Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La caduta dei giganti

Di

Editore: Mondolibri

4.0
(3955)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 999 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Francese , Tedesco , Portoghese , Olandese

Data di pubblicazione: 

Traduttore: Paola Frezza Pavese , Nicoletta Lamberti , Adriana Colombo , Roberta Scarabelli

Disponibile anche come: eBook , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace La caduta dei giganti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Edizione in due emissioni con copertina e sovracoperta di diverso colore
Ordina per
  • 4

    Mi dà fastidio dovermi ricredere su di uno scrittore come Follett che ho sempre considerato un operaio della scrittura, ma di sicuro con uscite un po' troppo frequenti per essere preso sul serio. invece dopo mille pagine mi ritrovo ad aver affrontato un libro che ricalca lo spirito dei grandi rom ...continua

    Mi dà fastidio dovermi ricredere su di uno scrittore come Follett che ho sempre considerato un operaio della scrittura, ma di sicuro con uscite un po' troppo frequenti per essere preso sul serio. invece dopo mille pagine mi ritrovo ad aver affrontato un libro che ricalca lo spirito dei grandi romanzi dell'ottocento, cioè quello di intrattenere, di rapire il lettore, di avvolgerlo per alcuni giorni in una atmosfera diversa dal suo quotidiano. certo, non è esente da qualche pecca a mio giudizio, ma questa scrittura è scorrevole, senza fronzoli, obbliga a divorare le pagine, ed esclude i pipponi psicologici. in più il romanzo storico, messo in questi termini, aiuta davvero a farsi un'idea del mondo in quei giorni.
    poi c'è la vicenda, l'intrecciarsi inevitabile delle vite di queste famiglie, che a causa della guerra avvicina i destini di conti e minatori gallesi, di diplomatici americani e russi in preda all'agitazione della rivoluzione che cambierà il ventesimo secolo e ne determinerà la definizione di "secolo breve". è stupefacente come pochi decenni fa il mondo era ancora una sorta di suddivisione determinata da caste, dove i nobili da un lato decidevano le sorti del mondo e dall'altro la massa popolare doveva subirne le conseguenze. ora dovrò leggere il secondo capitolo, visto che nelle ultime pagine è apparso il nome dello stronzo tedesco e che l'imminenza del nazismo porterà il mondo ad un nuovo disastro, e i protagonisti, ormai genitori a nuove vicende.

    ha scritto il 

  • 4

    36-2014

    Ho aspettato qualche anno a leggere il primo capitolo della saga The Century di Follett, dedicata al ventesimo secolo. Preferisco sempre lasciar sedimentare un pò i best-sellers e poi leggermeli quando l'onda è passata. "La caduta dei giganti" è un mattone da 1000 pagine che ti cattura e avvince ...continua

    Ho aspettato qualche anno a leggere il primo capitolo della saga The Century di Follett, dedicata al ventesimo secolo. Preferisco sempre lasciar sedimentare un pò i best-sellers e poi leggermeli quando l'onda è passata. "La caduta dei giganti" è un mattone da 1000 pagine che ti cattura e avvince gradualmente. I personaggi sono molti e raccontano coralmente la storia dell'Europa del ventesimo secolo, nello specifico dal periodo antecedente la prima guerra mondiale fino alla conclusione della stessa. C'è tutto: la rivoluzione industriale, la crisi degli imperi, le vicende belliche e la rivoluzione d'Ottobre. Ottimo kolossal, già pregusto il secondo tomo sulla seconda guerra mondiale. Bravo.

    ha scritto il 

  • 4

    Ottimo libro, a patto che il lettore sia appassionato alla storia, perchè la prima guerra mondiale è il filo conduttore di tutta la vicenda. L'idea di seguire i destini di 5 famiglie mi è piaciuta molto, si entra in empatia con ogni singola storia.

    ha scritto il 

  • 4

    La caduta dei giganti di Follett è il primo di tre libri tutti di circa 1000 pagine e più. Raccontare una trama dettagliata significa scrivere un post di un metro per cui preferisco essere molto più vago. I protagonisti sono gente semplice come minatori e operai, della borghesia e della nobiltà m ...continua

    La caduta dei giganti di Follett è il primo di tre libri tutti di circa 1000 pagine e più. Raccontare una trama dettagliata significa scrivere un post di un metro per cui preferisco essere molto più vago. I protagonisti sono gente semplice come minatori e operai, della borghesia e della nobiltà ma anche politici e militari. La storia ruota intorno al primo conflitto mondiale del 1914 - 1918, del desiderio di espansione della Germania, della voglia di libertà del popolo russo con la salita al potere di Lenin, del sogno americano di chi vive nell'indigenza, della paura della guerra di alcuni, nella voglia di fare la guerra di altri. Nel mezzo si intrecciano storie d'amore, di fughe dalla polizia, di imprese al fronte e di morti inutili per guadagnare un metro di territorio. Un affresco che va letto in poco tempo in quanto i personaggi sono davvero tanti, come anche le location (Stati Uniti, Russia occidentale e orientale, Francia, Germania, Galles, Inghilterra) e si rischia di perdersi. Follett ha studiato e ha riportato (credo in maniera più che fedele) avvenimenti al fronte e politici (a volte fin troppo tanto da risultare eccessivo) e gli stati d'animo delle varie popolazioni coinvolte. Mi fermo qui. Ce ne sarebbero ancora di cose da dire ma credo che finirei per annoiare. Come si fa a scrivere in due righe di 995 pagine?

    ha scritto il 

  • 4

    Bello

    Era da un po che non leggevo Ken Follet e devo dire che questo libro da un punto di vista puramente romanzesco mi è piaciuto. Follett in questo romanzo tratta la storia delle prima guerra mondiale dal punto di vista si alcune famiglie di nazioni diverse...e ha dato la sua interpretazione degli e ...continua

    Era da un po che non leggevo Ken Follet e devo dire che questo libro da un punto di vista puramente romanzesco mi è piaciuto. Follett in questo romanzo tratta la storia delle prima guerra mondiale dal punto di vista si alcune famiglie di nazioni diverse...e ha dato la sua interpretazione degli eventi.

    ha scritto il 

  • 5

    davvero un bel libro, riesce a intrecciare le storie personali di una coralità di personaggi con la storia dell'inizio del XX secolo: sono avviato a leggermi il resto della trilogia
    l'unica pecca è un'attenzione ricorrente dell'autore verso tutto quello che riguarda il sesso - non mi perme ...continua

    davvero un bel libro, riesce a intrecciare le storie personali di una coralità di personaggi con la storia dell'inizio del XX secolo: sono avviato a leggermi il resto della trilogia
    l'unica pecca è un'attenzione ricorrente dell'autore verso tutto quello che riguarda il sesso - non mi permette di consigliarlo ad un pubblico di giovanissimi ed è un peccato perché sarebbe un bel modo di rileggere la storia europea

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente

    Solo due stelline per il primo libro dell'ultima trilogia di Follett. Ho aspettato che uscisse anche l'ultimo volume prima di iniziare la saga, perchè non sopporto di restare con le cose sospese a metà e di dover aspettare un anno prima di sapere come prosegue una storia.
    Avevo molte aspett ...continua

    Solo due stelline per il primo libro dell'ultima trilogia di Follett. Ho aspettato che uscisse anche l'ultimo volume prima di iniziare la saga, perchè non sopporto di restare con le cose sospese a metà e di dover aspettare un anno prima di sapere come prosegue una storia.
    Avevo molte aspettative su questo libro, un po' perchè ho molto amato il Follett dei Pilastri della terra, un po' perchè il periodo storico in questione è uno dei miei preferiti, un po' per il centenario che ricorre dallo scoppio della prima guerra mondiale per cui ero curiosa di approfondire in maniera più ludica e meno scolastica l'argomento... E invece un bel niente. Noioso, prolisso allo sfinimento, dalla disperazione ho saltato intere pagine di descrizioni di battaglie tutte uguali, e discorsi in parlamenti vari tutti identici... un disastro.
    Le storie dei personaggi restano sullo sfondo, manca il pathos e la passione che avevo trovato invece in altri suoi romanzi, pure le scene di sesso sono patetiche!
    Peccato. Adesso che ho comprato anche gli altri due, non so neanche se andare avanti e finire la trilogia o no!

    ha scritto il 

Ordina per