Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La chimera di Praga

Di

Editore: Fazi

4.2
(520)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 432 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Portoghese , Francese

Isbn-10: 886411601X | Isbn-13: 9788864116013 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Donatella Rizzato

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Romance , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace La chimera di Praga?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    4 e mezzo

    Karou, ragazza umana tra chimere e serafini...

    Nonostante non sia immediato entrare nella mente della Taylor, con i suoi bizzarri personaggi, devo dire che questo YA mi è piaciuto tantissimo. Un intr ...continua

    Karou, ragazza umana tra chimere e serafini...

    Nonostante non sia immediato entrare nella mente della Taylor, con i suoi bizzarri personaggi, devo dire che questo YA mi è piaciuto tantissimo. Un intreccio decisamente poco banale, con anche qualche "colpo di scena". Ottimi e splendidi personaggi, a partire dalla protagonista.
    La curiosità avrà sicuramente la meglio e continuerò la saga di sicuro...

    ha scritto il 

  • 4

    La tua anima canta alla mia.

    Sono partita davvero troppo prevenuta, perché ormai credo di essere in ritardo di almeno cinque anni per libri del genere.. E invece mi ha colpito e FINALMENTE abbiamo qua ...continua

    La tua anima canta alla mia.

    Sono partita davvero troppo prevenuta, perché ormai credo di essere in ritardo di almeno cinque anni per libri del genere.. E invece mi ha colpito e FINALMENTE abbiamo qualcosa di diverso nell'infinito mare di Young adult tutti tristemente uguali (e tristemente brutti allo stesso modo, ovviamente).
    Mi ha affascinato il modo in cui la Taylor ha deciso di presentare la lotta tra chimere e angeli e come bene e male non siano due realtà perfettamente separate e distinte.. Ho trovato la storia molto originale e mi è presa voglia di leggere altri libri sull'argomento! Fino a che gli angeli sono stati presentati come crudeli e quasi senz'anima, ero lì a fare il tifo "Go Laini, GO!".
    Nella parte centrale secondo me l'autrice ha svaccato di brutto e probabilmente se non si fossero verificate una serie di congiunzioni astrali alla Hercules, quando i pianeti si allineano e Ade libera i titani, lo avrei abbandonato: Sì perché dopo che Karou e Akiva sono stati presentati come personaggi cazzutissimi con il minimo sindacale di sale in zucca per non essere considerati idioti totali, SBOCCIA L'AMMMORE E I DUE SI RINCOGLIONISCONO TOTALMENTE.
    No ragazzi, che noia. Non ce la posso fa'! Mamma quanto mi prudevano le mani dalla voglia di scrollarli entrambi e urlargli: "Ripigliatiiii!!!".
    Mi ha poi messo MOLTO a disagio il fatto che Akiva mostri tratti decisamente umani: io NON VOGLIO un angelo (un angelo per la miseria! Una creatura divina!) che abbia necessità di farsi la barba e "usare il bagno". Proprio no.
    Superata questa terribile esperienza, l'ultima parte è probabilmente la mia preferita e quella più riuscita.. Sono rimasta incantata e ho deciso di personare l'autrice per lo scivolone precedente (dove per me non avrebbe preso più di tre stelline stiracchiate).. La storia ha finalmente senso - anche se lo scaltro lettore riesce a farsene un'idea già moooolto prima, ma vabbé - e Karou ha acquistato ai miei occhi una maggiore rispettabilità.
    Lo stile della Taylor secondo me non è niente di che: si fa leggere, a volte è simpatica.. Ma non ha ben chiaro cosa voglia dire essere narratore onnisciente presente nella storia e narratore estraneo; a volte entra a gamba tesa nella storia con un suo intervento e.. No. Dai, scegli un modo di andare avanti e prosegui tesoro, niente improvvisate!

    Nonostante il finale MOLTO aperto, non sento la necessità di leggere il secondo volume.. Per me stiamo bene così, diciamo :D

    NOTA AL TITOLO ITALIANO No, ma mettiamolo un titolo cretino che ti fa spoiler a non finire sulla storia. Bravissimi.

    Un tempo, prima delle chimere e dei serafini, c'erano un sole e due lune. Il sole venne promesso a Nitid, la sorella splendente, ma fu la ritrosa Ellai, sempre nascosta dietro la coraggiosa sorella, che stuzzicò la sua lussuria. Il sole escogitò il modo di sorprenderla mentre faceva il bagno in mare, e la prese. Lei lottò, ma lui era il sole e pensava di poter avere quello che voleva.
    Ellai lo pugnalò e fuggì, e il sangue del sole colò in scintille sulla terra, dove si trasformò nei serafini, figli illegittimi del fuoco.
    E come il padre, anche i serafini credevano nel loro diritto di volere, prendere e avere. Per quanto riguarda Ellai, raccontò a sua sorella ciò che le era successo, e Nitid piante, le sue lacrime caddero sulla terra e divennero chimere, figlie del rimpianto.
    Quanto il sole tornò dalle sorelle, nessuna delle due lo volle. Nitid mise Ellai dietro di sé e la protesse, anche se il sole, che ancora sanguinava scintille, sapeva che Ellai non era così indifesa come sembrava.
    Supplicò Nitid di perdonarlo, ma lei rifiutò e, da quel giorno, il sole segue le sorelle attraverso il cielo, desiderando con forza senza poter avere mai, e quella sarà la sua punizione, per sempre.

    ha scritto il 

  • 4

    "It is a condition of monsters that they do not perceive themselves as such."

    And with a respectable 4.5 out of 5 stars, Daughter of Smoke & Bone wins my heart and pushes me irresistibly towards its sequel. An order to which I'm very willing to obey.
    But before I must at least ...continua

    And with a respectable 4.5 out of 5 stars, Daughter of Smoke & Bone wins my heart and pushes me irresistibly towards its sequel. An order to which I'm very willing to obey.
    But before I must at least say one thing: this book contains a romance that didn't make me want to roll my eyes. Or vomit. Or both. Not even once. That's astonishing. Just for this achievement, it deserves a praise.
    Go, Laini Taylor!
    And that ending was heartbreaking. So right now I've got no time to waste writing, because I said I was going to say just one thing and I already said two instead, and I almost physically need to have the rest of the story, and the delirium you glimpse from my word is the exact reflection of what I have inside me in these moments just-after-reading and I'm dying for these two poor creatures and I must know how they will end and bye. I go to read.

    ha scritto il 

  • 4

    Praga. KAROU è una ragazza che studia arte ed è veramente portata per questa materia. Ha i capelli blu ed è coperta di tatuaggi, in particolare sui palmi delle mani ha due hamsa, due occhi.
    Non ha mol ...continua

    Praga. KAROU è una ragazza che studia arte ed è veramente portata per questa materia. Ha i capelli blu ed è coperta di tatuaggi, in particolare sui palmi delle mani ha due hamsa, due occhi.
    Non ha molti amici, ZUZANA è la sua migliore, ed unica, amica. Con il suo bel caratterino è senz'altro un'amica che in molti vorrebbero avere, sincera e schietta.
    Fino a qui la vita di Karou non sembra avere altro di speciale. Si è appena lasciata col suo fidanzato che continua a seguirla nella speranza di riconquistarla, ma Karou non intende ricadere tra le sue braccia che, spesso, accolgono fin troppe ragazze. [...]

    Recensione completa: http://www.bluestarsland.altervista.org/Letture_ChimeraPraga.htm

    ha scritto il 

  • 3

    Tanto tempo fa un angelo e un diavolo si innamorarono...non finì bene

    In un mondo dilaniato dalla centenaria guerra che vede coinvolti serafini e chimere, due amanti appartenenti alle due parti si ritrovano a sognare un mondo ideale e utopico in cui regna la pace. Ma do ...continua

    In un mondo dilaniato dalla centenaria guerra che vede coinvolti serafini e chimere, due amanti appartenenti alle due parti si ritrovano a sognare un mondo ideale e utopico in cui regna la pace. Ma dovranno fare i conti con la dura realtà. A parte Akiva e Karou che mi sono sembrati dei Romeo e Giulietta letteralmente da favola, ho trovato affascinante Sulphurus, il mercante di desideri dall'aspetto così grottesco e dall'animo così nobile. La scrittura della Taylor è molto scorrevole e riesce a far sentire il lettore come se stesse vagando lui stesso per le misteriose strade di Praga o volando su Altrove. In una parola libro magico.

    ha scritto il 

  • 1

    2/10

    La prima parte è meglio di quanto temevo: certo, abbiamo una delle Mary Sue più pese di tutti i tempi - capelli blu *naturali*, supertatuata, bella come un'indossatrice, talento artistico ai limiti de ...continua

    La prima parte è meglio di quanto temevo: certo, abbiamo una delle Mary Sue più pese di tutti i tempi - capelli blu *naturali*, supertatuata, bella come un'indossatrice, talento artistico ai limiti dell'oltraggioso, kung fu mad skillz, madrelingua in sedici (16!) lingue differenti e amata da tutti -, ma per essere quello che è sorprendentemente piacevole rispetto alla media, mostrando delle debolezze e delle reazioni umane con cui è facile empatizzare; inoltre, il suo rapporto con il demone Sulphurus e la storia del traffico di desideri tramite denti è originale e intrigante.
    Tuttavia, quel poco di buono che c'è in questo romanzo viene completamente annichilito dall'ingresso in scena del Mister Perfezione di turno, Akiva (... ). Da quel preciso istante in poi, la storia precipita in una spirale di demenza che ha pochi eguali: dall'amore a prima vista allo stalking à la Edward Cullen, al pretendente kattivo, fino ad arrivare addirittura alla sbobba degli amanti reincarnati e destinati ad amarsi 5evar, la Taylor non ci risparmia nessuno di quei colpi bassi che ammazzerebbero anche la storia d'amore più solida del millennio, figuriamoci questa scoreggia di brutta copia di Twilight. Dal momento in cui Akiva entra in scena, "La chimera di Praga" diventa più illeggibile e patetica di una fanfiction scritta da una tredicenne strafatta di One Direction, e certamente ha la stessa dignità nel suo pompare all'inverosimile la "tragicità" una storia d'amore che è nella top three delle mie NOTP per quanto Sue sono i due personaggi coinvolti.
    Per chi fosse interessato ad avere maggiori dettagli, una recensione esaustiva qui: https://www.goodreads.com/review/show/372913656?book_show_action=false

    ha scritto il 

  • 3

    First things first:this book is certainly written better than half of the YA out there, its author possesses a florid and creative vocabulary, so why does she feel it necessary to express meaningful s ...continua

    First things first:this book is certainly written better than half of the YA out there, its author possesses a florid and creative vocabulary, so why does she feel it necessary to express meaningful states of mind with adjectives turned into nouns like a five year old? All this abundance of "emptiness","wrongness","allness",missingness"(!)is heavy and really irritating.
    Besides Laini Taylor actually grovels in sappy romanticism, nauseating the reader with tons and tons of souls torn apart,shattered hopes,love so strong it hurts and every other possible expression of soul-searing feelings conceivable by someone fond of pseudo-poetic drama. All mixed with an abuse of flashbacks that go completely out of toward the end of the book, that keep the reader jumping onward and backward in time, all for the sake of drama.
    it is a pity because the first half of the story is really enthralling: not only it is ha the advantage of an original setting (Prague, ever so fascinating, and Marrakesh)but it also outlines a captivating mystery, that of a girl raised by monster and used as courier for illegal and somewhat gruesome traffic.
    Then the Angel Akiva (unbearably beautiful, of course) enter the scene and everything is spoiled: the captivating mystery is forgotten for the benefit of the well-known story of the two star crossed lovers, which occupies the second half of the novel.
    The love story between Karou and Akiva is all you have already seen from Romeo and Juliet onwards, with the backdrop that this isn't Shakespeare. Their love is not interesting because there isn't any kind of conflict, they are meant to be and so they are inexplicably drown to each other from the beginning and this is it. The conflict, of course, is between them and the outside world who wants them apart but, at least in this first chapter of the trilogy is not enough to save the reader from the boredom of this endless stream of heartfelt, passionate glances that speak volumes.

    ha scritto il 

Ordina per