Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La bella e la bestia: arte e neuroscienze

Di ,

Editore: Laterza

3.4
(12)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8842093904 | Isbn-13: 9788842093909 | Data di pubblicazione: 

Genere: History , Science & Nature

Ti piace La bella e la bestia: arte e neuroscienze?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questo libro è una rilettura dell'arte contemporanea vista dalla prospettiva di ciò che, a oggi, sappiamo sul sistema nervoso umano. Il nostro cervello, per permetterci di sopravvivere in un mondo che cambia incessantemente, è alla ricerca perenne di proprietà costanti. La ricerca di stabilità si manifesta non soltanto nell'attribuire un significato ai segnali che ci raggiungono dal mondo circostante, ma anche nella costruzione, percezione ed espressione del proprio corpo e delle proprie emozioni, in ultima istanza della propria identità. In queste pagine esploreremo come la ricerca, forse irraggiungibile, di questa stabilità abbia spinto il cervello umano, fin dalle origini della storia, verso la creazione artistica e sia diventata la protagonista stessa dell'arte contemporanea.
Ordina per
  • 3

    Il volume, agile e sostanzialmente divulgativo, costituisce la trascrizione dell'intervento di Semir Zeki e Ludovica Lumer al
    Festival della mente di Sarzana del 2009. Si tratta di due autori - Zeki soprattutto - noti a chi si occupa di neuroscienze cognitive, in particolare delle basi neurobiolo ...continua

    Il volume, agile e sostanzialmente divulgativo, costituisce la trascrizione dell'intervento di Semir Zeki e Ludovica Lumer al Festival della mente di Sarzana del 2009. Si tratta di due autori - Zeki soprattutto - noti a chi si occupa di neuroscienze cognitive, in particolare delle basi neurobiologiche della percezione estetica. Nel libro si ritrovano tesi note: l'impatto neurologico del principio di costanza e dell'ambiguità, la funzione semplificatoria che l'arte svolge in relazione al mondo attraverso l'indicazione dell'universale, la genesi del piacere estetico dallo shock neuronale prodotto dalla fruizione di determinate immagini. Utile per chi vuole farsi una prima idea generale sull'argomento. Per chi invece è già "allenato" e familiarizzato con le questioni di neuroscienza, molto meglio di Zeki il volume edito da Boringhieri "La visione dall'interno".

    ha scritto il 

  • 3

    giudizio scientifico

    mi aspettavo molta piu' scienza e meno "filosofia" da questo libro. La scienza c'e' ma la scrittura spesso si perde in ragionamenti piu' consoni alla filosofia della conoscenza che ad i processi mentali, dati alla mano, alla base.
    Si e' voluto dare una spiegazione scientifica, un senso, alle oper ...continua

    mi aspettavo molta piu' scienza e meno "filosofia" da questo libro. La scienza c'e' ma la scrittura spesso si perde in ragionamenti piu' consoni alla filosofia della conoscenza che ad i processi mentali, dati alla mano, alla base. Si e' voluto dare una spiegazione scientifica, un senso, alle opere di Fontana, Pollock, etc intendendole come ricerca del superamento dei limiti della mente. La mente certa di trovare continuità e senso in tutto omologando anche cio' (es. i colori) che sarebbe diverso a seconda della angolazione. La incapacita' di riprodurre la realta' come sentita genera frustrazione e da qui l'arte contemporanea, etc etc. Posso capirlo ma ... seppur lodevoli siamo ben lontani dalla capacita' descrittiva della percezione di un Oliver Sacks

    ha scritto il