L’Io narrante è un docente argentino di ispanistica all’Università di Cambridge, che ha sostituito una collega, Bluma Lennon, travolta mortalmente da un’auto mentre leggeva, incantata nel verso, una poesia di Emily Dickinson. Il professore riceve un ...Continua
Adriana
Ha scritto il 13/07/18
Trovato per caso nella lista desideri di un’amica anobiana, l’ho letto d’un fiato in un paio d’ore. Secondo me lo dovrebbe leggere ognuno di noi lettori, specialmente quelli che fanno acquisti compulsivi! Tutto inizia con un libro recapitato ad un do...Continua
Ola
Ha scritto il 15/11/16
I libri cambiano il destino delle persone I libri restano con noi in virtù di un patto di necessità e di oblio, come testimoni di un momento delle nostre vite al quale non ritorneremo la biblioteca che si mette insieme è una vita, non è mai una som...Continua
Frank
Ha scritto il 15/03/16
Mia prima e al momento unica lettura di Carlos Maria Domingues che devo dire ho trovato piacevole. Niente di straordinario in questo racconto lungo, però l’atmosfera ed il contesto sono di quelli che un grande lettore troverà certamente di proprio gr...Continua
Biblioteca San...
Ha scritto il 21/09/15
"La casa di carta" di Carlos Maria Domínguez
"…il lettore è un viaggiatore che si muove in un paesaggio già scritto. Un paesaggio infinito. L’albero è già stato scritto, e la pietra, e il vento fra i rami, e la nostalgia di quei rami e l’amore cui prestarono la loro ombra. E non conosco gioia p...Continua
Carlo Mars
Ha scritto il 18/09/15
"Nella primavera del 1998 Bluma Lennon comprò in una libreria di Soho una vecchia edizione delle poesie di Emily Dickinson e, arrivata alla seconda poesia, al primo incrocio, fu investita da un'automobile" Ecco l'incipit. Direi fulminante.E poi, di...Continua

wolenboeken
Ha scritto il Feb 20, 2017, 10:20
Anche le persone cambiano il destino dei libri.
Pag. 66
wolenboeken
Ha scritto il Feb 19, 2017, 20:02
Da quando ho memoria, non ho mai smesso di comprare libri. La biblioteca che si mette insieme è una vita. Non è mai una somma di libri.
Pag. 35
wolenboeken
Ha scritto il Feb 19, 2017, 10:58
Nessuno vorrebbe perdere un libro. Preferiamo perdere un anello, un orologio, l'ombrello, anziché il libro che non rileggeremo ma che serba, nella sonorità del titolo, un'antica e forse perduta emozione.
Pag. 20
wolenboeken
Ha scritto il Feb 19, 2017, 10:56
I libri restano con noi in virtù di un patto di necessità e di oblio, come testimoni di un momento delle nostre vite al quale non ritorneremo.
Pag. 20
wolenboeken
Ha scritto il Feb 19, 2017, 10:54
I libri cambiano il destino delle persone.
Pag. 11

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi