Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La chiave a stella

Di

Editore: Einaudi (ET; 57)

4.1
(1070)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 187 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8806181645 | Isbn-13: 9788806181642 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Professional & Technical

Ti piace La chiave a stella?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Faussone e Levi: l’operaio specializzato e il chimico. Il primo affida alla penna dello scrittore/chimico, il racconto delle le sue “avventure” lavorative, i problemi, a volte insormontabili, che ha i ...continua

    Faussone e Levi: l’operaio specializzato e il chimico. Il primo affida alla penna dello scrittore/chimico, il racconto delle le sue “avventure” lavorative, i problemi, a volte insormontabili, che ha incontrato, gli incidenti, le soddisfazioni che gli sono capitate nel corso della vita e che ne hanno in qualche modo forgiato il carattere. Il lavoro manuale diretto da chi il lavoro l’ha studiato, visto da chi lo svolge materialmente.
    E lo scrittore raccoglie questi ricordi, queste memorie lasciando il linguaggio semplice e incisivo, intervenendo raramente a commento o solo per affiancare le sue sensazioni alla narrazione.
    I due non diventano amici, ma solo “complici” e, solo alla fine, anche lo scrittore aggiunge il suo racconto personale, che unisce le esperienze e fornisce una sorta di chiave di lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    Forse solo Gadda è stato capace di rendere così poetico il lavoro tecnico, quello che si fa con le mani ma che non potrebbe funzionare senza il cervello; quello che richiede una sapienza frutto solo d ...continua

    Forse solo Gadda è stato capace di rendere così poetico il lavoro tecnico, quello che si fa con le mani ma che non potrebbe funzionare senza il cervello; quello che richiede una sapienza frutto solo di esperienza, dove le stellette si conquistano sul campo e non sui libri; quello che pretende una sensibilità e un affinamento dei cinque sensi; quello, infine, di cui si vede e si apprezza il risultato. Faussone è un montatore, lavora su gru, tralicci, ponti, scavatrici in ogni angolo del mondo, forte della sua perizia tecnica e della sua testardaggine piemontese. Levi, scrittore e tecnico a sua volta, immagina un eroe di una classe che in letteratura è quasi assente. Non scienziato né operaio, ma specialista, come Levi lo è stato delle vernici. In più Faussone è portatore di una sapienza più antica, figlio di un artigiano 'battilastra', cioè lavoratore del rame, è profondamente radicato nelle tradizioni di una terra, della quale riproduce la lingua semplice e colorita, ricca di espressioni intraducibili e di gergo tecnico. Ma, soprattutto, attraverso Faussone, Levi insegna l'amore per il lavoro come forma di libertà che è data (potenzialmente) a tutti. L'etica del lavoro di Levi è etica tout court: se il lavoro è l'unico mezzo dato a ciascuno per realizzarsi in questa esistenza, e se ogni lavoro può avere pari dignità nell'amore che lo eleva agli occhi del mondo, allora la sua negazione è negazione di una delle poche libertà che ancora abbiamo. Forse questo libro dovrebbero rileggerlo Renzi e tutti i ministri che hanno reso, in questo paese, un privilegio persino il lavoro.

    ha scritto il 

  • 4

    Più bello per ciò che simboleggia, per ciò che grida -pacatamente, come sempre- tra le righe, per ciò cui inneggia. Meno per i lunghi (e a loro modo poetici) dettagli ingegneristico-meccanici, che spe ...continua

    Più bello per ciò che simboleggia, per ciò che grida -pacatamente, come sempre- tra le righe, per ciò cui inneggia. Meno per i lunghi (e a loro modo poetici) dettagli ingegneristico-meccanici, che spesso mi hanno fatto saltare qualche riga o hanno interrotto il filo del mio pensiero. La scelta della lingua, volutamente mimetica rispetto al "ruspante" personaggio, può affaticare qualora non si rifletta sulla genialità della messa in pratica.

    ha scritto il 

  • 5

    Un Levi lieve

    Un testo leggero, godibile e coinvolgente, che non manca di proporre alcune interessanti e condivisibili riflessioni sul lavoro. Personalmente, gli attribuisco il grande merito di avermi fatto tornare ...continua

    Un testo leggero, godibile e coinvolgente, che non manca di proporre alcune interessanti e condivisibili riflessioni sul lavoro. Personalmente, gli attribuisco il grande merito di avermi fatto tornare la voglia di leggere dopo alcune esperienze letterarie non proprio esaltanti. Una piccola perla che merita maggior risonanza.

    ha scritto il 

  • 4

    Se si escludono istanti prodigiosi e singoli
    che il destino ci può donare,
    l’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi)
    costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicit ...continua

    Se si escludono istanti prodigiosi e singoli
    che il destino ci può donare,
    l’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi)
    costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra.

    ha scritto il 

  • 3

    L'autore è un grande, un grandissimo e per il tramite di questo personaggio impartisce una lezione esemplare sull'etica del lavoro.
    Ciò che risulta pesante, francamente, è l'esecuzione: la narrazione ...continua

    L'autore è un grande, un grandissimo e per il tramite di questo personaggio impartisce una lezione esemplare sull'etica del lavoro.
    Ciò che risulta pesante, francamente, è l'esecuzione: la narrazione alla lunga diventa ripetitiva e la scelta di utilizzare un italiano approssimativo (scelta pur legittima e giustificata per far dialogare Faussone) contribuisce non poco al disamore ed alla noia.

    ha scritto il 

  • 3

    La vita raccontata in un lungo dialogo tra due tecnici italiani, un montatore di gru ed un chimico, spersi nella pianura russa. Per i due uomini il lavoro è il senso della vita e fare un alvoro che si ...continua

    La vita raccontata in un lungo dialogo tra due tecnici italiani, un montatore di gru ed un chimico, spersi nella pianura russa. Per i due uomini il lavoro è il senso della vita e fare un alvoro che si ama è la massima espressione della libertà.

    Mi è piaciuta la passione con cui i due uomini parlano dei loro lavori, un po' meno le lunghe disquisizioni tecniche.

    ha scritto il 

  • 4

    Che bel personaggio Libertino Faussone!!!

    "..il termine libertà ha notoriamente molti sensi, ma forse il tipo di libertà più accessibile, più goduto soggettivamente, più utile al consorzio umano, coin ...continua

    Che bel personaggio Libertino Faussone!!!

    "..il termine libertà ha notoriamente molti sensi, ma forse il tipo di libertà più accessibile, più goduto soggettivamente, più utile al consorzio umano, coincide con l'essere competenti nel proprio lavoro e quindi nel provare piacere a svolgerlo".

    Meditate, gente, meditate... (ed io per prima!)

    ha scritto il 

  • 3

    Così così. Struttura rigida e ripetitiva (ogni capitolo un racconto), caratterizzazione del personaggio Faussone un po' troppo piatta ed eccessiva, mancanza di vere riflessioni sul cambiamento del lav ...continua

    Così così. Struttura rigida e ripetitiva (ogni capitolo un racconto), caratterizzazione del personaggio Faussone un po' troppo piatta ed eccessiva, mancanza di vere riflessioni sul cambiamento del lavoro in quegli anni. Nell'insieme, piuttosto freddo.

    ha scritto il 

Ordina per