Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La camera d'ambra

Di

Editore: Rizzoli (Bur best sellers)

3.4
(823)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 190 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Francese , Catalano

Isbn-10: 8817044148 | Isbn-13: 9788817044141 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace La camera d'ambra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La Torre, l'Alfiere, la Donna, il Cavallo, il Pedone, il Re: sono sei, sono ladri e falsari d'opere d'arte e si fanno chiamare il Gruppo degli Scacchi. Dopo aver messo a segno un grosso colpo in un castello sul lago di Costanza, scoprono che sotto il quadro appena rubato si cela un'altra tela, recante un messaggio cifrato. Una volta interpretato il codice, gli indizi li portano sulle tracce di uno dei più famosi tesori scomparsi della storia: la Camera d'Ambra, il gioiello architettonico costruito con la luminosa resina del Baltico per Federico I di Prussia e visto per l'ultima volta nel 1944 nel castello di Konisberg. In una travolgente girandola di inganni e false rivelazioni, sarà il Pedone, l'infallibile ladra Ana Marìa, ad avvicinarsi di più alla verità nel corso di una caccia al tesoro senza regole e senza scrupoli.
Ordina per
  • 3

    Leggerissimo, assolutamente senza pretese, datato nella parte informatica, ma divertente. Si legge in qualche ora senza nessun impegno mentale. Avrei preferito una traduzione migliore.

    ha scritto il 

  • 5

    Non conoscevo questa autrice ma, se tutti i libri sono come questo (magari pure con gli stessi personaggi e sullo stesso genere), sono contenta di averla scoperta.


    Persino troppo breve, visto che la storia era esattamente di quelle che piacciono a me, a metà tra storia, avventura, misteri, ...continua

    Non conoscevo questa autrice ma, se tutti i libri sono come questo (magari pure con gli stessi personaggi e sullo stesso genere), sono contenta di averla scoperta.

    Persino troppo breve, visto che la storia era esattamente di quelle che piacciono a me, a metà tra storia, avventura, misteri, ricerche, il tutto con protagonisti attuali.

    Il libro è scorrevole, si fa leggere d'un fiato, non si vede l'ora di sapere come va a finire, i personaggi sono tutti ricordabili, anche se sono sei (mentre di solito faccio fatica a ricordarmi nomi, funzioni e via dicendo).

    E' scritto in modo semplice, senza tanti tecnicismi o argomentazioni specifiche, quali fisica, astronomia ecc. che sarebbero difficili da capire per un comune lettore.

    ha scritto il 

  • 3

    No sé cómo no aprendo que esta Matilde Asensi siempre es igual, te engancha desde el principio, te mantiene intrigado todo el tiempo, pero al final te decepciona. Pero bueno, lo pasas bien mientras lo estás leyendo, como en todos los suyos. De eso es lo que se trata.

    ha scritto il 

  • 3

    dimenticabile

    Primo libro scritto da Matilde, risente indubbiamente di inesperienza e qualche veniale peccato stilistico (il tono compiaciuto e a tratti stucchevolmente ironico della protagonista).
    Non è un thriller né un giallo vero e proprio, lo classificherei più come un romanzo d'avventura o di pura evasio ...continua

    Primo libro scritto da Matilde, risente indubbiamente di inesperienza e qualche veniale peccato stilistico (il tono compiaciuto e a tratti stucchevolmente ironico della protagonista). Non è un thriller né un giallo vero e proprio, lo classificherei più come un romanzo d'avventura o di pura evasione. Scossoni o colpi di scena eclatanti non ce ne sono, la prosa è sicuramente scorrevole, questo sì, e sono il primo ad ammettere che l'autrice ha competenze tecniche e storico-culturali che le danno man forte durante la narrazione. Rimane comunque un libro che dimenticherò facilmente, perché alla fin fine lascia davvero poco. La psicologia dei personaggi di contorno è appena accennata e la storia d'amore in un romanzo che parla di furti di opere d'arte non è certo il massimo dell'originalità. Voto 3--

    ha scritto il 

  • 2

    “La camera d’ambra” è un libro che scorre piuttosto velocemente (l’ho letto in un giorno sotto l’ombrellone), però è anche molto approssimativo e senza guizzi. Ho trovato l’idea di partenza molto interessante e con un buon potenziale, che però è andato decisamente sprecato: i personaggi sono pia ...continua

    “La camera d’ambra” è un libro che scorre piuttosto velocemente (l’ho letto in un giorno sotto l’ombrellone), però è anche molto approssimativo e senza guizzi. Ho trovato l’idea di partenza molto interessante e con un buon potenziale, che però è andato decisamente sprecato: i personaggi sono piatti, la trama idem, è banale e senza significativi sviluppi, la scrittura, sebbene scorrevole, non impressiona per brillantezza. Insomma, può andar bene come lettura estiva disimpegnata, ma nulla più.

    ha scritto il 

  • 4

    Todo autor tiene sus inicios y si a mi no me llegan a decir que es el primer libro de Matilde , no me lo creo.
    La autora empezó su carrera con una historia, con una trama solida pero complicada, con unos personajes que adoran el arte, y con un país que en esos tiempos que corrían tenia las aguas ...continua

    Todo autor tiene sus inicios y si a mi no me llegan a decir que es el primer libro de Matilde , no me lo creo. La autora empezó su carrera con una historia, con una trama solida pero complicada, con unos personajes que adoran el arte, y con un país que en esos tiempos que corrían tenia las aguas revueltas, sin olvidarme de un cuadro que a simple vista es normal, pero que desencadenara una serie de acontecimientos que os animo a leer. Conozco a la autora en persona y en varias presentaciones ha dicho que ella antes de escribir un libro o cuando tiene una idea rondando por su mente, investiga hasta la saciedad...es una escritora que la gusta meterse en su despacho y estar preparada para empezar a escribir, tanto en el primer libro de Martín Ojo de Plata como en este "El Salón de Ámbar" que son los que hasta el momento he leído,y se ve como ha sido minuciosa a la hora de elaborar y dosificar la información , de tal manera que al lector, le sea de interés mientras lee,que no nos aburra en los pormenores y que nosotros al introducirnos en la trama, lo entendamos todo de tal forma que sea una delicia adentrarse en las descripciones de las épocas, países...y para que os lo voy a negar de "El salón de Ámbar". Muchos sabréis que mi libro favorito es "El ocho" y cuando se van describiendo las piezas de el famoso juego de el ajedrez que están representadas por personas, imagine que algún personaje tenia que destacar y en efecto es : Ana María, con la cual simpatice desde el primer instante la que de alguna forma es el nexo de unión entre todos los personajes por ser "el peón" aunque ella no se da cuenta. Se me ha hecho corta la historia, no obstante la he disfrutado en cada momento y aunque el final me ha gustado los dos últimos capítulos han ido demasiado abruptos. No se si querrá continuar la historia pues da da pie a ello, y me gustaría que se animase a ello, ya que es una historia muy interesante y para los que el arte os entusiasme tanto como a mi, es un buen libro y para adentraros en la pluma de Matilde Asensi, un buen comienzo.

    ha scritto il 

Ordina per