Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La buonanima

By José Maria Eça de Queirós

(12)

| Paperback | 9788836809202

Like La buonanima ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Apparso dapprima a puntate sulla "Gazeta de Noticias" di Rio de Janeiro nel 1895, il racconto La buonanima ha diversi punti in comune con il più celebre Il Mandarino. In entrambi, infatti, vivi e morti si trovano non solo a coesistere, ma anche a int Continue

Apparso dapprima a puntate sulla "Gazeta de Noticias" di Rio de Janeiro nel 1895, il racconto La buonanima ha diversi punti in comune con il più celebre Il Mandarino. In entrambi, infatti, vivi e morti si trovano non solo a coesistere, ma anche a intrecciare i propri destini; e se nel Mandarino si narra di un vivo che per salvarsi l'anima va alla ricerca di un morto da lui stesso ucciso, nella Buonanima è il morto che, per quello stesso scopo salvifico, va alla ricerca di un vivo che possa nuovamente ucciderlo. E alla domanda se è vivo o morto, risponderà filosoficamente: "Chi può dire che cos'è la vita? Chi può dire che cos'è la morte?".

2 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Pensare che Eça de Queiroz è conosciuto soprattutto come il massimo esponente del realismo portoghese, per il modo con cui, da Lisbona a Oporto, ha raccontato un Portogallo di commercianti e avventurieri, banchieri e disperati, politici e prostitute. ...(continue)

    Pensare che Eça de Queiroz è conosciuto soprattutto come il massimo esponente del realismo portoghese, per il modo con cui, da Lisbona a Oporto, ha raccontato un Portogallo di commercianti e avventurieri, banchieri e disperati, politici e prostitute.

    Poi cpaita tra le mani La buonamina, un racconto lungo scovato e riproposto dalla casa editrice Passigli. E di balzo siamo nella Spagna dell'ultimo scorcio di Medioevo, negli anni in cui si apprestano a salire al trono Fernando e Isabella. Più precisamente, a Segovia, con i suoi monasteri, i suoi palazzi austeri, le sue campagne riarse intorno.

    Ambientazione storica, va bene. Solo che bastano due capitoletti per sprofondare in una vicenda che più gotica non si può, intrisa di quel romanticismo che incrocia le grandi passioni amorose con una irresistibile attrazione per il regno dei morti.

    E i morti si mescolano ai vivi, in queste pagine. I corpi penzolano in cima alla Collina degli Impiccati e al vento sospingono la loro domanda, che non è solo di un horror prima dell'horror, non è solo della letteratura:

    "Chi può dire che cos'è la vita? Chi può dire che cos'è la morte?"

    Is this helpful?

    Paolo Ciampi said on Oct 11, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Un Eça de Queiroz insolito: ambientazione medievale per una storia gotica a lieto fine. Tutti gli ingredienti sono sapientemente sfruttati per il tema che mi pare gli stia più a cuore: quello delle passioni umane.

    Is this helpful?

    Luccio said on May 21, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (12)
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 75 Pages
  • ISBN-10: 8836809200
  • ISBN-13: 9788836809202
  • Publisher: Passigli (Le occasioni)
  • Publish date: 2005-01-01
Improve_data of this book