La chiave Gaudì

Di ,

Editore: Sperling & Kupfer (Narrativa; 471)

3.1
(751)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 397 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Catalano , Spagnolo , Olandese , Inglese , Tedesco , Chi semplificata , Sloveno , Chi tradizionale

Isbn-10: 8820043858 | Isbn-13: 9788820043858 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Chiara Brovelli

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace La chiave Gaudì?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Barcellona, 1926: una sera di giugno, Antonio Gaudi muore investito da un tram. E se la morte del grande architetto non fosse stata un incidente? Ottant'anni più tardi, Juan Givell , ormai malato e sul punto di perdere la memoria, attende la visita di sua nipote Maria per rivelarle un segreto mantenuto per tanto tempo: "Ero con Gaudi il giorno che lo uccisero." Insieme a queste parole le consegna una strana chiave che deve condurla al segreto meglio conservato di Antonio Gaudi. Investita da questa straordinaria eredità la giovane Maria, con l'aiuto del fidanzato Miguel, famoso matematico, e di Taimatsu, una storica giapponese, inizia una ricerca disperata. Fino a scoprire che l'insieme delle opere del grande architetto forma la costellazione dell'Orsa Minore. Qui si nasconde un codice grazie al quale si eviterà la distruzione dell'universo. Una rivelazione sconvolgente, per cui le vite dei protagonisti saranno in pericolo mortale: una sanguinaria confraternita segreta li segue passo passo e, dopo aver assassinato Juan Givell, tenterà in tutti i modi di distruggere il segreto. Compito di Maria sarà salvare la vita dei suoi amici ma soprattutto impedire che la preziosa chiave cada nelle mani del nemico.
Ordina per
  • 3

    Decisamente troppo mistico e irreale...

    "La chiave Gaudì" (La clave Gaudì, 2007) di Esteban Martìn e Andreu Carranza è uno di quei romanzi che si leggono con piacere ma che lasciano l'amaro in bocca a causa del finale non in linea con tutto ...continua

    "La chiave Gaudì" (La clave Gaudì, 2007) di Esteban Martìn e Andreu Carranza è uno di quei romanzi che si leggono con piacere ma che lasciano l'amaro in bocca a causa del finale non in linea con tutto il resto del racconto, che è fin troppo fantasioso e spirituale per i miei gusti.
    La storia ha un intreccio interessante e si basa sull'opera del grande architetto spagnolo Antoni Gaudì; bisogna riconoscere ai due autori una gran fantasia nel cercare "presunti" riferimenti esoterici e misteriosi contenuti nelle opere del Maestro catalano e nel costruirci intorno una caccia al tesoro o, meglio, alla reliquia più sacra della religione cristiana che, se trovata e inserita all'interno dell'opera simbolo di Gaudì (la Sagrada Familia) potrà salvare il mondo dall'avvento del male e prepararlo ad un nuovo ritorno di Cristo sulla Terra.
    Decisamente troppo mistico e irreale... ma il lato positivo è quello di stimolare il lettore ad approfondire la conoscenza delle opere di Gaudì, e magari verificare se tutti quei riferimenti ad una presunta mappa stellare formata dagli edifici realizzati dall'Architetto di Dio a Barcellona sia vera o solo una fantasia degli autori.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Un vero peso paglia...

    Il codice Da Vinci barcellonese (un po' più violento e un po' più blasfemo...), con Gaudì al posto di Leonardo. Invita, effettivamente,a una visita approfondita alla città e alle opere moderniste ...continua

    Il codice Da Vinci barcellonese (un po' più violento e un po' più blasfemo...), con Gaudì al posto di Leonardo. Invita, effettivamente,a una visita approfondita alla città e alle opere moderniste

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Mistero ma non del tutto nuovo

    Questo romanzo si sviluppa tra presente e passato ripercorrendo la misteriosa morte di Gaudì. Peccato che leggendo la storia non si possa fare a meno di provare una certa sensazione di delusione. Semb ...continua

    Questo romanzo si sviluppa tra presente e passato ripercorrendo la misteriosa morte di Gaudì. Peccato che leggendo la storia non si possa fare a meno di provare una certa sensazione di delusione. Sembra quasi d'imbattersi in un ibrido tra "Il Codide Da Vinci" un libro di approfondimenti sulle opere di Gaudì e un giallo. Forse un mix a cui manca originalità. Apprezzabili certi aspetti che "svelano" dettagli sulle opere dell'architetto Gaudì e alcuni momenti souspance nel romanzo stesso. Personalmente ho trovato il momento dell'esecuzione della povera "giapponesina" a dir poco impressionante. Complessivamente però la storia non mi ha convinto molto.

    ha scritto il 

  • 3

    Barcellona esoterica

    Un po' troppo esoterica questa lettura di Barcellona però mi ha entusiasmato l'idea di un percorso dentro la città di Gaudì che si profila appunto tra queste pagine. La storia di iniziazione all'amore ...continua

    Un po' troppo esoterica questa lettura di Barcellona però mi ha entusiasmato l'idea di un percorso dentro la città di Gaudì che si profila appunto tra queste pagine. La storia di iniziazione all'amore in cui sono coinvolti un matematico e una storica dell'arte è costruita con un certo sadismo, e scorre in un crescendo di delitti, che a confronto la favola di Hansel e Gretel è appunto una storia da bambini...Interessante l'interpretazione del famoso paradosso di Zenone, ma per me decisamente troppi gli enigmi!

    ha scritto il 

  • 2

    la trama è piacevole, specie se si sono visti i luoghi descritti, vi immaginiamo il passaggio dei personaggi. Non l'ho trovato struttirato in maniera memorabile, i personaggi sono interessanti e la na ...continua

    la trama è piacevole, specie se si sono visti i luoghi descritti, vi immaginiamo il passaggio dei personaggi. Non l'ho trovato struttirato in maniera memorabile, i personaggi sono interessanti e la narrazione anche, ma manca un filo conduttore spazio-temporale più credibile, secondo il mio giudizio. Una buona lettura estiva e niente più. Un pregio lo porta comunque: la voglia di osservare con più attenzione il lavoro visionario di Antoni Gaudi.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho letto il libro dopo aver visitato Barcellona e la Sagrada Famiglia e forse mi aspettavo qualcosa di diverso. Non che il libro sia strutturato male o che la trama e il mistero non siano interessanti ...continua

    Ho letto il libro dopo aver visitato Barcellona e la Sagrada Famiglia e forse mi aspettavo qualcosa di diverso. Non che il libro sia strutturato male o che la trama e il mistero non siano interessanti, ma forse gli autori si dilungano troppo nella descrizione dell'architettura di Gaudì. Di molte pagine ne avrei fatto a meno. Tutto sommato un bel libro!!!!

    ha scritto il 

Ordina per