Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La cifra

By Jorge Luis Borges

(74)

| Others | 9788804308201

Like La cifra ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    "Che cosa è la longevità?
    È l’orrore di essere in un corpo umano le cui facoltà declinano, è una insonnia che si misura in decenni e non con lancette di acciaio, è il peso di mari e di piramidi, di antiche biblioteche e dinastie, delle aurore che vid ...(continue)

    "Che cosa è la longevità?
    È l’orrore di essere in un corpo umano le cui facoltà declinano, è una insonnia che si misura in decenni e non con lancette di acciaio, è il peso di mari e di piramidi, di antiche biblioteche e dinastie, delle aurore che vide Adamo, è non ignorare che sono condannato alla mia carne, alla mia detestata voce, al mio nome, a una ripetizione di ricordi, […] al volermi affondare nella morte e non potermi affondare nella morte, a esistere e a continuare ad esistere."
    (Due forme dell'insonnia, p. 39)

    Is this helpful?

    NULLA_DIES_SINE_LINEA said on Feb 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non c'è nulla di antico sotto il sole

    Infinito e meraviglioso. Riletture necessarie. Che di nuovo mi riportano a Ghirri.

    Is this helpful?

    Tsubaki said on Jun 1, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La vasta notte
    non è ora altra cosa
    che un profumo.

    La vecchia mano
    ancora scrive versi
    per l'oblio.

    IL COMPLICE

    Mi crocifiggono e io devo essere la croce e i chiodi.
    Mi tendono il calice e io devo essere la cicuta.
    M
    ...(continue)

    La vasta notte
    non è ora altra cosa
    che un profumo.

    La vecchia mano
    ancora scrive versi
    per l'oblio.

    IL COMPLICE

    Mi crocifiggono e io devo essere la croce e i chiodi.
    Mi tendono il calice e io devo essere la cicuta.
    Mi ingannano e io devo essere la menzogna.
    Mi bruciano e io devo essere l'inferno.
    Devo lodare e ringraziare ogni istante del tempo.
    Il mio nutrimento sono tutte le cose.
    Il peso preciso dell'universo, l'umiliazione, il giubilo.
    Devo giustificare ciò che mi ferisce.
    Non importa la mia fortuna o la mia sventura.
    Sono il poeta.

    Is this helpful?

    Hyperion said on Jul 24, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Forse la raccolta più bella di Borges.
    "La data che cercavamo, i primi gelsomini di novembre.....Sono milioni le divinità dello shinto che ci toccano,
    ci toccano e ci lasciano".
    Una delle liriche più belle assieme agli haiku finali

    Is this helpful?

    Dragoval said on Feb 17, 2010 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'universo mentale di Borges e la sua erudizione raccontati in poesia. Il lirismo é trasfigurato attraverso illusioni filosofiche e letterarie.

    Is this helpful?

    Ariano Geta said on Feb 11, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    "So che i soli paradisi non vietati all'uomo sono i paradisi perduti."

    Il mio primo incontro con Borges e son in difficoltà pazzesca a scrivere questa recensione: perché il lavoro è così elegante, raffinato fin'all'azzardo. E io non ho il coraggio di scriver alcunché. Son poesie da leggere, rileggere, meditarle, farsi c ...(continue)

    Il mio primo incontro con Borges e son in difficoltà pazzesca a scrivere questa recensione: perché il lavoro è così elegante, raffinato fin'all'azzardo. E io non ho il coraggio di scriver alcunché. Son poesie da leggere, rileggere, meditarle, farsi contaminare. E poi... poi solo il mistero.

    Is this helpful?

    Giulio Gasperini said on Jan 3, 2010 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book