Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La città della luce

Cosmo Argento 199

By Nancy Kress

(44)

| Paperback | 9788842902010

Like La città della luce ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nota:
il codice ISBN è stato assegnato a posteriori dalla casa editrice, a partire da giugno 1993, e si riferisce alla prima edizione e a tutte le successive ristampe.

2 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Un buon romanzo, anche se non eccessivamente inventivo.

    Questo romanzo di fantascienza offre una buona esperienza di lettura, pur non brillando in originalità.
    Gli elementi costituivi infatti sono già tutti abbastanza noti agli appassionati del genere: un pianeta su cui è naufragata un'astronave terrestr ...(continue)

    Questo romanzo di fantascienza offre una buona esperienza di lettura, pur non brillando in originalità.
    Gli elementi costituivi infatti sono già tutti abbastanza noti agli appassionati del genere: un pianeta su cui è naufragata un'astronave terrestre, i discendenti dei naufraghi che hanno perso memoria delle loro radici e in gran parte anche della tecnologia avanzata, tornando a una società preindustriale, due grandi stati totalitari costantemente in guerra fra loro...

    L'elemento in più, rispetto al solito, consiste qui nella presenza d'una razza aliena in guerra (non molto brillantemente) con la razza umana.
    Gli alieni scoprono il pianeta e decidono di usarlo come terreno d'un esperimento per cercare di comprendere l'assurda logica della razza umana. Una razza che per la sua aggressività e violenza avrebbe dovuto essersi autodistrutta da molto tempo, com'era già avvenuto ad altre simili razze prima di lei.

    ==============

    La vicenda ruota attorno a una protagonista, Ayrys, cacciata da una delle due città-stato, Delys, per il suo atteggiamento "eretico" nei confronti delle tradizioni e dei tabù del sapere ufficiale.
    Quando gli alieni costruiscono una grande città in mezzo alla natura selvaggia, R'Frow, scegliendo un certo numero di esseri umani da rinchiudere per la durata dell'anno dell'esperimento, Ayrys sarà fra i prescelti.

    A tutti i partecipanti, in cambio della partecipazione, viene offerto il sapere, che include l'uso e la conoscenza di nuove armi.
    La quasi totalità degli umani, di entrambe le città, è interessata esclusivamente alle armi: solo un gruppetto molto esiguo risulta affascinato dalle cognizioni scientifiche che gli alieni dispensano a chiunque sia interessato ad ascoltarli. Ayrys è fra loro.

    ==============

    La vicenda è complicata dagli elementi sentimentali. Se Delys è una banalissima società di casta, patriarcale, governata da un'aristocrazia di guerrieri (eterosessuali), la sua rivale, Jela, s'è evoluta su basi blandamente matriarcali, con una casta di donne-guerriere ben separate dal resto della popolazione. (Le due società somigliano molto, e intenzionalmente, ad Atene e Sparta nel periodo classico).
    Per evitare che le gravidanze intralcino la loro bellicosità, alle donne guerriere di Jela è fatto assoluto divieto d'avere qualsiasi rapporto eterosessuale: la loro sessualità è pertanto interamente lesbica. Tale è anche la relazione fra due dei personaggi principali, Jehane e Talot, che ha un ruolo importante nello svolgimento della trama.

    L'aspetto curioso di quest'idea (che non è nuova: le guerriere lesbiche sono ormai quasi un luogo comune della fantascienza e della fantasy degli ultimi trent'anni) è che agli uomini non viene chiesto un simile sacrificio, ed a loro è consentita la frequentazione di prostitute (in genere prigioniere nemiche o loro figlie).
    Alle caste basse di Jela sono poi consentite le relazioni eterosessuali, mentre le donne-guerriere si fanno ingravidare solo quando l'età le ha rese meno efficienti come combattenti, e solo per propagare la casta, dato che i loro rapporti affettivi rimangono centrati sulle partner dello stesso sesso.

    Confesso che come gay trovo altamente bizzarra questa costruzione: le tendenze sessuali umane non sono affatto tanto plastiche da poter essere piegate a capriccio in questo modo... e forse un po' l'autrice lo capisce, visto che attribuisce a Talot la "colpa" di avere avuto una relazione con - urgh! - un maschio.

    ==============

    La parte più originale della narrazione è, purtroppo, anche la meno condivisibile, ossia la riflessione sul ruolo della violenza per la razza umana, che sfocia nella conclusione secondo cui la violenza costituisce per la razza umana certamente un pericolo, ma anche uno stimolo impareggiabile e insostituibile per il progresso e l'evoluzione...

    Questo è il concetto che gli alieni faticano a capire, dato che per la loro razza la violenza è un'azione pianificata razionalmente, per esempio quando sia necessario contendere lo spazio vitale a un'altra razza (come è successo nel caso dello scontro con la razza umana).
    La violenza senza scopo degli umani, capace di scavalcare alleanze ed appartenenze di gruppo, è prima di tutto in-concepibile, per loro.
    Gli alieni sono infatti una razza empatica e quasi simbiotica. Per loro la violenza contro i simili è addirittura biologicamente impossibile, provocando uno stato fisico di shock.

    Con questi tratti, a momenti gli alieni appaiono razionali, nobili e saggi, altre volte invece subdoli, manipolatori, spietati... e soprattutto incapaci di considerare gli umani come altro che pericolosi animali dalla cui presenza è necessario disinfestare l'universo.
    Il bilancio finale tenderà a far prevalere il secondo aspetto della loro natura. Ma a tutto danno degli alieni stessi.

    ==============

    La conclusione è purtroppo affrettata e a tratti ben poco credibile.
    In un sorta di Ragnarok in cui la violenza esplode in tutta R'Frow, mescolando i conflitti tra le due città a quelli dei cittadini comuni, che si ribellano violentemente ai loro tiranni, gli alieni decidono di partire in tutta fretta, avendo infine capito quale sia il vantaggio competitivo degli esseri umani.
    Vorrebbero portare con sé, come involontari consulenti militari, alcuni umani che sono stati "plagiati" dal sapere che essi hanno concesso, ma Ayrys frustrerà il loro tentativo comprendendo genialmente che (a) esistono altri mondi (b) sono abitati da umani (c) essi sono in guerra con gli alieni i quali (d) stanno ingannando i loro studenti. E tutto questo per pura intuizione. Direi che qui mi casca proprio l'asino...

    ==============

    A parte questo limite, direi che l'autrice sa fare il suo mestiere, ed utilizza gli ingredienti non particolarmente nuovi in modo non particolarmente creativo, tuttavia mai al di sotto di un livello di scrittura dignitoso, professionale, efficace.

    Magari fra un anno ripensando a questo volume lo si confonderà nella memoria con un'opera di Joanna Russ http://www.anobii.com/search?s=1&keyword=joanna+russ o di Elisabeth Lynn, ma nel corso della lettura il libro il suo compito lo svolge: intrattiene, diverte, cattura il lettore.
    E tanto basta, credo.

    Is this helpful?

    Giovanni Dall'Orto said on Mar 2, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Degli alieni effettuano un esperimento con le razze umane Jela e Delysia. Questi due popoli violenti si combattono, ma dovranno trovare un accordo se vorranno sopravvivere al nemico comune.
    Ottimo romanzo, bella l'idea dell'esperimento circoscritto, ...(continue)

    Degli alieni effettuano un esperimento con le razze umane Jela e Delysia. Questi due popoli violenti si combattono, ma dovranno trovare un accordo se vorranno sopravvivere al nemico comune.
    Ottimo romanzo, bella l'idea dell'esperimento circoscritto, credibili le due razze e i protagonisti che si sottopongono alla prova, forse un po' meno gli alieni.

    Is this helpful?

    Emanuele said on Apr 11, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (44)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 404 Pages
  • ISBN-10: 8842902012
  • ISBN-13: 9788842902010
  • Publisher: Nord (Cosmo. Collana di fantascienza)
  • Publish date: 1989-05-01
  • In other languages: other languages English Books
Improve_data of this book