Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La briscola in cinque

Di

Editore: Sellerio (La memoria, 716)

3.7
(3475)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 163 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: 8838922195 | Isbn-13: 9788838922190 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustrazione di copertina: Jack Vettriano

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook , CD audio

Genere: Fiction & Literature , Humor , Mystery & Thrillers

Ti piace La briscola in cinque?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La rivalsa dei pensionati. Da un cassonetto dell'immondizia in un parcheggio periferico, sporge il cadavere di una ragazza giovanissima. Siamo in un paese della costa intorno a Livorno, l'immaginaria Pineta, "diventata località balneare di moda a tutti gli effetti, e quindi la Pro Loco sta inesorabilmente estinguendo le categorie dei vecchietti rivoltandogli contro l'architettura del paese: dove c'era il bar con le bocce hanno messo un discopub all'aperto, in pineta al posto del parco giochi per i nipoti si è materializzata una palestra da body-building all'aperto, e non si trova più una panchina, solo rastrelliere per le moto". L'omicidio ha l'ovvio aspetto di un brutto affare tra droga e sesso, anche a causa della licenziosa condotta che teneva la vittima, viziata figlia di buona famiglia. E i sospetti cadono su due amici della ragazzina nel giro delle discoteche. Ma caso vuole che, per amor di maldicenza e per ammazzare il tempo, sul delitto cominci a chiacchierare, discutere, contendere, litigare e infine indagare il gruppo dei vecchietti del BarLume e il suo barista. In realtà è quest'ultimo il vero svogliato investigatore. I pensionati fanno da apparato all'indagine, la discutono, la spogliano, la raffinano, passandola a un comico setaccio di irriverenze. Sicché, sotto all'intrigo giallo, spunta la vita di una provincia ricca, civile, dai modi spicci e dallo spirito iperbolico, che sopravvive testarda alla devastazione del consumismo turistico modellato dalla televisione. Un giallo in toscanaccio.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    La briscola in cinque è il libro che apre la serie del BarLume, con la Toscana sullo sfondo e un barista, Massimo, che gioca a fare l'investigatore e, almeno in questo caso, ci riesce bene. Il caso da risolvere sembra essere piuttosto semplice, probabilmente se fossi stata un po' più allenata col ...continua

    La briscola in cinque è il libro che apre la serie del BarLume, con la Toscana sullo sfondo e un barista, Massimo, che gioca a fare l'investigatore e, almeno in questo caso, ci riesce bene. Il caso da risolvere sembra essere piuttosto semplice, probabilmente se fossi stata un po' più allenata col genere avrei capito presto il colpevole, ma non è successo. - See more at: http://scarabocchidipensieri.blogspot.it/2014/10/la-briscola-in-cinque-marco-malvaldi.html

    ha scritto il 

  • 4

    Piacevolissimo giallo toscanaccio

    Chi ha trascorso tante estati in Versilia non può non trovarsi tuffato a Pineta, ad ascoltare i battibecchi del "senato" (che fa tanto Amici Miei) e sedersi a sua volta a giocare la briscola in cinque, seguendo le elucubrazioni del "barrista" Massimo sul delitto. Ma anche chi non ha mai messo pie ...continua

    Chi ha trascorso tante estati in Versilia non può non trovarsi tuffato a Pineta, ad ascoltare i battibecchi del "senato" (che fa tanto Amici Miei) e sedersi a sua volta a giocare la briscola in cinque, seguendo le elucubrazioni del "barrista" Massimo sul delitto. Ma anche chi non ha mai messo piede in Toscana può apprezzare la simpatia dei personaggi e la spigliatezza della narrazione. Piacevolissimo.

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelle e mezzo

    Molto carino, con una trama gialla non banale e scritto con uno stile frizzante e pieno d'ironia. Per me si è trattato di una piacevole parentesi tra un classico e l'altro.

    ha scritto il 

  • 4

    Malvaldi è una conferma del piacere di leggere. Stile scorrevole, frizzante e senza intoppi si dimostra un bel giallo, contornato da un'atmosfera che fa sorridere in continuazione il lettore.
    Continuo con le avventure dei vecchietti del bar Lume!

    ha scritto il 

  • 4

    Il SUO primo, il MIO primo

    Ne seguiranno altri, senza dubbio!
    Vale la pena leggerlo fosse anche solo per un paio di battute davvero colorite ed originali. L'ho ascoltato in audiolibro in auto letto (dal toscano Alessandro Benvenuti: un valore aggiunto!!!) e più di una volta mi sono sorpresa a ridere!!
    L'indagin ...continua

    Ne seguiranno altri, senza dubbio!
    Vale la pena leggerlo fosse anche solo per un paio di battute davvero colorite ed originali. L'ho ascoltato in audiolibro in auto letto (dal toscano Alessandro Benvenuti: un valore aggiunto!!!) e più di una volta mi sono sorpresa a ridere!!
    L'indagine sulla morte della ragazzina dalle "mutande allegre" era quasi marginale.

    ha scritto il 

  • 0

    piacevole giallo

    Non sono un esperto del genere ma tutto sommato mi è piaciuto. Divertenti i vecchietti e divertente anche Massimo il " barrista", alcune parti non mi hanno entusiasmato. Mi ha preso ma non al 100% e probabilmente non leggerò gli altri!

    ha scritto il 

  • 3

    primo assaggio

    Corto, talmente corto che non ho fatto in tempo a farmene un'idea precisa. Per non rischiare di commettere atti impuri, non ne parlo, mi limito a due note,
    Pro: ho capito tutto: chi era il colpevole e come lo ha scoperto il protagonista. In questo Malvaldi è stato bravo: sa di aver a che fa ...continua

    Corto, talmente corto che non ho fatto in tempo a farmene un'idea precisa. Per non rischiare di commettere atti impuri, non ne parlo, mi limito a due note,
    Pro: ho capito tutto: chi era il colpevole e come lo ha scoperto il protagonista. In questo Malvaldi è stato bravo: sa di aver a che fare con lettori poco svegli e spiega bene.
    Contro: i personaggi si confondono. Sono 3 o 4 vecchi, ma non si capisce quali sono le caratteristiche che li distinguono, (Sempre perchè sono poco sveglio credo) Uno parla toscano ed è divertente. Sono tutti abbastanza sboccati e questo ci sta, però certe battute sono vecchie come loro.
    Contro: il commissario è disegnato davvero male. Così banale e stereotipato che Crozza non saprebbe a cosa attaccarsi per fargli l'imitazione.
    Contro: i personaggi femminili sono sfumati, praticamente inesistenti.
    Mi fermo qui perché intanto il libro è già finito. Passo al prossimo.
    Ho dato una seconda possibilità a De Gennaro e a Vitali, la darò anche a Malvaldi.

    ha scritto il 

  • 4

    "Bei tempi! Quand'ero giovane io menomale andava di moda chiava'....."

    Vabbe', le becerate da pensionato ci stava; mi venivano in mente, leggendo il libro, certe strisce di fumetti che avevano per protagonista un vecchietto -Lunazzi, credo si chiamasse- di questo tipo, che poi è il tipo classico del vecchietto da bar, sostanzialmente rompiballe impiccioni ciarlieri ...continua

    Vabbe', le becerate da pensionato ci stava; mi venivano in mente, leggendo il libro, certe strisce di fumetti che avevano per protagonista un vecchietto -Lunazzi, credo si chiamasse- di questo tipo, che poi è il tipo classico del vecchietto da bar, sostanzialmente rompiballe impiccioni ciarlieri e tutto il resto. Che quelli toscani, mi viene da pensare, devono essere mica dei migliori (pensa te Benigni e Panariello, tipo, da vecchi al bar: averci l'indirizzo!).
    Ad ogni modo, avevo detto che avrei indagato, e l'ho fatto. E son felice di comunicare al gentile pubblico che Ghizzoni sta a Malvaldi come la pastina in bianco sta al pasticcio, non che ce l'abbia con la pastina in biaco che c'ha la sua dignità e magari a qualcuno gli riesce anche meglio digeribile. Fatto stà che questo Malvaldi, pur avendo anche lui scritto un giallo poco giallo -a prescindere che sia comunque più giallo del libro di Ghizzoni che ci voleva poco- lo ha popolato di personaggi simpatici e credibili, se non originalissimi, lo ha costruito in modo piacevole e dialogato con notevole spirito.
    Siccome -e lo ripeto spesso- scovare libri che coniughino un certo livello (irrinunciabile, per me) di scrittura con un discreto sense of humor non è impresa facilissima, ben venga Malvaldi e tutto il manipolo del BarLume.

    ha scritto il 

Ordina per