Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La casa sull'albero

Di

Editore: Mondadori

4.0
(388)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 106 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Catalano

Isbn-10: 8804334800 | Isbn-13: 9788804334804 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Children , Fiction & Literature

Ti piace La casa sull'albero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Libro fantastico per ragazzi.
    Questa volta l'Autrice lancia a briglia sciolta la sua fantasia e ne esce una miscela a tratti comica ed a tratti grottesca, in grado di far riflettere e porre interrogativi anche chi ragazzo più non è.

    ha scritto il 

  • 2

    "Faticarono come due negre" ...
    "Anche se ormai non vali più niente, né come cane, né come uccello"...
    Bambini ammaccati che vengono buttati sui rami. Anziani a cui si tira la barba e che vengono maltrattati a colpi e a parole.
    Cani che si lascia a digiuno per renderli guardie p ...continua

    "Faticarono come due negre" ...
    "Anche se ormai non vali più niente, né come cane, né come uccello"...
    Bambini ammaccati che vengono buttati sui rami. Anziani a cui si tira la barba e che vengono maltrattati a colpi e a parole.
    Cani che si lascia a digiuno per renderli guardie più feroci e pesci che vengono lasciati morire di fame per essere sfruttati meglio. Signori che vengono rapiti e costretti a creare improbabili impianti dal nulla. Uomini che prendono a fucilate gli uccelli, ma poco importa se quelli non si fanno troppo male..
    No no, col cavolo. Io capisco che voglia essere un racconto fantasioso per bambini, con la quercia piena di innesti assurdi e... mm che altro c'è di simpatico? Ok, magari la gatta che parla in modo tanto formale e i bimbi che parlano in rima, ma ci sono delle cose che mi infastidiscono parecchio. Che insegnamenti sarebbero per un bambino? Non avrei sopportato certe cose nemmeno da piccola, figuriamoci ora.
    Quell'Aglaia poi è di un'antipatia incredibile. Bianca è altrettanto sgarbata.

    Per concludere c'è questa "grande" battaglia e.. il niente. Come se l'autrice si fosse dimenticata di finire il libro e quello fosse andato in stampa così ._.

    ha scritto il 

  • 4

    ORIGINALE

    Lo ammetto: il mio primo libro della Pitzorno! Già! Non mancherò di approfondire questa amicizia appena nata, però.


    Testo divertente e significativo per una possibile lettura di classe; utilissima la parte dedicata all'adattamento teatrale realizzato da Roberto Piumini (presente nella mia ...continua

    Lo ammetto: il mio primo libro della Pitzorno! Già! Non mancherò di approfondire questa amicizia appena nata, però.

    Testo divertente e significativo per una possibile lettura di classe; utilissima la parte dedicata all'adattamento teatrale realizzato da Roberto Piumini (presente nella mia edizione).

    Davvero originali i nomi dei protagonisit, specie quelli dei quattro "trovatelli"!

    ha scritto il 

  • 4

    Ho adorato Prunilde la gatta che impara a parlare in un ricercatissimo italiano, più di ogni altro personaggio.
    Continuo a pensare che la Pitzorno non abbia età per quanto riguarda il target di suoi lettori, è sempre godibilissima!

    ha scritto il 

  • 4

    Restare bambini

    Avrei voluto che da piccola mi leggessero tanti tanti libri,ma non è mai troppo tardi.Grazie ad una amica di Anobii sto facendo la conoscenza di questa autrice di libri per ragazzi e prima di conservarli e leggerli ai miei nipoti..........ne approfitto.
    E' stato molto divertente,scrittura s ...continua

    Avrei voluto che da piccola mi leggessero tanti tanti libri,ma non è mai troppo tardi.Grazie ad una amica di Anobii sto facendo la conoscenza di questa autrice di libri per ragazzi e prima di conservarli e leggerli ai miei nipoti..........ne approfitto.
    E' stato molto divertente,scrittura semplice ma non banale, tanta tanta fantasia e molti spunti per approfondire temi importanti.

    ha scritto il 

  • 3

    Questo sarà più un pensiero che una recensione, perché il libro è davvero corto (100 pagine), e.. insomma, è una favoletta. La casa sull'albero fa parte della collana Junior - 10, che è appunto la collana dedicata ai piccoli lettori che non hanno ancora superato la soglia dei 10 anni.. però.. ebb ...continua

    Questo sarà più un pensiero che una recensione, perché il libro è davvero corto (100 pagine), e.. insomma, è una favoletta. La casa sull'albero fa parte della collana Junior - 10, che è appunto la collana dedicata ai piccoli lettori che non hanno ancora superato la soglia dei 10 anni.. però.. ebbene sì, però.
    Ho sempre amato Bianca Pitzorno, fin da bambina, ma questo non mi è mai particolarmente piaciuto. Ho voluto rileggerlo proprio perché non ricordavo cos'è che non mi avesse convinto, e ora lo so: la storia racconta appunto di Aglaia e Bianca, due amiche che un giorno, stufe dei loro appartamenti di città, decidono di trasferirsi su un quercia. Il grande albero, in un certo senso magico, diventa la loro nuova casa, e la storia si snoda tra avventure, coinquilini dispettosi, gatti parlanti e cani con le piume. Un'avventura simpatica, ma.. non ha né un inizio né una fine, e questo già da piccola mi aveva lasciata perplessa.
    Quando il libro inizia Aglaia e Bianca vivono già sull'albero, non si sa né come né perché.. c'è qualche avventura nel mezzo e poi di punto in bianco finisce, come se avessero semplicemente stroncato la storia. Non c'è un inizio, uno sviluppo e una conclusione, insomma, e già da bambina ne ero rimasta irritata.
    Naturalmente il libro è simpatico e si legge volentieri, fa ridere ed è illustrato come sempre Quentin Blake.
    Diciamo che lo consiglio dai 6 agli 8 anni al massimo.

    ha scritto il