Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La breve favolosa vita di Oscar Wao

By Junot Diaz

(608)

| Paperback | 9788804586890

Like La breve favolosa vita di Oscar Wao ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Oscar è un "ghetto-nerd" dominicano obeso e goffo, ossessionato dalle ragazze - che naturalmente lo ignorano - dai giochi di ruolo e dai romanzi di fantascienza e fantasy. Prima che lui nascesse sua madre, la formidabile Belicia Cabral, ha lasciato l Continue

Oscar è un "ghetto-nerd" dominicano obeso e goffo, ossessionato dalle ragazze - che naturalmente lo ignorano - dai giochi di ruolo e dai romanzi di fantascienza e fantasy. Prima che lui nascesse sua madre, la formidabile Belicia Cabral, ha lasciato la Repubblica Dominicana di Trujillo per rifugiarsi nel New Jersey, dove Oscar vive sognando di diventare il Tolkien dominicano e, più di ogni altra cosa, di trovare l'amore. Per riuscirci, il nostro eroe deve sfidare il micidiale "fukú", l'antica maledizione dominicana che perseguita i membri della sua famiglia da generazioni, condannandoli al carcere, alla tortura, a tragici incidenti e soprattutto alla sfortuna in amore. La storia di questo giovane mite e sventurato si intreccia così a quella della sua famiglia e della sua terra, che finiranno per plasmarne il destino. Una prosa vivida e giocosa incarna la molteplicità di luoghi, culture e linguaggi alla base del romanzo, passando arditamente dallo slang del ghetto allo spagnolo dominicano, dagli insulti più coloriti alle allusioni letterarie e di genere. Junot Díaz ci trasporta dalle periferie americane contemporanee al sanguinario e insieme mitico regno del dittatore dominicano Rafael Leónidas Trujillo, dove "una storia non è una storia se non getta un'ombra soprannaturale". La vicenda di Oscar assume dunque i contorni di una saga famigliare sanguinaria e sensuale, dominata dalle potenti figure femminili che fanno da contraltare a Oscar: La Inca, la matriarca che rimane a Santo Domingo a vigilare sulla famiglia con il potere magico della preghiera; Lola, la sorella di Oscar che incarna la transizione fra la donna del Vecchio e del Nuovo Mondo; e soprattutto lei, la splendida Belicia Cabral, che con i suoi amori appassionati e sfortunati ha dato origine alla storia del figlio, il quale lotterà fino alla fine per realizzare il proprio sogno con una perseveranza commovente e disperata.

424 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Così è la vita. Tutta la felicità che riesci a mettere insieme viene spazzata via come se niente fosse. Se volete la mia opinione, non credo che esistano le maledizioni. La vita, da sola, basta e avanza."

    Questo libro racconta la storia di Oscar Wao, ma anche quella della madre Belì e del nonno Abelard, ambientato nella Repubblica Dominicana sotto la dittatura di Trujillo.
    Oscar è un ragazzo che ama tutte le donne, ma le donne non amano affatto lui a ...(continue)

    Questo libro racconta la storia di Oscar Wao, ma anche quella della madre Belì e del nonno Abelard, ambientato nella Repubblica Dominicana sotto la dittatura di Trujillo.
    Oscar è un ragazzo che ama tutte le donne, ma le donne non amano affatto lui a causa dei suoi chili eccessivi e del suo linguaggio ricercato e complicato che prende spunto dalla sua passione per i fumetti, libri e film fantasy, lui è un ragazzo nerd, che vive da escluso, rigettato dalla società, la cui famiglia è stata colpita da un orribile FUKU'(sfiga), ogni componente della sua famiglia, mamma e nonno, vivranno grandi passioni, ma alla fine la morte arriverà.
    Un libro dalla scrittura veloce, serrata, diviso in capitoli, dove vengono raccontate le storie di Oscar, della madre Belì, della sorella Lola, del fidanzato della sorella Yunior, del nonno Abelard e della sua famiglia, peccato per i continui richiami al fantasy, per chi non è appassionato come me in fondo al libro c'è il glossario, ci sono varie appendici in fondo alle pagine durante il racconto per richiami storici sui vari crimini e misfatti del dittatore Trujillo e il linguaggio a tratti per i miei gusti è stato veramente troppo scurrile.
    Un libro comunque che non mi è dispiaciuto perchè in fondo racconta che la vita (fukù o no), non è mai troppo semplice, soprattutto se vissuta in regime di dittature e da emarginati, ma alla fine l'autore inneggia alla vita che va vissuta sempre e comunque fino alla fine.
    In definitiva La meravigliosa vita di Oscar Wao sorprende e diverte, mi sono immaginata di godermelo all’ombra del banano e sorseggiando rum, indossando un costume anni '50 con in testa un grande cappello di paglia.

    Is this helpful?

    Matik said on Jul 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A distanza di più di un anno da quando l'ho letto mi rimane ancora l'impressione di aver preso in mano uno dei migliori libri degli ultimi anni, fresco, scritto in maniera leggera, ma con argomenti pesanti e tragici.
    Uno di quei libri che ti lascia u ...(continue)

    A distanza di più di un anno da quando l'ho letto mi rimane ancora l'impressione di aver preso in mano uno dei migliori libri degli ultimi anni, fresco, scritto in maniera leggera, ma con argomenti pesanti e tragici.
    Uno di quei libri che ti lascia un sapore dolce-amaro in bocca.

    Is this helpful?

    Alex Bertoli said on Jul 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La sfiga domenicana è tenace, non molla! Perseguita la famiglia di Oscar e la fa innamorare perdutamente delle persone sbagliate, così sbagliate da portarla alla rovina. Caraibicamente fantastico!

    Is this helpful?

    toc said on Jul 10, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    "Non sono mai i cambiamenti desiderati, quelli che cambiano tutto"

    Vita di Oscar, nerd dominicano che vive a New York, puro dell’amore e della vita, fanatico di fantascienza e giochi di ruolo, intelligente e oltremodo autoironico, il cui unico sollievo è una sorella che lo adora. Anomalia grassa in un popolo di bell ...(continue)

    Vita di Oscar, nerd dominicano che vive a New York, puro dell’amore e della vita, fanatico di fantascienza e giochi di ruolo, intelligente e oltremodo autoironico, il cui unico sollievo è una sorella che lo adora. Anomalia grassa in un popolo di bellissimi, innamorato di ogni ragazza che gli passa accanto, disprezzato, emarginato, maltrattato, infelice.

    Epopea delle diverse generazioni della sua famiglia, della sorella e della madre, della provvidenziale nonna/zia e dei veri bisnonni dal tragico destino, in un paese tormentato per decenni dall'atroce e perverso regime di Trujillo e dai suoi violenti e fanatici tirapiedi.

    Un destino che sembra ripetersi nelle generazioni, tra fukù e zafa, diaspore, sogni premonitori, sventurati amori e preghiere che salvano.

    Un libro che è forse una piccola cosa, ma che si legge d’un fiato, con potenti personaggi femminili che ricordano le donne dei grandi romanzi sudamericani e una massiccia dose di umorismo, le cui ultime pagine, lo confesso, mi hanno spiazzato, commuovendomi come non immaginavo.

    Is this helpful?

    Splendini said on Jun 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Unica grande pecca, che poi è una sua peculiarità: troppe note! Alla fine non andavo neppure più a cercare in appendice. Quelle a piè di pagina sono parte integrante del romanzo, invece.
    Però, che banale, favolosa, tragicomica vita, Oscar Wao!

    Is this helpful?

    Nuvola said on Jun 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nostro Signore dei Nerd

    “Oscar ricorda di aver sognato che una mangusta gli parlava. Ma non era una mangusta qualsiasi, era la Mangusta.
    Cosa scegli, muchacho? Gli chiese. Ancora o basta?
    Per poco non disse basta. Era tanto stanco e gli faceva male dappertutto – Basta! Bast ...(continue)

    “Oscar ricorda di aver sognato che una mangusta gli parlava. Ma non era una mangusta qualsiasi, era la Mangusta.
    Cosa scegli, muchacho? Gli chiese. Ancora o basta?
    Per poco non disse basta. Era tanto stanco e gli faceva male dappertutto – Basta! Basta! Basta! – ma poi in un angolo del cervello vide spuntare l’immagine della sua famiglia. Lola, sua madre e Nene Inca. Ricordò quando era più giovane e ottimista. Il cestino del pranzo accanto al letto, la prima cosa che vedeva al risveglio. Il pianeta delle Scimmie.
    Ancora, rispose con voce lugubre.
    …. ,disse la Mangusta, e poi il vento lo respinse nell’oscurità.”
    Oscar Wao: Ci vuole una gran forza a non essere nessuno, a non contare niente. Oscar è un ghetto-nerd dominicano obeso e goffo, vive una vita fatta di giochi di ruolo e di letture di fantascienza. Non ha mai neppure baciato una ragazza e s’innamora a ripetizione di donne che neppure lo considerano un essere umano. Oscar è uno SFIGATO, e di quelli cosmici. Quelli come lui sono fondale, tappezzeria, contorno. Quelli come lui sono note a margine che nessuno legge, troppa fatica. Eppure Oscar, campione di inutilità e nerditudine con un piede nel patetico e uno nel ridicolo, si rivela un cardine dell’universo, un’asse portante, un volano di storie e di Storia. In questo bellissimo libro di Junot Dìaz, la figura di oscar viene composta dalle proiezioni ascendenti e discendenti dei membri della sua famiglia: sua madre Belicia, sua sorella Lola, il suo compagno di stanza all’Università Yunior, persino i suoi sfortunati nonni Abelard e Socorro. In questo libro c’è una buona dose del realismo magico sudamericano che io adoro, quello alla Marquez, per capirci, dove le favole della nonna, diavolo, non sono mica favole! C’è davvero in corso una lotta tra Bene e Male. Davvero la famiglia di Oscar è afflitta da una maledizione, perseguitata dall’Uomo senza Volto e aiutata dalla Mangusta dagli Occhi Dorati. Junot prende uno che agli occhi di molti, moltissimi non conta nulla, lo scompone in mille sguardi diversi e ci racconta la storia di Santo Domingo del secolo scorso, che non è solo il paradiso dei turisti bianchi, ma è stata la sede di una delle più sanguinose, terribili, spaventose dittature che il Sudamerica conosce, quella di Trujillo.
    Lo dice anche il titolo, “la breve favolosa vita di Oscar Wao”, non può finire bene. Ma la vita del grassone nerd che nessuno vuole sarà si breve, ma sarà a modo suo favolosa.

    Is this helpful?

    Dr. Frankensteen said on May 23, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book