Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La casa segreta in fondo al bosco

Di

Editore: Newton Compton (Nuova narrativa Newton; 316)

2.7
(57)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 329 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8854132020 | Isbn-13: 9788854132023 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: S. Forlani

Disponibile anche come: eBook , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La casa segreta in fondo al bosco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La cittadina di Dalen, in Svezia, è sconvolta da un'ondata di crimini senza precedenti. Nel giro di pochi mesi molte case vengono svaligiate, ma nessuna delle vittime immagina che il peggio debba ancora arrivare. Un vero e proprio bagno di sangue stronca infatti la vita di alcuni ragazzi. I giornali parlano di un regolamento di conti, di storie di droga, di reietti della società che sono andati incontro al proprio destino. Nessuno sa quale sia la terribile verità. Tutto ha inizio quando David Flygare torna da Stoccolma, per passare l'estate nel suo paese natio. Riprende a frequentare gli amici di un tempo, che spesso si ritrovano in una macabra casa di legno, isolata nel bosco. Una casa che sembra avere un'influenza maligna. Gli amici di David - Lukas, Martin, Rickard, Julian e Justine - si lasciano catturare dalla strana atmosfera che aleggia in quel luogo, abbandonandosi a incesti, abusi di droga é persino omicidi. Anche David è presto trascinato nella follia del gruppo, finché un giorno un bambino, che stringe tra le mani un coniglio con un solo occhio, gli rivela di sapere tutto quello che accade nel bosco... Dopo "Lo strano caso di Stoccolma", in un'atmosfera opprimente che ricorda l'incubo, Carlsson ci conduce alla scoperta dei segreti di un piccolo paese, dove regnano il vuoto, la morte e un'allucinata indifferenza di fronte alla violenza.
Ordina per
  • 1

    Abbandonato. Assolutamente piatto e privo di qualsiasi emozione, la storia dovrebbe parlare di alcuni ragazzi che vivono in un paesino sperduto della Svezia e che si sentono oppressi e senza via di f ...continua

    Abbandonato. Assolutamente piatto e privo di qualsiasi emozione, la storia dovrebbe parlare di alcuni ragazzi che vivono in un paesino sperduto della Svezia e che si sentono oppressi e senza via di fuga. Per lunghe pagine non c'è altro che una lunga introspezione del protagonista, che potrei accettare se portasse da qualche parte. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la descrizione di un omicidio con la stessa enfasi di un giro al supermercato. Deprimente, bocciato su tutta la linea per me.

    ha scritto il 

  • 2

    C'era una casetta piccolina in Canada...

    Un gruppo di giovani amici, una misteriosa casa nascosta dai tesi rami del bosco... Superare i vent'anni e rendersi conto di avere tra le orecchie solo delle pernacchie molto confuse a occupare spazio ...continua

    Un gruppo di giovani amici, una misteriosa casa nascosta dai tesi rami del bosco... Superare i vent'anni e rendersi conto di avere tra le orecchie solo delle pernacchie molto confuse a occupare spazio...
    Popolo di anobii... ma sta casa poi che mi significa? è lì nel bosco, non nuoce a nessuno e ci scrivono sopra un deludente e inconcludente romanzo. Ma dove voleva andare a parare costui? Mi auguro inoltre che la descrizione data della rampante gioventù svedese sia fuorviante, perchè in questo libro sembrano essersi arrestati miseramente a una tardo adolescenza ricca di confusione mentale, ma priva di brufoli!
    E poi cosa centra il CONIGLIO!??

    ha scritto il 

  • 2

    Leggermente meglio dello scadente Lo strano caso di Stoccolma....... ma ancora non ci siamo. Solita accozzaglia di tossici impegnata in furti d'arte con contorno di omicidio. Compaiono alcuni simpatic ...continua

    Leggermente meglio dello scadente Lo strano caso di Stoccolma....... ma ancora non ci siamo. Solita accozzaglia di tossici impegnata in furti d'arte con contorno di omicidio. Compaiono alcuni simpaticipersonaggi già visti nel precedente romanzo. Sconsigliato

    ha scritto il 

  • 3

    bah...me lo aspettavo meglio...

    Un gruppo di ragazzi che non sanno che vogliono dalla vita...
    ...una casa sperduta in un bosco in cui far festa...
    ...strani furti in città...
    ...un cadavere (anzi due) sotto la casa...
    ...un amore om ...continua

    Un gruppo di ragazzi che non sanno che vogliono dalla vita...
    ...una casa sperduta in un bosco in cui far festa...
    ...strani furti in città...
    ...un cadavere (anzi due) sotto la casa...
    ...un amore omosessuale...
    ...un incesto...
    insomma chi più ne ha più ne metta, ma non illudetevi: nonostante queste chicche che ho appena menzionato il romanzo non decolla.
    Buona lettura!

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro è bellissimo. Mi era piaciuto tantissimo lo strano caso di Stoccolma ma questo è mille volte piu bello. Ti tiene incollato alle pagine finchè non arrivi alla fine. Bravo Christopher a me ...continua

    Questo libro è bellissimo. Mi era piaciuto tantissimo lo strano caso di Stoccolma ma questo è mille volte piu bello. Ti tiene incollato alle pagine finchè non arrivi alla fine. Bravo Christopher a me stra piaci così... L'ambientazione è bellissima

    ha scritto il 

  • 2

    Ma io lo avevo comprato credendo fosse un giallo!
    Ma che è un giallo questo?
    A me è sembrato un romanzo psicologico su un gruppo di tardo adolescenti svedesi, che si lasciano vivere così tanto per far ...continua

    Ma io lo avevo comprato credendo fosse un giallo!
    Ma che è un giallo questo?
    A me è sembrato un romanzo psicologico su un gruppo di tardo adolescenti svedesi, che si lasciano vivere così tanto per fare.
    Il fatto che ci siano dei fatti criminosi non ne fa necessariamente un giallo visto che non ci sono due righe che creino un accenno di suspance.
    E poi il povero bimbo sfigato Kasper che c'entra?
    Carlsson mi parea abbia delle capacità di scrittura, la tira molto per le lunghe con un eccesso di drescrizioni intimistiche ma ha della stoffa! Potrebbe utilizzarla in modo più proficuo indirizzandosi verso generi più intimistici e lavorando di più sulla psicologia dei personaggi.

    ha scritto il