Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La cattiva figlia

By Carla Cerati

(75)

| Others | 9788882742362

Like La cattiva figlia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La cattiva figlia del titolo è l'io narrante di questo romanzo sul difficile rapporto tra una donna alle soglie della maturità e la madre ottantenne. L'obiettivo dell'autrice mette a fuoco conflitti, rancori, nodi irrisolti che si stemp Continue

La cattiva figlia del titolo è l'io narrante di questo romanzo sul difficile rapporto tra una donna alle soglie della maturità e la madre ottantenne. L'obiettivo dell'autrice mette a fuoco conflitti, rancori, nodi irrisolti che si stemperano quando la figlia spinge la madre a raccontarle la propria vita, nel tentativo di avvicinarsi finalmente a lei, di comprenderla e, forse, di rivalutarla. La narrazione si svolge su diversi piani che si intersecano e si sovrappongono, permettendo al lettore di vedere le due protagoniste da angolazioni differenti e punti di vista contrastanti.

22 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    rapporto complesso ma molto vero che ti porta a riflettere molto,sia come madre che come figlia. consigliato
    baci a chi me lo ha passato..........

    Is this helpful?

    Jane Austen said on Apr 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    che pena il trascinamento della dedizione, voluta ma negata.
    Il libro ti conduce in modo sottile ma sincero dentro la cattiveria umana, espressa attraverso parole e fatti concreti.
    Madre e figlia in conflitto fino alla fine, che avviene in completa s ...(continue)

    che pena il trascinamento della dedizione, voluta ma negata.
    Il libro ti conduce in modo sottile ma sincero dentro la cattiveria umana, espressa attraverso parole e fatti concreti.
    Madre e figlia in conflitto fino alla fine, che avviene in completa solitudine.

    Is this helpful?

    Rose said on Mar 8, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    per tutti quelli che si sentono "cattivi figli" e ci soffrono.....sapere di non essere i soli mostri su questa terra che hanno un cattivo rapporto con un genitore aiuta un pochino.....

    Is this helpful?

    S Giusti said on Feb 9, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    "Il lato terribile della morte, al di là del dolore e della fatica, è l’affluire dei ricordi che ci costringe a fare i conti con la vita."
    Una narrazione cruda e tenerissima, il dramma interiore di una figlia che assiste la madre negli ultimi anni ...(continue)

    "Il lato terribile della morte, al di là del dolore e della fatica, è l’affluire dei ricordi che ci costringe a fare i conti con la vita."
    Una narrazione cruda e tenerissima, il dramma interiore di una figlia che assiste la madre negli ultimi anni di vita e si scontra con quegli egoismi e limitazioni che l'anziano impone a chi lo assiste e che vanno a radicarsi nei sensi di colpa fino a generare una vera reazione aggressiva di difesa verso la propria libertà, le proprie abitudini ..la propria vita. E' il segno che oggi non c'è più quel contesto sociale che prima permetteva a più generazioni di convivere in uno stesso contesto con ruoli differenti, oggi ognuno è preso sulla propria strada e condividere tempi e spazi eguivale a sacrificare il proprio stile di vita. Leggendo mi ha colpito il travaglio interiore della "cattiva figlia" ma soprattutto mi domandavo cosa accade a chi una "cattiva figlia" non ce l'ha. Scegliere di non avere figli comporta anche l'incognita su come saranno affrontati gli ultimi anni di vita e non mi sembra che la nostra società abbia intenzzione di affrontare il problema di una condizione che non è poi così rara

    Is this helpful?

    Anna said on Dec 24, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che scandaglia l'animo di una donna che non riesce ad accettare responsabilità e limitazione della sua libertà. Drammatica l'esperienza di questa figlia, alla prese con una madre che pretende, osserva spia. Avendo vissuto la stessa esperienz ...(continue)

    Un libro che scandaglia l'animo di una donna che non riesce ad accettare responsabilità e limitazione della sua libertà. Drammatica l'esperienza di questa figlia, alla prese con una madre che pretende, osserva spia. Avendo vissuto la stessa esperienza, sia pure con animo diverso, non ho potuto fare a meno di rivivere quei 16 anni passati ad accudire una madre paralizzata a soli 42 anni, che ha sconvolto i miei sogni, le mie prospettive, e condizionato tutta la famiglia,anche se, fortunatamente, mia madre era totalmente diversa dalla madre del romanzo.

    Is this helpful?

    Pinky la Giraffa said on Nov 24, 2011 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questa volta si tratta di una lettura che mi ha colpita profondamente perchè molto vicina alla mia esperienza personale.

    Davvero molto brava l'autrice che ci racconta la storia di una mamma e di una figlia, senza tentativi di giustificazioni per gli ...(continue)

    Questa volta si tratta di una lettura che mi ha colpita profondamente perchè molto vicina alla mia esperienza personale.

    Davvero molto brava l'autrice che ci racconta la storia di una mamma e di una figlia, senza tentativi di giustificazioni per gli errori commessi e senza "censure" di pensieri, siano essi belli o brutti.

    Il titolo è forse un po' ingannevole. La "cattiva figlia" del titolo non è poi così cattiva, è solo alle prese con le responsabilità, gli impegni di lavoro, un matrimonio fallito, i figli e il disperato bisogno di libertà. La situazione è resa difficile dal rapporto con la madre, un rapporto fatto da sempre di incomprensioni, di lontananza, di differenze generazionali e di modi di pensare.

    Questo rapporto già complesso, peggiora quando la madre, rimasta sola, ha bisogno di attenzioni e di compagnia prima, e di assistenza dopo. Le due donne si ritrovano a convivere sempre più spesso, ma con l'età che avanza, è risaputo, si diventa capricciosi, egoisti, incapaci di andare incontro alle esigenze delle persone che si amano. La "cattiva figlia" si sente in qualche modo oppressa, chiusa in una gabbia, bisognosa di una boccata d'aria ed è sempre e costantemente pronta ad attaccare, anche quando sarebbe superfluo.

    Nonostante ciò cerca di essere presente ogni volta che la mamma ha bisogno, cerca di trovare delle soluzioni alternative, ma spesso non si lascia commuovere. In particolar modo accusa la madre di passività, di essersi arresa, di invocare la morte.

    Ad un certo punto vuole cercare di capire la donna che l'ha messa al mondo, indagare sul momento in cui si sono allontanate, riuscire a stabilire se vi siano stati errori e soprattutto chi li abbia commessi. Si fa pertanto raccontare tutto, lascia che la donna, parlando a ruota libera, ricordi episodi della sua giovinezza e dell'età adulta, aneddoti familiari, i problemi con il marito, con il padre e anche quelli economici che l'hanno accompagnata durante buona parte della sua vita.
    E' un viaggio insieme fino all'inevitabile conclusione!

    Is this helpful?

    Anto_s1977 said on Apr 25, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (75)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 1 star
  • Others 272 Pages
  • ISBN-10: 8882742369
  • ISBN-13: 9788882742362
  • Publisher: Sperling & Kupfer
  • Publish date: 2001-01-01
  • Also available as: Paperback , Hardcover
Improve_data of this book