La banalità del bene

Storia di Giorgio Perlasca

Voto medio di 789
| 87 contributi totali di cui 85 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Una storia vera, simile a un romanzo di avventure: l'incredibile vicenda del commerciante padovano Giorgio Perlasca (1910-1992) che, nell'inverno del 1944, a Budapest, riuscì a salvare dallo sterminio migliaia di ebrei, spacciandosi per il console sp ...Continua
Rose
Ha scritto il 01/09/17
mentre leggevo la storia vera, mi ha appassionato, ne seguivo passo passo le terribili vicende. Giorgio Perlasca l'ho conosciuto meglio attraverso questo libro rafforzato anche dal ricordo televisivo interpretato da Luca Zingaretti. L'otto settembre...Continua
...
Ha scritto il 17/07/17

«Lei che cosa avrebbe fatto, al mio posto?». Sarebbe bello poter rispondere: «La stessa cosa.» (p. 14)

Marco (ora su...
Ha scritto il 05/03/17
Giusto contrappunto al libro della Arendt, il libro di Deaglio è frutto di un piacevole e scorrevole giornalismo, con i corretti approfondimenti storici. Davvero esemplare la vita di Perlasca, e dei tanti altri che - pur facendo meno, e non essere qu...Continua
Riccardomimmoxxx
Ha scritto il 13/11/16
Chi è Giorgio Perlasca
Ci sono una città meravigliosa che sarà distrutta, un governo che perseguita gli innocenti, una cultura millenaria che rischia l'estinzione, un pugno di giusti, un personaggio sconosciuto ai libri di storia, un ingegnoso inganno. Una storia vera. In...Continua
Scarlett
Ha scritto il 16/10/16
"L'occasione fa l'uomo ladro, di me ha fatto un'altra cosa"
La storia di Giorgio Perlasca, italiano in Ungheria durante la seconda guerra mondiale. Un uomo qualunque che di fronte all'orrore della guerra si è inventato il modo (e che modo!) di salvare dalla deportazione migliaia di ebrei ungheresi. Rischiando...Continua

Blanche Neige
Ha scritto il Nov 16, 2009, 17:35
"Signor Perlasca. Lei era un commerciante italiano. Lei non era parte in causa. Lei avrebbe potuto scappare da Budapest. Perchè ha fatto tutto quello che ha fatto?" "Vedevo delle persone che venivano uccise e, semplicemente, non potevo sopportarlo. H...Continua
Blanche Neige
Ha scritto il Nov 16, 2009, 17:34
"Lei che cosa avrebbe fatto al mio posto?" Una di quelle domande pesanti in cui viene richiesta la complicità dell'interlocutore. Un quesito breve che supplica comprensione, fa balenare la fragilità e la debolezza umana, non solo di chi parla, ma sop...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi