Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La canzone del cavaliere

Di

Editore: Hobby & Work

3.7
(40)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8878512060 | Isbn-13: 9788878512061 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace La canzone del cavaliere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Spagna, 1937. La guerra civile tra i repubblicani e gli insorti franchisti non conosce un istante di tregua. Convinto volontario del "Tercio" franchista, Martin Bora vive il conflitto spagnolo come un'avventura entusiasmante, dove il rigore delle scelte politiche si sposa all'impeto vitalistico dell'azione pura. I primi dubbi, tuttavia, cominciano ad apparire quando si imbatte nel cadavere di un uomo barbaramente assassinato. Si tratta di Federico Garcia Lorca, brillante poeta, progressista, omosessuale. Chi l'ha fatto fuori? Le versioni ufficiali non convincono affatto il giovane volontario tedesco, che inizia una pericolosissima inchiesta per vederci chiaro, in sincronia con l'indagine condotta da un "nemico", l'americano Philip Walton.
Ordina per
  • 0

    Mi sono procurata tutti i romanzi di Ben Pastor che hanno per protagonista Martin Bora e finalmente posso leggerli in ordine cronologico, dopo aver iniziato accidentalmente con Lumen. Qui in Spagna, nel 1937, comincia l'avventura umana e militare dell'ufficiale tedesco che si trova nel bel mezzo ...continua

    Mi sono procurata tutti i romanzi di Ben Pastor che hanno per protagonista Martin Bora e finalmente posso leggerli in ordine cronologico, dopo aver iniziato accidentalmente con Lumen. Qui in Spagna, nel 1937, comincia l'avventura umana e militare dell'ufficiale tedesco che si trova nel bel mezzo della guerra civile tra repubblicani e nazionalisti, tra le fila dei franchisti e pronto a vivere l'esperienza come un'esaltante avventura.Ma non tutto è netto come sembra e la scoperta da parte di Martin del cadavere del poeta omosessuale Federico Garcia Lorca dà l'avvio a una pericolosa indagine nella quale deve lottare contro la versione ufficiale dei superiori e avvalersi della collaborazione di un nemico, il "rosso" Philip Walton, un americano che combatte nelle file degli internazionalisti. In tutto ciò Martin ha modo di scoprire la carnale presenza di Remedios, splendida giovane prostituta che tutti chiamano Bruja, strega, divisa con Walton e che farà del giovanissimo Bora un uomo. Nell'impeccabile trama storica si innestano le vicende dell'ufficiale tedesco e dei suoi compagni e nemici in una storia che tiene avvinti dalla prima all'ultima pagina.

    ha scritto il 

  • 5

    Come non amare Bora, giovane, colto e tormentato.
    Come non condividere la sua ricerca di se stesso e i suoi limiti.
    Come no apprezzare la capacità di sentire l'altro che Bora porta con sè negli incontri lungo il cammino, siano essi amici nemici o...altro.
    Non è da considerarsi u ...continua

    Come non amare Bora, giovane, colto e tormentato.
    Come non condividere la sua ricerca di se stesso e i suoi limiti.
    Come no apprezzare la capacità di sentire l'altro che Bora porta con sè negli incontri lungo il cammino, siano essi amici nemici o...altro.
    Non è da considerarsi un giallo. Chi si avvicina a questo libro cercando la soluzione ad un enigma può rimanere deluso. Qui l'enigma è l'eterna lotta con se stessi, con le proprie paure e difficoltà. Ben Pastor ci accompagna in una storia che va oltre a qualsiasi intreccio romanzesco, ci accompagna nella storia della vita.
    ovviamente mi è piaciuto molto.

    ha scritto il 

  • 3

    Lento

    Rispetto agli altri romanzi con protagonista Bora questo è decisamente più lento, sicuramente adatto al presunto carattere spagnolo ed al clima torrido della sierra su cui è ambientato.
    50 pagine di meno avrebbero giovato a mio avviso, simpatico l'espediente di citare 2 o 3 volte la mano, u ...continua

    Rispetto agli altri romanzi con protagonista Bora questo è decisamente più lento, sicuramente adatto al presunto carattere spagnolo ed al clima torrido della sierra su cui è ambientato.
    50 pagine di meno avrebbero giovato a mio avviso, simpatico l'espediente di citare 2 o 3 volte la mano, una anticipazione della ferita che Bora avrà in Italia (certo ma il romanzo è stato scritto e quindi letto prima di questo e quindi lo si nota subito).

    ha scritto il 

  • 5

    Bel giallo, avvincente ( di questo non ho scoperto il finale in anticipo eh eh eh ) e costruito su un protagonista insolito che ho deciso di seguire nel resto delle sue avventure.
    Martin Von Bora: un ufficiale dell'Abwher nella Germania Nazista. Interessante, vedremo i seguiti.
    Tornan ...continua

    Bel giallo, avvincente ( di questo non ho scoperto il finale in anticipo eh eh eh ) e costruito su un protagonista insolito che ho deciso di seguire nel resto delle sue avventure.
    Martin Von Bora: un ufficiale dell'Abwher nella Germania Nazista. Interessante, vedremo i seguiti.
    Tornando al romanzo, spicca la cura del linguaggio e l'efficacia letteraria delle frasi,
    dieci e lode a Ben Pastor!

    ha scritto il 

  • 4

    The Horseman's Song 2003

    << A tutti coloro che hanno a cuore il pane, la terra e la libertà >>. Sierras d' Aragona, 1937, estate. Inizia qui la saga di Martin Bora. Un Bora molto giovane, incosciente, idealista, appena uscito dalla scuola militare e scaraventato nella guerra civile spagnola, come al solito d ...continua

    << A tutti coloro che hanno a cuore il pane, la terra e la libertà >>. Sierras d' Aragona, 1937, estate. Inizia qui la saga di Martin Bora. Un Bora molto giovane, incosciente, idealista, appena uscito dalla scuola militare e scaraventato nella guerra civile spagnola, come al solito dalla "parte sbagliata". Nel caldo torrido dell' estate aragonese, Martin si trova di fronte al cadavere di Garcia Lorca che sembra far paura più da morto che da vivo e che oltretutto era stato dato per morto molti mesi prima.....Il particolare straordinario è l' abilità dell' autrice nel tratteggiare il carattere del protagonista giovane, prima dei fatti che lo matureranno nel corso della guerra. E' stato divertente, dopo aver conosciuto prima Von Bora adulto, scoprirlo giovane, più ingenuo, legnoso, commovente nella sua dirittura morale non ancora intaccata dai dubbi. Su Lorca Ben Pastor ha scritto "L'uomo che inseguiva oscure farfalle", un saggio sul duende. La parola duende significa in spagnolo il folletto, il fantasma. Potremmo tradurlo anche come "demone". <<Non si fa arte vera senza quel demone che ci possiede e a volte ci rende infiniti >> ( Pastor )

    ha scritto il 

  • 3

    In astratto, l'idea poteva anche sembrare buona, un'indagine sulla morte di Federico Garcia Lorca nel pieno della guerra civile. Purtroppo il libro è mal riuscito, statico, noioso, poco interessante.
    Chi ha apprezzato gli altri libri dedicati a Martin Bora resterà deluso. Qui per pagine e p ...continua

    In astratto, l'idea poteva anche sembrare buona, un'indagine sulla morte di Federico Garcia Lorca nel pieno della guerra civile. Purtroppo il libro è mal riuscito, statico, noioso, poco interessante.
    Chi ha apprezzato gli altri libri dedicati a Martin Bora resterà deluso. Qui per pagine e pagine non succede nulla e l'espediente di alternare le vicende dell'uno e dell'altro fronte è inefficace.
    Forse la Pastor sconta il desiderio di mantenersi il più possibile fedele alla realtà storica, però questa non può essere una giustificazione, in un giallo.
    Probabilmente avrebbe fatto meglio ad inventare di sana pianta un altro delitto e lasciare la morte di Garcia Lorca sullo sfondo.

    ha scritto il 

  • 4

    Un anarchico americano e un sottufficiale nazista, nel pieno della guerra civile spagnola, l'uno contro l'altro divisi dalle linee nemiche e dalle linee della vita, chiamati ad indagare dalle rispettive fazioni, sulla morte di Garcia Lorca, il cui cadavere viene rinvenuto a metà tra la trincea ...continua

    Un anarchico americano e un sottufficiale nazista, nel pieno della guerra civile spagnola, l'uno contro l'altro divisi dalle linee nemiche e dalle linee della vita, chiamati ad indagare dalle rispettive fazioni, sulla morte di Garcia Lorca, il cui cadavere viene rinvenuto a metà tra la trincea dei tedeschi alleati ai monarchici-franchisti, e a quella dei repubblicani.
    Due facce dello stesso specchio, scopriranno verità nascoste e indicibili e di essere innamorati della stessa donna.
    Il romanzo più bello dell'americana Ben Pastor, all'anagrafe italiana Verbena Volpi che da tempo vive e insegna negli Stati Uniti. Insieme alla francese Fred Vargas la scrittrice di gialli e mistery più interessante degli ultimi anni.

    ha scritto il