Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La bestia umana

Di

Editore: Newton Compton (Biblioteca Economica Newton. Classici 47)

4.1
(474)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 248 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Olandese

Isbn-10: 8879839845 | Isbn-13: 9788879839846 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luisa Collodi ; Prefazione: Riccardo Reim

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace La bestia umana?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Ciao Darwin!

    Il progresso, locomotive e linee ferroviarie spiegate quasi maniacalmente e l'uomo che rimane intrappolato negli istinti primordiali, il bisogno di smembrare la femmina che non si riesce a possedere, uccidere il maschio rivale, la bestia che rimane radicata nell'essere umano. La bestia umana. ...continua

    Il progresso, locomotive e linee ferroviarie spiegate quasi maniacalmente e l'uomo che rimane intrappolato negli istinti primordiali, il bisogno di smembrare la femmina che non si riesce a possedere, uccidere il maschio rivale, la bestia che rimane radicata nell'essere umano. La bestia umana.

    ha scritto il 

  • 4

    Acciaio, sangue e passione

    Cosa hanno in comune una fiammante e potente locomotive a vapore di nome Lison, il suo macchinista, un sottocapostazione e sua moglie e il presidente della compagnia ferroviaria? E la Francia del II impero? Probabilmente la dissoluzione sociale, la miseria morale, la decomposizione delle relazion ...continua

    Cosa hanno in comune una fiammante e potente locomotive a vapore di nome Lison, il suo macchinista, un sottocapostazione e sua moglie e il presidente della compagnia ferroviaria? E la Francia del II impero? Probabilmente la dissoluzione sociale, la miseria morale, la decomposizione delle relazioni e dei valori, la volontà di potenza e l'impotenza a realizzare il minimo cambiamento delle condizioni personali e collettive. Il romanzo parte proprio da una scena normale, di una coppia sposata da poco, apparentemente felice mentre si accinge a fare l'amore. Ma un piccolo dettaglio, irrilevante - uno stupido, pessimo anello - fa esplodere una serie di violenze e di sangue. Il sesso, il potere, l'angoscia sono elementi di una lucida e amara analisi della società industriale del tardo ottocento francese, dove alla forza delle nuove macchine proiettate verso il futuro e la ricchezza, si contrappone una marcescente rete di violenze private e dissoluzioni interiori. Sarà mica il caso di guardare un po' all'oggi?

    ha scritto il 

  • 4

    .

    L’ho iniziato spaventata dalla lingua originale, quasi certa di mollare dopo un paio di pagine, invece mi sono sorpresa, ho terminato la lettura e ho rispolverato il francese, posso essere un po’ orgogliosa? La Bête Humaine è un romanzo naturalista sulla ferrovia e sul crimine e la sua struttura ...continua

    L’ho iniziato spaventata dalla lingua originale, quasi certa di mollare dopo un paio di pagine, invece mi sono sorpresa, ho terminato la lettura e ho rispolverato il francese, posso essere un po’ orgogliosa? La Bête Humaine è un romanzo naturalista sulla ferrovia e sul crimine e la sua struttura è proprio come il percorso di questi grandi treni che partono da una stazione per raggiungerne un’altra, con rallentamenti e fermate ad ogni stazione, cioè ad ogni capitolo. I luoghi e lo spazio sono scanditi da orari ferroviari e dal perpetuo transito di treni in arrivo e in partenza. I personaggi hanno caratteri mostruosi, non esitano, non hanno scrupoli né rimorsi e non sono degni di redenzione. Proprio come l’uomo delle caverne, agiscono guidati da istinti primordiali, sono esseri passivi sottomessi da una parte al loro temperamento e ai loro impulsi, dall’altra dalle circostanze. Tutti hanno le mani sporche di sangue. A confermare che l’uomo è determinato dall’eredità e dall’ambiente c’è Jacques Lantier (forse ispirato a Jack lo Squartatore) discendente di ubriaconi e violenti e che si lascia vincere dai suoi bisogni. Ho adorato la personificazione della Lison, che all’inizio percepiamo bella nel pieno della sua giovinezza; poi malata, abbruttita e provata da una bufera di neve e infine morta di morte violenta per riagganciarsi al destino dei protagonisti del romanzo. Magnifico.

    ha scritto il 

  • 4

    la tecnologia dà un nuovo ritmo al quotidiano dove il progresso e la civilizzazione bilanciano la parte animale dell'uomo che le passioni e l'istinto cercano di far prevalere. le regole morali stabilite per una pacifica convivenza talvolta però vengono sopraffatte dalla razionalità che cerca di ...continua

    la tecnologia dà un nuovo ritmo al quotidiano dove il progresso e la civilizzazione bilanciano la parte animale dell'uomo che le passioni e l'istinto cercano di far prevalere. le regole morali stabilite per una pacifica convivenza talvolta però vengono sopraffatte dalla razionalità che cerca di assolvere ai bisogni primari seguendo sentieri ancestrali.

    ha scritto il 

  • 3

    'E sibila il vapore e sembra quasi cosa viva'

    Chi ama Zola, il realismo, il modo in cui ci sbatte in faccia le miserie umane e il modo chirurgico con cui riesce a descrivere la decadenza dell'uomo, abbruttito da quella rivoluzione industriale di cui egli è stato testimone( e che genera ancora oggi i suoi frutti guasti), non può che amare qua ...continua

    Chi ama Zola, il realismo, il modo in cui ci sbatte in faccia le miserie umane e il modo chirurgico con cui riesce a descrivere la decadenza dell'uomo, abbruttito da quella rivoluzione industriale di cui egli è stato testimone( e che genera ancora oggi i suoi frutti guasti), non può che amare qualunque suo libro.

    Certo bisogna riconoscere che alcuni sono più riusciti di altri.
    La belva umana riprende temi e situazioni già incontrati in altre opere. Si aggiunge l'immagine centrale del treno,simbolo di un umanità che corre indifferente verso un progresso, un'avvenire che non conosce e non vuole capire, ma per il quale nutre una fiducia incondizionata e mal riposta.

    ha scritto il 

  • 3

    La bestia umana è sempre in agguato.

    La locomotiva, simbolo della modernità, frutto delle facoltà umane più elevate, unisce i destini dei vari protagonisti mettendo a nudo, attraverso essi, gli aspetti più atroci e perversi dell' animo umano. Passione, morte, abusi saranno i veri protagonisti di questo romanzo dal ritmo frenetico. B ...continua

    La locomotiva, simbolo della modernità, frutto delle facoltà umane più elevate, unisce i destini dei vari protagonisti mettendo a nudo, attraverso essi, gli aspetti più atroci e perversi dell' animo umano. Passione, morte, abusi saranno i veri protagonisti di questo romanzo dal ritmo frenetico. Bello e tremendamente crudo allo stesso tempo. Che dire, io adoro Zola!

    ha scritto il 

  • 5

    Puissant, épique

    La fêlure dans l'être humain, celle qui lui ronge l'existence et le détruit. Et à un certain point on se demande, entre la Lison (locomotrice) et les personnages, quelle est la bête? quel l'être humain?

    ha scritto il 

  • 0

    "La bestia umana" di Émile Zola

    http://www.booksblog.it/post/9559/la-bestia-umana-di-emile-zola

    Quale miglior prova delle teorie deterministiche che un vero e proprio “romanzo dimostrativo”? Ecco il nucleo vincente della “magia spuria” contenuta nella narrazione netta e priva di fronzoli di Zola.

    ha scritto il