Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La carta e il territorio

Di

3.9
(795)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 260 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Tedesco , Olandese , Inglese , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale

Isbn-10: 8845268365 | Isbn-13: 9788845268366 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , eBook

Genere: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace La carta e il territorio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Un altro romanzo di Houellebecq, infarcito del solito paradossalmente consolatorio pessimismo cosmico, invece sottotono per quanto concerne l'epica misoginia, anzi con alcuni personaggi femminili trat ...continua

    Un altro romanzo di Houellebecq, infarcito del solito paradossalmente consolatorio pessimismo cosmico, invece sottotono per quanto concerne l'epica misoginia, anzi con alcuni personaggi femminili tratteggiati quasi con stima e simpatia e che non muoiono nemmeno. Come spesso capita alcuni personaggi del racconto sono realmente esistenti; ma stavolta Houellebecq va desisamente oltre, perché tra essi mette anche se stesso e arriva pure ad essere ucciso con conseguente indagine di polizia e trasformazione della storia in senso giallistico, dopo essere partita da un'ampia riflessione sul mondo dell'arte contemporanea...

    Oltre alle consuete riflessioni molto comuni, e forse la cosa migliore, nei romanzi di Houellebecq sulla vita e la società contemporanea. Peccato per il finale un po' tirato via; la clinica per il suicidio assistito a Zurigo e il chirurgo omicida avrebbero meritato qualche ulteriore approfondimento.

    ha scritto il 

  • 2

    Noioso. Qualche lampo di genio, qualche illuminante aforisma à la Houellebecq sulla civiltà occidentale e sull'uomo moderno, affogato in un oceano di chiacchiere poco ispirate sulla base di una storia ...continua

    Noioso. Qualche lampo di genio, qualche illuminante aforisma à la Houellebecq sulla civiltà occidentale e sull'uomo moderno, affogato in un oceano di chiacchiere poco ispirate sulla base di una storia poco interessante. Siamo lontani dai fasti dei bellissimi "La particelle elementari" e "Piattaforma". Evidentemente l'autore attraversava qui un periodo di stanca. Per fortuna, anni dopo, è arrivato un libro intelligente, graffiante e provocatorio come "Sottomissione", con cui il Nostro è ritornato, a mio parere, al livello dei suoi esordi.

    ha scritto il 

  • 2

    Rien a faire

    Ci ho riprovato e ho capito che la prima sensazione era quella giusta. Ho acquistato questo romanzo, al momento della sua uscita, nel 2010. Mi ci ero messa con interesse e curiosità (che dopo aver let ...continua

    Ci ho riprovato e ho capito che la prima sensazione era quella giusta. Ho acquistato questo romanzo, al momento della sua uscita, nel 2010. Mi ci ero messa con interesse e curiosità (che dopo aver letto "le particelle elementari" non vedevo l'ora di un altra chicca) ma non riuscivo ad appassionarmi; allora mi sono detta di aspettare, che forse non era il momento giusto. E adesso, dopo aver letto "Sottomissione" mi sentivo pronta. Niente da fare! Non mi coinvolge. Non mi appassiona. Ho trovato certamente geniali certe trovate, come la rappresentazione di se stesso e soprattutto della sua morte, ma ammetto di essere arrivata alla fine per pura curiosità, per capire se davvero fosse tutto lì.
    Sarà che mi aspetto sempre grandi cose da lui e stavolta, nonostante l'indiscusso talento, mi ha solo annoiata.

    ha scritto il 

  • 4

    La rappresentazione del mondo e dell'uomo tramite l'arte e la letteratura, è questo il tema principale del romanzo sviluppato quasi come un saggio. L'artista immaginario Jed Martin e lo scrittore real ...continua

    La rappresentazione del mondo e dell'uomo tramite l'arte e la letteratura, è questo il tema principale del romanzo sviluppato quasi come un saggio. L'artista immaginario Jed Martin e lo scrittore reale Michel Houellebecq, in fondo simili nel loro distacco quasi freddo rispetto all'umanità che pure li interessa molto come soggetto da riprodurre e raccontare, hanno un punto di contatto per un breve periodo delle loro vite che suscita una simpatia reciproca.
    Trattandosi di un'opera di Houellebecq non potevano mancare il grottesco e l'estremo, che stavolta riversa quasi esclusivamente su se stesso rappresentandosi prima come un povero depresso e poi come vittima di un efferato delitto (a essere onesti, la parte meno credibile del romanzo, per quanto la parola "credibile" abbia sempre un senso abbastanza vago nelle opere dello scrittore francese).
    Un libro per lettori houellebecquiani, per chi non ha mai letto nulla di lui questo è il romanzo meno adatto per incominciare.

    ha scritto il 

  • 3

    Gradevole... ma è come leggere un racconto interrotto, anche se completo

    E' sempre piacevole leggere Houellebecq, gli spunti sono eccellenti e mi ha anche fatto tornare la voglia di dipingere. Tuttavia, sembra che questo libro non abbia uno scopo, una linea conduttrice, un ...continua

    E' sempre piacevole leggere Houellebecq, gli spunti sono eccellenti e mi ha anche fatto tornare la voglia di dipingere. Tuttavia, sembra che questo libro non abbia uno scopo, una linea conduttrice, un senso se non nella mente dell'autore. Non è magico come Le Particelle Elementari, nè pretenzioso ma divertente come Piattaforma, nè virale come L'Estensione. Che sia davvero il suo ultimo libro? Speriamo di no!

    ha scritto il 

  • 5

    La morte dell'Autore...e dell'uomo

    Mettere in scena la propria morte non è un atto consueto, rappresenta piuttosto un'eccezione, forse un estremo tentativo antinarcisistico.
    In questo particolarissimo romanzo, L'Autore tocca temi di gr ...continua

    Mettere in scena la propria morte non è un atto consueto, rappresenta piuttosto un'eccezione, forse un estremo tentativo antinarcisistico.
    In questo particolarissimo romanzo, L'Autore tocca temi di grande attualità e complessità, quali l'estrema desolazione della società postindustriale, il destino ineluttabile all'estinzione cui (per sua stessa colpa) è votata l'umanità, l'intrinseca cosmica solitudine di ogni essere umano, il deserto dei sentimenti di questo nostro tempo triste governato unicamente da due cinici dei, il denaro e il sesso. Molto suggestivo e, in fondo, liberatorio il riferimento a "La terra dopo l'uomo" cui l'Autore si è indubitabilmente ispirato...."la densità minacciosa delle foreste che, dopo appena un secolo di inattività, circondano le fabbriche" rimarca "il carattere perituro e transitorio di ogni industria umana", "l'immensità vegetale che si estende all'infinito" fa da contraltare alla disgregazione delle creazioni umane che "diventa il simbolo dell'annientamento generalizzato della specie umana, soffocata dagli strati sovrapposti di piante". "Alla fine tutto si placa, non ci sono altro che erbe agitate dal vento".
    Il retrogusto finale è dolceamaro.....unica luce possibile alla fine del tunnel: il totale trionfo della vegetazione.

    ha scritto il 

  • 0

    Consigliato caldamente da una amica con cui condivido i gusti letterari, questo libro mi ha lasciata spiazzata. Non riesco a dare un voto. Ci sono parti geniali, e pezzi che dire pallosi è poco. Mboh. ...continua

    Consigliato caldamente da una amica con cui condivido i gusti letterari, questo libro mi ha lasciata spiazzata. Non riesco a dare un voto. Ci sono parti geniali, e pezzi che dire pallosi è poco. Mboh.

    ha scritto il 

  • 2

    Inizio francamente fastidioso per la sciattezza con cui è scritto, soprattutto pensando che l'autore è lo stesso di "Le particelle elementari" e "Piattaforma". Alla fine della lettura emerge però una ...continua

    Inizio francamente fastidioso per la sciattezza con cui è scritto, soprattutto pensando che l'autore è lo stesso di "Le particelle elementari" e "Piattaforma". Alla fine della lettura emerge però una interpretazione del declino della civiltà occidentale e degli stessi profeti di quel declino non banale.
    La rappresentazione che Houellebecq fa di sé stesso suona falsa e adolescenziale, meglio risparmiarsi il fegato e pensare che sia un personaggio senza corrispondenti nella vita reale.

    ha scritto il 

  • 3

    Houellebecq è un autore postmoderno, disperso nell'horror pleni contemporaneo, in cui la tentazione di cercare una storia è molto forte. Ti dà, a volte, l'impressione di rappresentarla. In realtà non ...continua

    Houellebecq è un autore postmoderno, disperso nell'horror pleni contemporaneo, in cui la tentazione di cercare una storia è molto forte. Ti dà, a volte, l'impressione di rappresentarla. In realtà non c'è niente, solo un fascio di rette-storia che solo casualmente, da lontano, sembra solido. Continuerò a leggerlo, magari era solo un omaggio a Sartre.

    ha scritto il 

Ordina per