La chica que soñaba con una cerilla y un bidón de gasolina

By

Publisher: Destino (Argentina)

4.2
(17971)

Language: Español | Number of Pages: 736 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Danish , Swedish , German , Italian , Norwegian , French , English , Catalan , Portuguese , Chi traditional , Finnish , Dutch , Czech , Polish , Hungarian , Romanian

Isbn-10: 950732111X | Isbn-13: 9789507321115 | Publish date:  | Edition 8

Translator: Juan José Ortega Román , Martin Lexell

Also available as: Hardcover , Others , Mass Market Paperback

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like La chica que soñaba con una cerilla y un bidón de gasolina ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Lisbeth Salander se ha tomado un tiempo: necesita apartarse del foco de atención y salir de Estocolmo.
Trata de seguir una férrea disciplina y no contestar las llamadas ni los mensajes de Mikael, que no entiende por qué ha desaparecido de su vida sin dar ningún tipo de explicación. Lisbeth se cura las heridas de amor en soledad, aunque intente distraer el desencanto mediante el estudio de las matemáticas y con ciertos placeres en una playa del Caribe.
¿Y Mikael? El gran héroe vive buenos momentos en Millenium, con las finanzas de la revista saneadas y el reconocimiento profesional por parte de los colegas. Ahora tiene entre manos un reportaje apasionante sobre el tráfico y la prostitución de mujeres procedentes del Este que le ha propuesto Dag Svensson, periodista de investigación, y su mujer, la criminóloga e investigadora de género Mia Bergman.Las vidas de los dos protagonistas parecen haberse separado por completo, pero entretanto... una muchacha, atada a una cama, soporta un día tras otro las horribles visitas de un ser despreciable y, sin decir palabra, sueña con un fósforo y un bidón de nafta, con la forma de provocar el fuego que acabe con todo.
Sorting by
  • 5

    null

    Più di cinquecento pagine divorate in due giorni. In genere non amo i seguiti ma l'ho trovato persino superiore al primo. All'inizio è lento e pensi che valga poco. Poi all'improvviso succede qualco ...continue

    Più di cinquecento pagine divorate in due giorni. In genere non amo i seguiti ma l'ho trovato persino superiore al primo. All'inizio è lento e pensi che valga poco. Poi all'improvviso succede qualcosa di inaspettato. Si, ok, visto il genere dovevo immaginarlo, ma per me è stato un vero colpo di scena che ha cominciato a far galoppare il ritmo e contemporaneamente cervello e fantasia. Personaggi molto particolari ma assolutamente indimenticabili. Si parla di violenza e di sesso ma in modo accettabile, senza eccessi o volgarità (ebbene sì, queste ultime mi danno particolarmente fastidio nei libri pur non essendo totalmente scevra da imprecazioni nella mia vita). Inizierò presto il terzo e ultimo volume della trilogia.

    said on 

  • 4

    Un po' meno avvincente del primo, il complesso e articolato caso della famiglia di industriali del primo libro qua si riduce a una semplice caccia al colpevole di un omicidio. Forse un po' troppo lung ...continue

    Un po' meno avvincente del primo, il complesso e articolato caso della famiglia di industriali del primo libro qua si riduce a una semplice caccia al colpevole di un omicidio. Forse un po' troppo lungo e con un finale un po' surreale...

    said on 

  • 5

    這次莎蘭德陷入了謀殺疑雲,意外的發現原來這個怪女孩也是有很多朋友的,平時都在潛水,莎蘭德有難時,就一個個的冒出來,太夠意思了! 同時也解開了莎蘭德的身世之謎,這個怪女孩從小就超猛的啊! 只是最後的樹林一役也太誇張了!

    said on 

  • 3

    Resurrection day

    La trama è semplice: Dag Svensonn, un giornalista che sta lavorando ad un'inchiesta sul traffico di prostitute dell'Est, offre la sua collaborazione alla redazione di MILLENNIUM , ma questo a qualcuno ...continue

    La trama è semplice: Dag Svensonn, un giornalista che sta lavorando ad un'inchiesta sul traffico di prostitute dell'Est, offre la sua collaborazione alla redazione di MILLENNIUM , ma questo a qualcuno non sta bene ed improvvisamente ecco che ci ritroviamo con tre cadaveri ed una probabile assassina, Lisbeth Salander.
    A questo punto i personaggi si dividono in 2 schieramenti: quelli che non credono alla colpevolezza della ragazza e quelli che cercano in ogni modo di inchiodarla. Parte la caccia dei buoni e dei cattivi, ma Lisbeth " fa parte a se stessa" e come un terminator, con cocciuta determinazione, persegue il suo obiettivo: finire il lavoro che aveva iniziato 12 anni prima. Uccidere suo padre.
    E' impossibile per una lettrice non prendere le parti di Lisbeth : " la donna che odia gli uomini che odiano le donne". Paladina del sesso femminile, un po' violenta forse, poco femminile ( del resto con i suoi trascorsi!!), talvolta inquietante, ma sincera, intelligente e con una sua morale ineccepibile . E' lei la vera protagonista di questo secondo capitolo della Trilogia di Millennium che, a conti fatti , ho preferito al primo, nonostante il finale mi sia sembrato un po' "troncato" . Motivi commerciali?

    said on 

  • 2

    una schifezza

    una cagata incredibile 2! dopo la prima ci ha scodellato la seconda, sto aspettando di trovare il coraggio di leggere la terza. Si perchè nonostante i libri siano brutti e scritti male e inutilmente p ...continue

    una cagata incredibile 2! dopo la prima ci ha scodellato la seconda, sto aspettando di trovare il coraggio di leggere la terza. Si perchè nonostante i libri siano brutti e scritti male e inutilmente pruriginosi (li hanno scritti in mediaset con l'ausilio di Vespa?), devo riconoscere che sono abbastanza avvincenti da farmi voler sapere come finiscono

    said on 

  • 4

    il secondo Millennum è meno bello del primo, diciamolo subito. Ma si tratta ugualmente di un romanzo sopra la media. Larsson con freddezza, calma, senza buttar via una sillaba, esplode a macchia d'oli ...continue

    il secondo Millennum è meno bello del primo, diciamolo subito. Ma si tratta ugualmente di un romanzo sopra la media. Larsson con freddezza, calma, senza buttar via una sillaba, esplode a macchia d'olio una storia piena di ramificazioni, a volte esagerando con facili innesti, ma evidenzia la sua immensa capacità di costruzione. La Ragazza che Giocava con il Fuoco è questo, una grande costruzione, dall'architettura imprevedibile, che curva dopo corridoio, con un tracciato misto, ci porta in luoghi che non pensavamo mai di visitare. A differenza di Uomini che Odiano le Donne, qui il ritmo è sincopato con accelerazioni e rallentamenti, con un supervillan che ricorda molto da vicino Keyser Söze. Lisbeth Salander rimane una delle creature meglio riuscite della lettaratura poliziesca contemporanea. Un'ombra scura esplora con i suoi tentacoli la tranquilla Svezia.

    said on 

  • 3

    Nel complesso è stata una lettura piacevole e accattivante. Abbastanza buona la trama anche se per certi versi mi è parsa un po' troppo forzata e fantasiosa. Peccato che la saga finisca qui, ormai mi ...continue

    Nel complesso è stata una lettura piacevole e accattivante. Abbastanza buona la trama anche se per certi versi mi è parsa un po' troppo forzata e fantasiosa. Peccato che la saga finisca qui, ormai mi ero affezionata a ogni singolo personaggio ricorrente.
    Il quarto libro lo considero un "plagio", è stato scritto da un altro autore assoldato dagli eredi di Larsson, quindi non fa per me.

    said on 

  • 5

    Recensione in inglese e in italiano!
    I love Stieg Larsson and I love " The Girl With the Dragon Tattoo , The Girl Who Played With Fire and The Girl Who Kicked the Hornets' Nest".
    I devoured this trilo ...continue

    Recensione in inglese e in italiano!
    I love Stieg Larsson and I love " The Girl With the Dragon Tattoo , The Girl Who Played With Fire and The Girl Who Kicked the Hornets' Nest".
    I devoured this trilogy in a week! Now I want to see the movies. I've watched the first.
    I loved the fact that there is a lot of stories that weave together but the author didn't leave anything to chance.

    Lisbeth Salander
    It is impossible not to love her. She is strong, smart but also weak and a in need of love.

    Mikael Blomkvist
    I loved also this protagonist. He is combative and he is a protector of the good journalism but he is a womanizer and a playboy.

    --- In italiano---
    Amo Stieg Larsson e amo la trilogia di Millennium! L'ho divorata in nemmeno una settimana. Ora voglio vedere i film -il primo l'ho già visto!
    L'autore ha intrecciato più storie, sviluppandole tutte e non lasciando niente al caso. E questo è ciò che mi è piaciuto di più! Anche i due protagonisti -Lisbeth Salander e Mikael Blomkvist- mi sono piaciuti molto.
    Lei perché è forte, furba, stronza, ma al tempo stesso debole e bisognosa di affetto. Lui perché è combattivo e crede nel buon giornalismo. E' un playboy e questo "difetto" non mi è piaciuto molto, perché mi aspettavo un finale diverso che non dico per evitare spoiler!
    Questa trilogia è consigliata a tutti gli amanti del thriller, del crime e del poliziesco!

    said on 

Sorting by
Sorting by