Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La chiave

Di

Editore: CDE (su licenza Fabbri-Bompiani, Sonzogno, Etas)

3.8
(626)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 126 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Portoghese , Spagnolo , Catalano

Isbn-10: A000010647 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Satoko Toguchi

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace La chiave?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Ho scelto questo libro come una provocazione contro l'ultimo "caso" editoriale delle Cinquanta sfumature. Infatti il romanzo di Tanizaki seppur rientra nel genere erotico, rimane comunque un libro ben ...continua

    Ho scelto questo libro come una provocazione contro l'ultimo "caso" editoriale delle Cinquanta sfumature. Infatti il romanzo di Tanizaki seppur rientra nel genere erotico, rimane comunque un libro ben scritto, assolutamente non volgare e privo di luoghi comuni. Nel libro non vengono descritti gli atti sessuali in modo dettagliato ed i protagonisti non si abbandonino a chissà quali "esperimenti acrobatici", che invece hanno tanto appassionato le lettrici e lettori delle "Cinquanta Sfumature". Questo libro è un vero e proprio "romanzo coniugale" ove i protagonisti ci confidano le loro fantasie e le loro paure. Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 3

    ...e mezzo!

    Mentre tutti sono in attesa di vedere la trasposizione cinematografica dell'erotismo (?) presente nei libri delle sfumature, io mi accingo a scrivere la mia opinione su questo libro asiatico, che non ...continua

    Mentre tutti sono in attesa di vedere la trasposizione cinematografica dell'erotismo (?) presente nei libri delle sfumature, io mi accingo a scrivere la mia opinione su questo libro asiatico, che non ha nulla a che vedere con quell'erotismo là.
    Sappiamo che il mondo asiatico è differente da noi per tutta una serie di cose, e non è da meno la letteratura.
    Ho preso "La chiave" in prestito in biblioteca, nella sezione Eros e Thanatos, e in effetti queste pagine racchiudono magistralmente questi concetti.
    La storia è semplice: il rapporto tra due coniugi, con il passare del tempo, va verso la distruzione.
    I due però, non parlano, non si confrontano e quindi lasciano che la loro storia vada alla deriva.
    Unico mezzo di sfogo sono i loro diari segreti, spettatori di vari giochi psicologici, segreti, voyeurismo, fedeltà.
    Devo dire che all'inizio mi veniva il nervoso per loro, dicevo "Ma parlate, accidenti!", poi andando avanti con la lettura ci si accorge che le cose sono un po' più complicate di come appaiono, e anche se non lo fossero state...bé, ci sono persone che tutt'ora non si confrontano sul proprio rapporto, quindi niente di strano per quel periodo.
    Il libro è scritto con delicatezza, senza particolari fronzoli, ma allo stesso tempo in maniera schietta.
    La fine mi è piaciuta,pur non condividendola, è stata una cosa inaspettata che mi ha fatto apprezzare maggiormente il libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Se lui sa che io so che lui sa, certamente lui saprà che ciò che lui sa è solamente ciò ch'io voglio che lui sappia e non necessariamente ciò che so effettivamente essere stato, eh!

    "Ikuko te ne prego ...continua

    Se lui sa che io so che lui sa, certamente lui saprà che ciò che lui sa è solamente ciò ch'io voglio che lui sappia e non necessariamente ciò che so effettivamente essere stato, eh!

    "Ikuko te ne prego, non confessare! Io non leggo di nascosto, ma comunque non scrivere la verità!"

    "io son di quelle creature in cui lussuria e timidezza possono esistere fianco a fianco."

    "Io sono una donna che riesce a tener staccati amore e lussuria. Da un lato lo tratto freddamente, e lo trovo persino nauseante; dall'altro ho una tal premura di sedurlo che senza accorgermene resto sedotta anch'io. Dapprima sto in una quiete glaciale, intenta a pensare come possa eccitarlo ancor più. Con malizia sto a guardarlo ansimare, come se perdesse il senno, e mi inebrio dell'abilità della mia tecnica. Ma poi alla fine mi ritrovo ansimante anch'io eccitata quanto lui."

    ha scritto il 

  • 5

    Erotismo alla Giapponese

    Tanizaki, gran maestro dell'erotismo Giapponese, descrive un contesto di relazioni familiari che vanno alla deriva alla ricerca della soddisfazione di "desideri non dichiarati".
    I diari per comunicare ...continua

    Tanizaki, gran maestro dell'erotismo Giapponese, descrive un contesto di relazioni familiari che vanno alla deriva alla ricerca della soddisfazione di "desideri non dichiarati".
    I diari per comunicare, il coinvolgimento della sfera familiare più allargata (la figlia e il suo amico), il voyeurismo che filtra da tutte le pagine di questo romanzo...
    Un romanzo, di letteratura erotica, elegante e in cui si percepisce il pathos in ogni pagina..
    fino alla fine ... drammatica e di "rivelazioni"..
    Tinto Brass ne ha ricavato la sceneggiatura per il film con la Sandrelli...
    costruendo per lei l'immagine della prima "MILF" dell'epoca moderna!!

    ha scritto il 

  • 2

    Mi spiace , ma è stato una vera delusione. Sebbene considerato un caposaldo della letteratura erotica - forse a seguito del film di Brass,che non ho visto - l'ho trovato noioso e contorto. La sessuali ...continua

    Mi spiace , ma è stato una vera delusione. Sebbene considerato un caposaldo della letteratura erotica - forse a seguito del film di Brass,che non ho visto - l'ho trovato noioso e contorto. La sessualità di questa coppia " matura " che per esplodere e deflagrare deve servirsi di mezzi astrusi come finte ubriacature, diari segreti condivisi, un terzo uomo e una figlia ruffiana mi è parso cerebrale, improbabile ed a tratti perfino ridicolo; comunque mai coinvolgente.<br/><br/><br/><br/><br/><br/><br/><br/>

    ha scritto il 

  • 4

    Primo romanzo che leggo del maestro Tanizaki, e devo dire di averlo molto gradito. Erotismo sottile, un vedo-non-vedo magistralmente tenuto in equilibrio dall'inizio alla fine. Quattro personaggi prin ...continua

    Primo romanzo che leggo del maestro Tanizaki, e devo dire di averlo molto gradito. Erotismo sottile, un vedo-non-vedo magistralmente tenuto in equilibrio dall'inizio alla fine. Quattro personaggi principali - Ikuko, suo marito, la loro figlia Toshiko e l'amico di lei, Kimura - le cui vite, pulsioni e sentimenti si intrecciano nell'omertà e nel silenzio. Il matrimonio di Ikuko e del marito si basa proprio sul "non detto": i due si comunicano i rispettivi desideri tramite un diario, convinti di leggersi a vicenda. In realtà, questo non accade (almeno, "apparentemente" no). Non riescono a vivere la sessualità di coppia in modo autentico, perché essi stessi non sono autentici, ma devono trovare nuovi modi per stimolarla "per vie traverse", non esitando a usare il giovane Kimura né la loro stessa figlia. Il romanzo è pervaso, infatti, da una vena non indifferente di voyeurismo e morbosità. Ikuko in particolare è un personaggio interessante, una donna giapponese all'antica, che sta bene solo col kimono e non vestita all'occidentale, divisa tra il naturale pudore della sua educazione e la sua prorompente sessualità istintiva; rivelerà però di essere molto più furba e meno vittima di quanto non sembri inizialmente. Il rapporto fra marito e moglie si disvela lentamente attraverso le pagine del diario, ed è un rapporto (anche mentale) che si consuma attraverso escamotages e strumenti, mai direttamente. I due è come se comunicassero dietro a un velo, senza riuscire ad accettare le rispettive vere identità. Isolamento, questo, che paradossalmente dà luogo a un gioco a incastro perfetto: i due non comunicano, ma sono uguali nell'istinto (istinto che, alla fine, li divora). Prosa scorrevole e molto elegante. Interessante è poi lo spunto che questo romanzo ha fornito per "Trastulli di animali" di Yukio Mishima, che in un certo senso sembra iniziare dove questo romanzo finisce.

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente, dopo tanto tempo che volevo farlo, sono riuscita a leggere "La chiave" di Tanizaki!
    La trama è riassumibile in: marito e moglie di mezza età cercano di ravvivare la passione amorosa attrav ...continua

    Finalmente, dopo tanto tempo che volevo farlo, sono riuscita a leggere "La chiave" di Tanizaki!
    La trama è riassumibile in: marito e moglie di mezza età cercano di ravvivare la passione amorosa attraverso una serie di giochetti psicologici (ahah, se conoscete l'autore non ne sarete sorpresi). Lo stile della narrazione però è piuttosto intricato... Tutte le vicende vengono raccontate tramite i diari dei protagonisti, pertanto tutto quel che accade viene ricostruito integrando i racconti dei due. La faccenda si complica quando il diario però diventa una sorta di mezzo di comunicazione tra i coniugi e non si capisce fino a che punto ognuno dei due desideri che il suo contenuto rimanga segreto all'altro. Forse intrinsecamente desiderano che l'altro legga, ma non si può esserne sicuri, pertanto non si capisce in quale misura anche le 'confessioni' più intime rispecchino la verità o siano scritte ad hoc per spingere l'altro a compiere azioni più estreme. In tutto questo si inserisce il comportamento ambiguo della figlia, ancor più criptico in quanto non abbiamo modo di sapere nulla di lei, se non attraverso il tramite dei diari dei suoi genitori.
    Davvero una lettura intrigante, degna del miglior Tanizaki!

    ha scritto il