La banalità del male

Eichmann a Gerusalemme

Di

Editore: Feltrinelli

4.3
(1985)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 316 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Tedesco , Portoghese , Spagnolo , Ungherese , Ceco , Polacco , Croato

Isbn-10: 8807816407 | Isbn-13: 9788807816406 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Piero Bernardini

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Storia , Filosofia , Politica

Ti piace La banalità del male?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Otto Adolf Eichmann, figlio di Karl Adolf e di Maria Schefferling, catturato in un sobborgo di Buenos Aires la sera dell'11 maggio 1960, trasportato in Israele nove giorni dopo e tradotto dinanzi al Tribunale distrettuale di Gerusalemme l'11 aprile 1961, doveva rispondere di 15 imputazioni.
Aveva commesso, in concorso con altri, crimini contro il popolo ebraico e numerosi crimini di guerra sotto il regime nazista.

L'autrice assiste al dibattimento in aula e negli articoli scritti per il "New Yorker", sviscera i problemi morali, politici e giuridici che stanno dietro il caso Eichmann. Il Male che Eichmann incarna appare nella Arendt "banale", e perciò tanto più terribile, perché i suoi servitori sono grigi burocrati. I macellai di questo secolo non hanno la "grandezza" dei demoni: sono dei tecnici, si somigliano e ci somigliano.
Ordina per
  • 3

    Ingredienti: un processo dall’esito scontato ad un gerarca nazista, un uomo qualunque finito per caso nell'impero del male, l’obbedienza agli ordini come virtù criminale, le tre tragiche tappe della q ...continua

    Ingredienti: un processo dall’esito scontato ad un gerarca nazista, un uomo qualunque finito per caso nell'impero del male, l’obbedienza agli ordini come virtù criminale, le tre tragiche tappe della questione ebraica (espulsione, concentramento, sterminio).
    Consigliato: a chi vuol vedere più nitido e sfumato insieme il confine tra vittime e carnefici, a chi vuol conoscere tanti episodi secondari nascosti tra le pagine più brutte della storia umana.

    ha scritto il 

  • 5

    Per non dimenticare: il mio tributo annuale alla Shoah.
    Libro derivato dai resoconti della scrittrice al processo in Gerusalemme a Adolf Eichmann rapito in Argentina e portato al processo per crimini ...continua

    Per non dimenticare: il mio tributo annuale alla Shoah.
    Libro derivato dai resoconti della scrittrice al processo in Gerusalemme a Adolf Eichmann rapito in Argentina e portato al processo per crimini all'umanità; giustiziato il 31 maggio 1962.
    Il libro di Hannah Arendet tocca argomenti che oltre: alla deportazione, lo stato di apolide, la soluzione finale, i consigli degli Anziani ebrei, le diverse risposte allo sterminio degli Stati dalla Danimarca alla Polonia che già fanno inorridire; tocca dicevo argomenti filosofici egiuridici che mai con le mie poche conoscenze pensavo di poter affrontare,
    Questo grazie alla accessibile scrittura di Hannah.
    La figura di Eichmann risulta secondaria, un burocrate molto efficiente questo si ma lui è solo il pretesto per farci conoscere questa grande sciagurata pagina di storia.
    La sua esecuzione irrilevante.......

    ha scritto il 

  • 3

    Non è il libro che credevo fosse.
    E' un resoconto lungo e dettagliato della ragnatela amministrativa del Reich, e una sequela di nomi e fatti - piu' intricati del dovuto - degli anni bui del nazismo.
    ...continua

    Non è il libro che credevo fosse.
    E' un resoconto lungo e dettagliato della ragnatela amministrativa del Reich, e una sequela di nomi e fatti - piu' intricati del dovuto - degli anni bui del nazismo.
    Per i miei interessi sarebbero bastati gli ultimi due capitoli, epilogo ed appendice.
    Ma era una lettura che andava fatta, e si legge di come la connivenza di un popolo tutto abbia permesso un regime cosi' ignobile che neppure nella penna di uno scrittore fantasy avrebbe potuto trovare dimora.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro duro, doloroso nel quale l’autrice descrive il processo, avvenuto a Gerusalemme nel 1960, ad Eichmann, il criminale nazista che aveva avuto un ruolo fondamentale nella deportazione degli ebr ...continua

    Un libro duro, doloroso nel quale l’autrice descrive il processo, avvenuto a Gerusalemme nel 1960, ad Eichmann, il criminale nazista che aveva avuto un ruolo fondamentale nella deportazione degli ebrei durante il periodo del regime nazista. Responsabilità dunque da chiarire, in questo caso quelle dell’accusato, un uomo “ che aveva sempre fatto il suo dovere e obbedito agli ordini che gli venivano dati “ e ne era orgoglioso, faceva bene il suo lavoro, sperava sempre in una promozione, voleva fare carriera e nel frattempo aumentava il numero di treni che portavano gli ebrei verso i campi di sterminio. Era quindi una rotella quest’uomo, faceva parte di un meccanismo, attento che tutto procedesse “normalmente”, attento ai numeri senza pensare alla tragicità di quelle operazioni. Già, non un mostro, un uomo normale incapace di pensare, incapace di giudicare, un uomo banale assieme a tanti altri come lui, ma proprio per questo il male che ne è scaturito è ancora più angosciante, più inquietante. L’autrice fa anche delle profonde riflessioni sulla conduzione del processo, l’accusato era colpevole non solo contro gli ebrei ma contro l’umanità intera, quindi perché non farlo giudicare da un tribunale internazionale? In queste pagine il lettore trova un’analisi accurata della personalità di Eichmann, del processo, della “questione ebraica”, tanti argomenti sui quali riflettere che rendono la lettura interessante e necessaria per ricordare, per non dimenticare.

    ha scritto il 

  • 5

    IL MALE CON LA GIACCA BUONA DELLA DOMENICA

    Questo non è un libro, ma un pezzo di vita, una scheggia di storia intrappolata tra le pagine. Hanna Harendt segue il processo ad Eichmann, unico criminale nazista processato a Gerusalemme dopo essere ...continua

    Questo non è un libro, ma un pezzo di vita, una scheggia di storia intrappolata tra le pagine. Hanna Harendt segue il processo ad Eichmann, unico criminale nazista processato a Gerusalemme dopo essere stato prelevato in Argentina dal Mossad. La Harendt segue il processo/evento da giornalista e il piglio cronachistico non manca, ma è tutta la parte di approfondimento storico e speculativo che fa la differenza. La Harendt trova la spiegazione di tutto, o almeno ci prova, sappiamo bene quanto questo libro le sia costato in termini di simpatia negli ambienti ebraici americani e anche in termini accademici, nella banalità del male. Il male non con la M maiuscola, quella è l'eccezione del male, come dire, quello è il male che si incarna nelle grandi bestie, nei Satana della storia, ma poi c'è il male banale, quello fatto così, alla buona, quello di sponda, messo in atto dagli eserciti di segretari e fedeli esecutori che agiscono senza osservare neanche una manciata di secondi di riflessione sulle finalità dei loro gesti. E' così, c'è il male di Hitler, ma c'è anche il male di Eichmann burocrate anonimo, ma la tempo stesso fondamentale, responsabile dei treni che giungevano ai campi di sterminio. C'è il male dell'assassino, dello stupratore, del seviziatore, ma c'è il male di chi gira la testa dall'altra parte, di chi si sente responsabile del solo proprio segmento di azione e mai di quello che lo precede o lo segue. Ecco, c'è un male vestito con la giacca buona della domenica, con gli occhiali sempre puliti e i fogli sempre in ordine sulla scrivania. Proprio come Eichmann.

    ha scritto il 

  • 4

    Il caso Eichman tra storia e dibattito filosofico

    La ricostruzione del processo è condotta sui documenti originali. Sulla vasta bibliografia già disponibile all 'inizio degli anni '60 è invece fondata l'ampia parte dedicata a che cosa fu o come fu re ...continua

    La ricostruzione del processo è condotta sui documenti originali. Sulla vasta bibliografia già disponibile all 'inizio degli anni '60 è invece fondata l'ampia parte dedicata a che cosa fu o come fu reso possibile quello che allora chiamavamo olocausto e poi shoah, ovvero il genocidio de popolo ebreo in Europa.
    Sono le pagine dove brilla il talento giornalistico, l'analisi politica e il rigore storiografico di Arendt.
    Che non fa sconti a nessuno, nemmeno alla sua parte.
    Ciò nondimeno Arendt difende il processo che a 50 anni e più di distanza appare giuridicamente indifendibile.
    In fondo questa sarà poi la storia di Israele: nessuno o quasi, almeno in Occidente - ha mai negato il suo diritto di difendersi e contrattaccare, spesso vendicandosi contro i nemici e addirittura sparando nel mucchio, altra cosa è voler aver sempre ragione, evocando a sproposito il concetto di giustizia.
    Il processo Eichmann fu una grande operazione mediatica, ma ebbe molto poco a che fare con la giustizia.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per