Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La classe

Di

Editore: Mondolibri

2.8
(591)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 223 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Catalano

Data di pubblicazione: 

Traduttore: Lorenza Pieri , Tiziana Lo Porto

Disponibile anche come: Altri

Genere: Education & Teaching , Fiction & Literature , Teens

Ti piace La classe?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una professoressa racconta in prima persona un anno di insegnamento in una scuola media.Il tragicomico resoconto di un'esperienza in cui il fallimento viene narrato con uno strepitoso senso dell'ironia. Pur nella frustrazione.
Ordina per
  • 4

    Parigi. Una classe. Un professore di francese.

    Amerete oppure odierete questo libro...non c'è molta scelta...una lettura scomposta e caotica è l'ingrediente vincente di queste 223 pagine. Trasposizione cinematografica degna della palma d'oro.

    ha scritto il 

  • 4

    acido prof

    ma gli alunni sono proprio delle capre e che fare? alcuni commenti mi sono suonati un po' razzisti, ma forse dipende dalla traduzione, oppure dal fatto che davvero quando si ha a che fare tutti i giorni con delle capre prende una rabbia sorda e una intolleranza senza fine

    ha scritto il 

  • 2

    Il prof che nessuno studente vorrebbe...

    Lo stile narrativo è davvero irritante, salta da una situazione all'altra senza che si capisca subito chi sono i protagonisti e il fatto di usare parole isolate o frasi brevissime non aiuta di certo. La figura del professore è arrogante, saccente, tratta sia gli alunni che i colleghi con una supe ...continua

    Lo stile narrativo è davvero irritante, salta da una situazione all'altra senza che si capisca subito chi sono i protagonisti e il fatto di usare parole isolate o frasi brevissime non aiuta di certo. La figura del professore è arrogante, saccente, tratta sia gli alunni che i colleghi con una superiorità e una saccenza fastidiosi. Ci sono poi troppi nomi, che non hanno una caratterizzazione precisa, per cui si perde il filo della vicenda. Peccato davvero perché invece lo spunto di partenza era buono e le storie dei ragazzi e degli insegnanti in una periferia difficile e multiculturale poteva essere molto interessante.

    ha scritto il 

  • 2

    Bella idea, sviluppata male

    Non mi è piaciuto per niente, scritto male, noioso, ripetitivo...
    Forse l'idea di base non era malvagia, quella di raccontare e descrivere una realtà triste ed ignorata come quella che vivono le scuole dove la maggior parte degli studenti non hanno origini francesi.Il portare alla luce i problemi ...continua

    Non mi è piaciuto per niente, scritto male, noioso, ripetitivo... Forse l'idea di base non era malvagia, quella di raccontare e descrivere una realtà triste ed ignorata come quella che vivono le scuole dove la maggior parte degli studenti non hanno origini francesi.Il portare alla luce i problemi che i ragazzini che vivono, o forse sarebbe meglio "sopravvivono", zone degradate di Parigi. Non lo consiglio, leggete altro.

    ha scritto il 

Ordina per