Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La caduta dei giganti

Di

Editore: A. Mondadori (Omnibus)

4.0
(4221)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 997 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Francese , Tedesco , Portoghese , Olandese

Isbn-10: 8804603178 | Isbn-13: 9788804603177 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Paola Frezza Pavese , Nicoletta Lamberti , Adriana Colombo , Roberta Scarabelli ; Illustrazione di copertina: Marcello Dolcini

Disponibile anche come: eBook , Tascabile economico , Altri

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace La caduta dei giganti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Primo grande romanzo di «The Century», la nuova trilogia di Ken Follett incentrata sulla storia del ventesimo secolo, La caduta dei giganti è un'opera epica, uno straordinario affresco storico che, al pari de «I pilastri della terra» e «Mondo senza fine», è destinato a diventare un classico.
I destini di cinque famiglie si intrecciano inesorabilmente attraverso due continenti sullo sfondo dei drammatici eventi scatenati dallo scoppio della Prima guerra mondiale e dalla Rivoluzione russa.
Tutto ha inizio nel 1911, il giorno dell'incoronazione di Giorgio V nell'abbazia di Westminster a Londra. Quello stesso 22 giugno ad Aberowen, in Galles, Billy Williams compie tredici anni e inizia a lavorare in miniera. La sua vita sembrerebbe segnata. Amore e inimicizia legano la sua famiglia agli aristocratici Fitzherbert, proprietari della miniera e tra le famiglie più ricche dInghilterra. Lady Maud Fitzherbert, appassionata e battagliera sostenitrice del diritto di voto alle donne, si innamora dell'affascinante Walter von Ulrich, spia tedesca all'ambasciata di Londra. Le loro strade incrociano quella di Gus Dewar, giovane assistente del presidente americano Wilson. Ed è proprio in America che due orfani russi, i fratelli Grigorij e Lev Pevkov, progettano di emigrare, ostacolati però dallo scoppio della guerra e della rivoluzione.
Dalle miniere di carbone ai candelabri scintillanti di palazzi sontuosi, dai corridoi della politica alle alcove dei potenti, da Washington a San Pietroburgo, da Londra a Parigi il racconto si muove incessantemente fra drammi nascosti e intrighi internazionali. Ne sono protagonisti ricchi aristocratici, poveri ambiziosi, donne coraggiose e volitive e sopra tutto e tutti le conseguenze della guerra per chi la fa e per chi resta a casa.
Ordina per
  • 4

    Mi sono sempre tenuta un pò lontana da Follett, considerandolo uno scrittore commerciale. Dopo aver letto i " Pilastri dlla terra" mi sono ricreduta, su quello che la lettura può dare : alcune ore di ...continua

    Mi sono sempre tenuta un pò lontana da Follett, considerandolo uno scrittore commerciale. Dopo aver letto i " Pilastri dlla terra" mi sono ricreduta, su quello che la lettura può dare : alcune ore di pura distrazione enon è poco..Qui, il libro l'ho trovato più costruito, meno sciolto, fa un pò il verso ai romanzi russi per la ricchezza dei personaggi; ma in complesso mi è piaciuto. Buona la descrizione del coinvolgimento delle varie nazioni alla prima guerra mondiale ed anche la narrazione della vita nelle trincee. Buona lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    Questo è il classico libro che definirei "carino ma".
    Carino perchè bella l'idea di raccontare la prima guerra mondiale da dentro.
    Carino perchè mette tanti diversi punti di vista.
    Carino perchè condi ...continua

    Questo è il classico libro che definirei "carino ma".
    Carino perchè bella l'idea di raccontare la prima guerra mondiale da dentro.
    Carino perchè mette tanti diversi punti di vista.
    Carino perchè condivido molte analisi che fa.
    Carino perchè nessuno dei protagonisti è un vero potente.
    Ma è troppo lungo.
    Ma in realtà è un romanzo rosa travestito da romanzo storico e tutto ruota intorno a chi si fa chi.
    Ma le storie sono un po' banalotte.
    ma (soprattutto) come diavolo è possibile che tutti si continuino a rincontrare in un un mondo in piena guerra mondiale?????

    ha scritto il 

  • 3

    richiede dedizione

    Dopo aver letto negli anni andati altri romanzi fiume dello stesso autore, ho iniziato questo libro...per nulla spaventato dalle 999 pagine...sapevo cosa aspettarmi visti i trascorsi...ma complici la ...continua

    Dopo aver letto negli anni andati altri romanzi fiume dello stesso autore, ho iniziato questo libro...per nulla spaventato dalle 999 pagine...sapevo cosa aspettarmi visti i trascorsi...ma complici la spiaggia il mare il fiume e l'ozio è andata via liscia...! Un romanzo storico con personaggi e storie che si dipanano con un sottofondo di fatti storici noti e meno noti...un rinfresco utile per la conoscenza della storia se non altro. Poi i protagonisti vengono calati con una verosimiglianza che non infastidisce...rendendoli anche partecipi di fatti famosi. Mi è piaciuto ma non entusiasmato....comunque vedremo poi con il secondo capitolo della saga se confermare o cambiare il giudizio...per ora ok ma non eccelso, diciamo cosi. Ciauuuuu

    ha scritto il 

  • 4

    Indubbiamente bello

    Ho ripreso a leggere Ken Follet solo perché mi hanno regalato questo romanzo infatti dopo aver letto i Pilastri della Terra che mi ha annoiato terribilmente avevo deciso di non leggere più nulla.

    Da a ...continua

    Ho ripreso a leggere Ken Follet solo perché mi hanno regalato questo romanzo infatti dopo aver letto i Pilastri della Terra che mi ha annoiato terribilmente avevo deciso di non leggere più nulla.

    Da amante del romanzo storico mi sono parzialmente ricreduto grazie alla caduta dei Giganti.

    L'aspetto che mi è piaciuto maggiormente è la trama: la storia di queste famiglie sparse per il mondo è ben annodata e mi piace molto come i personaggi entrano in contatto tra di loro in modo assolutamente verosimile senza colpi di scena poco credibili.

    I personaggi partono slegati fra di loro ma man mano la storia s'intreccia ed essi vengono in contatto tra di loro: tutto molto bello.

    E' molto ben miscelato anche il contesto storico con la trama vera e propria: il contesto non soffoca la storia ma resta sullo sfondo come giusto che sia.

    Gli aspetti che mi sono piaciuti meno sono due:

    1) la dimensione del romanzo: troppo lungo, troppi episodi
    marginali che alla fine lo rendono un po' noioso.

    2) i personaggi mi sembrano troppo stereotipati: non ho trovato segni di evoluzione e/o maturazione psicologica, sembrano chiusi nei loro schemi e nella loro figura.

    ha scritto il 

  • 2

    L'idea alla base del romanzo é ottima: alla vigilia e durante la prima guerra mondiale seguiamo le vicende di diversi protagonisti provenienti da diversi paesi e ambienti sociali. Il problema é che k ...continua

    L'idea alla base del romanzo é ottima: alla vigilia e durante la prima guerra mondiale seguiamo le vicende di diversi protagonisti provenienti da diversi paesi e ambienti sociali. Il problema é che ken follett non é più lui, oppure, come dicono, ha appaltato i suoi libri a qualche ghost Writer: tutto é molto scontato e spesso noioso. Dialoghi pessimi. Certamente non mi aspettavo della letteratura, ma un romanzo da leggere con piacere, si. Due stelline

    ha scritto il 

  • 4

    Entretenido retrato de los vaivenes del mundo de principios de siglo, centrada en Europa. La historia gira en torno a varias familias, situadas en Gran Bretaña, Alemania, Rusia y Estados Unidos, cuya ...continua

    Entretenido retrato de los vaivenes del mundo de principios de siglo, centrada en Europa. La historia gira en torno a varias familias, situadas en Gran Bretaña, Alemania, Rusia y Estados Unidos, cuya situación nos permite conocer el ambiente prebélico, el desarrollo de la primera Guerra Mundial, la Revolución Rusa y las consecuencias de la guerra, al reflejarse en su vida. Se trata de una visión simplificada de estos hechos, pero es su principal acierto, pues éste esquema nos ayuda a entender la historia, pero sin olvidar que se trata de una novela donde lo principal es la vida de sus personajes, que mantiene un gran interés a lo largo de todas sus paginas, lo que hace que la lectura sea muy amena. Por poner un pero, hay cierta previsibilidad en el devenir de alguno de los personajes, pero esto no impide que su lectura enganche de principio a fin.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per