La città postmoderna

Magie e paure della metropoli contemporanea

Di

Editore: Laterza

3.9
(34)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 272 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8842071536 | Isbn-13: 9788842071532 | Data di pubblicazione: 

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Filosofia , Scienze Sociali

Ti piace La città postmoderna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Una città nuova sta nascendo negli spazi della città moderna tradizionale. A dare forma e vita alle metropoli della postmodernità sono i sogni, le paure, i desideri e le mode che si intrecciano alle esigenze della competizione sul mercato globale, ai problemi della multietnicità e alle strategie di marketing urbano e di riconversione produttiva. Questo nuovo tipo di città si è fatto strada in tutto il mondo. Un filo forte lega tra loro le diverse realtà urbane e passa per le forme architettoniche, per le modalità di funzionamento, per le nuove economie, per il rapporto che intercorre tra lo spazio urbano e i suoi abitanti. Con la crisi dello Stato-nazione e con quella teorica dello stesso concetto di società, la città assume una centralità assoluta.
Ordina per
  • 4

    Esaustivo, interessante ma... quante ripetizioni!

    L'argomento è interessante e, benché ricorra spesso ad esempi europei o extraeuropei, che presentano città ben più postmoderne delle nostre, non manca mai di fare paragoni e riferimenti alla realtà it ...continua

    L'argomento è interessante e, benché ricorra spesso ad esempi europei o extraeuropei, che presentano città ben più postmoderne delle nostre, non manca mai di fare paragoni e riferimenti alla realtà italiana. In questo modo spunti che potrebbero apparire molto rarefatti, a maggior ragione ad una persona che non ha mai viaggiato al di fuori dell'Italia, acquisiscono una dimensione molto più tangibile e netta.</p><p>L'unica pecca è che, forse per facilitare la comprensione dei dovuti rimandi, alcuni concetti si ripetono all'infinito e appesantiscono un po' la lettura.

    ha scritto il