Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La città sepolta

Di

Editore: Nord (Narrativa Nord; 329)

3.6
(516)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 528 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Sloveno , Olandese , Portoghese

Isbn-10: 8842914975 | Isbn-13: 9788842914976 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Marco Zonetti

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La città sepolta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Londra. L’esplosione che ha distrutto l’Ala Kensington del British Museum sembra non avere mandanti. Le organizzazioni terroristiche mondiali appaiono sconcertate al pari delle autorità governative. Perché colpire un grandioso monumento culturale in una città così importante e poi non rivendicare l’attentato? Ma si tratta veramente di un attentato?
Deserto Arabico. Per generazioni, la famiglia di Lady Kara Kensington si è dedicata ad arricchire di preziosi manufatti arabi l’ala del British Museum che porta il suo nome. Adesso però Kara ha un nuovo obiettivo: scoprire chi ha ridotto in polvere il sogno dei suoi antenati e il suo sogno di archeologa. E le tracce puntano tutte verso Ubar, la leggendaria città della regina di Saba. Però Ubar non esiste, perché, come ancora raccontano i beduini, è stata spazzata via da una tempesta di sabbia…
Washington. Painter Crowe, agente segreto della Sigma, accetta l’incarico di scoprire chi ha provocato la terribile esplosione di Londra. Sebbene armato di strumenti tecnologici all’avanguardia, Painter si rende subito conto che ci vorrà ben altro per arrivare alla radice del mistero. Perché esso è legato al deserto e alla regione del Rub al-Khali, dove, forse, è rinata Ubar, l’Atlantide della Sabbia...
Ordina per
  • 4

    Una bella storia d'azione, ben raccontata, che si legge come si vede un film. Questo detto, non mi ha comunicato nessuna emozione. Il modo di scrivere è molto maschile e, a mio parere, freddo. La sua passione per il definire ogni oggetto con la marca e il modello è solo un piccolo fastidio. In ca ...continua

    Una bella storia d'azione, ben raccontata, che si legge come si vede un film. Questo detto, non mi ha comunicato nessuna emozione. Il modo di scrivere è molto maschile e, a mio parere, freddo. La sua passione per il definire ogni oggetto con la marca e il modello è solo un piccolo fastidio. In cambio racconta avventure basate sulla realtà, perciò stimola gli approfondimenti, e anche questo non è poco.

    ha scritto il 

  • 3

    Avvincente e veloce da leggere, con una trama classica alimentata da numerosi colpi di scena. Forse un numero esagerato di personaggi principali, ma tutti con un buono spessore psicologico. Anche la varietà dei temi è molto ampia, si va dall'avventura archeologica passando per l'azione militare ...continua

    Avvincente e veloce da leggere, con una trama classica alimentata da numerosi colpi di scena. Forse un numero esagerato di personaggi principali, ma tutti con un buono spessore psicologico. Anche la varietà dei temi è molto ampia, si va dall'avventura archeologica passando per l'azione militare e spionistica arrivando anche parti fantastiche o fantascientifiche. Non un solo genere quindi, ma una strizzatina d'occhio per un pubblico eterogeneo a cui piace evadere con la lettura. Questa non è mi faticosa, tende spesso a rilassarti ed i rompicapo risultano piacevoli sebbene non troppo sostenuti. Facile calarsi all'interno delle varie location descritte durante lo sfoglio delle pagine, forse eccessive per poter arrivare indenni al risultato finale. Alcune sezioni del libro risultano prolisse o ripetitive, ma nel complesso possiamo dire di non fare nessuna fatica per portare la lettura alla fine. Rollins però sa il fatto suo e pur mancando di originalità riesce a rendere la storia appetibile e nuova proprio grazie al mix di più generi e più personaggi. Sai già cosa aspettarti, ma lo fai con gioia.

    ha scritto il 

  • 4

    Lettura veloce, divertente, piacevole

    Se leggi un libro di Rollins non ti aspetti certamente di trovarci elucubrazioni sulla caducità della vita. E infatti non ce le trovi. Però puoi passare qualche ora di totale evasione con tutti gli elementi tipici di un fumetto di Martin Mystere, ma ovviamente sviluppati in modo più adulto e con ...continua

    Se leggi un libro di Rollins non ti aspetti certamente di trovarci elucubrazioni sulla caducità della vita. E infatti non ce le trovi. Però puoi passare qualche ora di totale evasione con tutti gli elementi tipici di un fumetto di Martin Mystere, ma ovviamente sviluppati in modo più adulto e con i crismi di un romanzo di scienza e avventura del ventunesimo secolo: c'è la città sepolta (appunto), l'archeologia, l'antica civiltà con i suoi misteri, il meteorite e l'antimateria, servizi segreti deviati e chimica molecolare. Il tutto shakerato con un bel po' di azione e una trama non scontata. Per gli amanti del genere e per una lettura veloce, leggera e divertente.

    ha scritto il 

  • 3

    troppo lungo

    Primo libro della serie della Sigma Force con protagonista Painter Crowe. Io adoro James Rollins per la bravura indubbia nel creare avventure che sembra di vivere in prima persona e nelle quali lui riesce a calarti anche se sei seduto sulla poltrona di casa, però figlio mio, questo libro di 600 p ...continua

    Primo libro della serie della Sigma Force con protagonista Painter Crowe. Io adoro James Rollins per la bravura indubbia nel creare avventure che sembra di vivere in prima persona e nelle quali lui riesce a calarti anche se sei seduto sulla poltrona di casa, però figlio mio, questo libro di 600 pagine ho fatto fatica a finirlo. Veramente troppo prolisso, soprattutto quando i protagonisti si trovano nel deserto. Io avrei tagliato via almeno 150 pagine, allora sì che sarebbe stato un gioiellino. Menzione di merito per la resa psicologica dei personaggi principali, tanto di cappello.

    ha scritto il 

  • 2

    ho iniziato a leggere questo libro con entusiasmo sperando di leggere una bella storia di avventura ma non sono neanche arrivata a leggere 200 pagine, mi sono arenata prima! Noioso che più di così non si può!

    ha scritto il 

  • 5

    Davvero questo libro non mi ha deluso; scorrendo le pagine mi son sentita trasportare nel deserto e trepidare per il destino della protagonista, una donna all'apparenza fragile e dal passato doloroso ma che nasconde in realtà una notevole capacità di analisi unita ad una conoscenza invidiabile su ...continua

    Davvero questo libro non mi ha deluso; scorrendo le pagine mi son sentita trasportare nel deserto e trepidare per il destino della protagonista, una donna all'apparenza fragile e dal passato doloroso ma che nasconde in realtà una notevole capacità di analisi unita ad una conoscenza invidiabile sulle culture antiche. Grazie a lei viene via via risolto l'enigma che si nasconde dietro la ricerca della città di Ubar che,neanche a dirlo, anche la crudele antagonista di Safia e dei "buoni" cerca a qualsiasi costo. Interessante anche la parte più prettamente scientifica sull'antimateria, i fullereni (che sono andata a ripassarmi :) ) e così via. Mi ha fatto piacere leggere questo libro per cui ne proverò altri dello stesso autore.

    ha scritto il 

  • 2

    Prendete due etti di archeologia, aggiungete diversi cucchiai di tecnologia, impastate e lasciate riposare; aggiungete uno strato di muscoli, una dose di azione, un pizzico di religione (ma non troppo che poi guasta), una scorza di storia d’amore (con potenziale triangolo), aggiungete testosteron ...continua

    Prendete due etti di archeologia, aggiungete diversi cucchiai di tecnologia, impastate e lasciate riposare; aggiungete uno strato di muscoli, una dose di azione, un pizzico di religione (ma non troppo che poi guasta), una scorza di storia d’amore (con potenziale triangolo), aggiungete testosterone a profusione, e infornate per mezz’ora.
    Un libro da ombrellone, un’americanata dall’inizio alla fine, a metà tra il Codice Da Vinci e Clive Cussler. I personaggi sono carucci ma stereotipati (dai, non puoi negli anni 2000 avere dei cattivi che si chiamano La Gilda, con a capo Il Ministro, che sembrano i cattivi dei Gi-Joe), la storia è studiatissima sulla carta ma prevedibile e a parte alcuni dettagli scontata da pagina 100 (su 500) in poi.
    Fortunatamente scorre via bene, si fa leggere, e questo lo rende un libro da ombrellone, senza impegno e per far passare qualche ora. È come mettersi a vedere un kolossal americano la sera in TV: non bisogna aspettarsi niente, si sa già tutto ed è tutto prevedibile, si ammirano alcune riprese e alcuni attori in certi momenti, e alla fine si va a letto senza ripensarci. Non so se ne leggerò altri, con tutta la bella roba che c’è in giro.

    ha scritto il 

  • 4

    Da Londra all'Arabia.
    Un viaggio tra complotti e sicari per scoprire una fonte di antimateria. Donne "speciali" e uomini discendenti di un'antico Re, sono a guardia di una citta' sepolta sotto le sabbie.
    Si lascia leggere moto bene. niente d'impegnativo, anzi una lettura da divano. < ...continua

    Da Londra all'Arabia.
    Un viaggio tra complotti e sicari per scoprire una fonte di antimateria. Donne "speciali" e uomini discendenti di un'antico Re, sono a guardia di una citta' sepolta sotto le sabbie.
    Si lascia leggere moto bene. niente d'impegnativo, anzi una lettura da divano.

    ha scritto il