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 01/09/17
mentre leggevo la storia vera, mi ha appassionato, ne seguivo passo passo le terribili vicende. Giorgio Perlasca l'ho conosciuto meglio attraverso questo libro rafforzato anche dal ricordo televisivo interpretato da Luca Zingaretti.L'otto settembre ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 17/07/17
«Lei che cosa avrebbe fatto, al mio posto?». Sarebbe bello poter rispondere: «La stessa cosa.» (p. 14)
  • 3 mi piace
Ha scritto il 05/03/17
Giusto contrappunto al libro della Arendt, il libro di Deaglio è frutto di un piacevole e scorrevole giornalismo, con i corretti approfondimenti storici. Davvero esemplare la vita di Perlasca, e dei tanti altri che - pur facendo meno, e non essere ...Continua
  • 3 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 13/11/16
Chi è Giorgio Perlasca
Ci sono una città meravigliosa che sarà distrutta, un governo che perseguita gli innocenti, una cultura millenaria che rischia l'estinzione, un pugno di giusti, un personaggio sconosciuto ai libri di storia, un ingegnoso inganno. Una storia ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 16/10/16
"L'occasione fa l'uomo ladro, di me ha fatto un'altra cosa"
La storia di Giorgio Perlasca, italiano in Ungheria durante la seconda guerra mondiale. Un uomo qualunque che di fronte all'orrore della guerra si è inventato il modo (e che modo!) di salvare dalla deportazione migliaia di ebrei ungheresi. ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il Sep 19, 2012, 16:56
Quei milioni, che per i nazisti erano dei vivi da uccidere, per gli Alleati era già morti.
Pag. 49
Ha scritto il Sep 19, 2012, 16:56
Tutto quello che il mondo necessitava di sapere sui propositi dei nazisti nei confronti degli ebrei, si sapeva.
Pag. 48
Ha scritto il Sep 19, 2012, 16:56
E lei, che cosa sapeva? “Sapevo quello che avevo visto con i miei occhi. Bisognava essere ciechi per non vedere. Era impossibile non sapere.”
Pag. 33
Ha scritto il Sep 19, 2012, 16:56
Mi chiedevo: come è possibile che una persona del genere viva da qualche parte in Italia e nessuno l’abbia mai sentito nominare? Perché le persone che ha salvato non hanno detto al mondo di lui? Perché non se ne è parlato sui giornali? Perché ...Continua
Pag. 25
Ha scritto il Sep 19, 2012, 16:55
“Ora mi capita di incontrare persone che dicono di ricordarmi. Ma a me, purtroppo, non dicono nulla, perché loro erano bambini al tempo. Quelli che conoscevo io, sono tutti morti. Io vedo che loro si dispiacciono perché non mi ricordo di loro. ...Continua
Pag. 23

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi