Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La classe fa la ola mentre spiego

Le note disciplinari più pazze d'Italia

Editore: Mondolibri

3.6
(694)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 240 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000097033 | Data di pubblicazione: 

Curatore: John Beer

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Altri

Genere: Entertainment , Humor , Teens

Ti piace La classe fa la ola mentre spiego?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Chi ha provato a beccarsi una nota sul registro, a scuola, sa bene quale piccolo dramma si consumi dietro quelle poche righe scritte a penna dal professore. Eppure, una nota disciplinare può far ridere fino alle lacrime se non siamo noi a prenderla! Lo dimostra questo libro, tratto da un blog già notissimo agli utenti della rete - con decine di migliaia di contatti registrati in poche settimane - che raccoglie le imprese scolastiche più incredibili, assurde e divertenti d'Italia, documentate dalle note autentiche che diligenti professori, rassegnati, sconvolti, indignati, a volte spaventati, hanno redatto con notevole precisione e rigore. Le avventure tra i banchi, infatti, non hanno limiti: c'è chi lascia l'auto durante una lezione per andare a farsi un nuovo taglio di capelli, chi ordina una pizza, chi è occupato a vessare i compagni nei modi più fantasiosi e perversi. E, ancora, chi si impegna a smontare la cattedra per restaurarla e chi inventa scuse surreali per giustificare un'assenza. L'effetto comico è irresistibile: il registro linguistico degli increduli professori spazia dall'ironico al letterario, dal burocratico all'aulico, delineando così una gamma di tipologie umane all'interno della quale tutti riconosceremo almeno un personaggio delle nostre memorie scolastiche. Qualche volta le note, piccoli capolavori di sintesi, fanno trapelare una malcelata ammirazione per la creatività, l'intelligenza e la simpatia degli studenti. Sebbene bizzarre ed esilaranti, tutte le note raccolte in questo libro sono rigorosamente autentiche ed originali.
Ordina per
  • 4

    Una serie di note di registro improbabili o inventate di sana pianta ( poiché semplicemente non realizzabili ) hanno il potere di far tornare la memoria ai gloriosi anni del liceo e alle "malefatte" c ...continua

    Una serie di note di registro improbabili o inventate di sana pianta ( poiché semplicemente non realizzabili ) hanno il potere di far tornare la memoria ai gloriosi anni del liceo e alle "malefatte" commesse con la complicità di "fratelli di guerra" durante gli anni della scuola. Per cui, 4 stelline le merita tutte, non tanto per quello che vi si può leggere, ma per gli splendidi ricordi che è in grado di evocare.

    ha scritto il 

  • 3

    Già ai miei tempi, o forse lo è sempre stato, la scuola era un coacervo di deficienti, e mentre leggevo questo libretto, mi è venuto un flashback: un'interrogazione di Geometria quand'ero in prima me ...continua

    Già ai miei tempi, o forse lo è sempre stato, la scuola era un coacervo di deficienti, e mentre leggevo questo libretto, mi è venuto un flashback: un'interrogazione di Geometria quand'ero in prima media.
    Prof: Oggi interrogazione! M. alla lavagna.
    M: fffffff...
    Prof: Disegnami una retta.
    A questo punto M. tira una riga omettendo i tre trattini che la precedono ed i tre trattini che la seguono a significare il fatto che la retta sia una linea infinita.
    Prof: Continua!
    M. prolunga la linea
    Prof: Continua, continua!
    M. prolunga il tratto sino al bordo della lavagna.
    Prof: Continua!
    M. si gira sbalordito verso di noi, ma si riprende subito, sghignazza, si rivolta faccia alla lavagna e continua la linea prima sul bordo e conseguentemente ad un altro “Continua!” sulla parete.
    Prof: Continua pure!
    Sfiga vuole che quel giorno la porta della classe (appena di fianco alla lavagna) sia aperta, così M. tracciando la continuazione della riga ci giunge in men che non si dica.
    Prof: Vai pure avanti e torna quando l'hai capita! E chiudi la porta quando esci!
    M. si ne va per i corridoi dell'istituto tracciando la sua linea sul muro mentre il professore inizia una nuova lezione.
    Dopo qualche minuto si sente bussare alla porta e la classe risponde in coro “Avanti”.
    A quel punto l'uscio si apre e la tesa di M. fa capolino.
    Prof: Allora, l'hai capita?
    M: No, è finito il gesso!

    ha scritto il 

  • 0

    Leggendo alcune di queste note ho dovuto intorrompere la lettura perchè non riuscivo a smettere di ridere, le migliori secondo me:
    - Gli alunni E. S. e F. si presentano a scuola con le felpe rispettiv ...continua

    Leggendo alcune di queste note ho dovuto intorrompere la lettura perchè non riuscivo a smettere di ridere, le migliori secondo me:
    - Gli alunni E. S. e F. si presentano a scuola con le felpe rispettivamente rossa, bianca e verde e ogni qualvolta pronuncio la parola "Italia" si alzano in piedi e "sventolano"
    - Il Cristo del crocifisso dell'aula scompare e lì vicino compaiono tanti passettini neri che si allontanano in direzione della porta. Non v'è rispetto per la religione, chiedo la sospensione della classe
    - Un alunno non meglio identificato giunge in classe vestito da clown e dopo aver urlato: "Ciao bambini!!" esce dalla finestra

    In molte delle note è evidente lo spirito goliardico e ironico, che risulta tutto sommato innocente, con cui vengono fatte certe cose (come negli esempi che ho citato sopra)... su altre invece ci sarebbe da riflettere a lungo (es. bullismo e violenza sui compagni, distruzione dei locali scolastici, mancanza di rispetto in genere, ecc.) e a quel punto rimane ben poco da ridere.

    ha scritto il 

  • 4

    Io mi domando perché nelle scuole di Formia queste cose non succedono mai, anzi basta che ci trovano fuori dall'aula (quando per altro ci mandano loro) per dare di matto. Sono queste note che sono esa ...continua

    Io mi domando perché nelle scuole di Formia queste cose non succedono mai, anzi basta che ci trovano fuori dall'aula (quando per altro ci mandano loro) per dare di matto. Sono queste note che sono esagerate o inventante o siamo noi che siamo addormentati?
    Mi sa che questo libro lo regalo alla mia professoressa di latino e greco XD.

    ha scritto il 

  • 4

    si, ok, un libretto che non è un libro... niente di più leggero... eppure... io ho riso come una pazza leggendo alcune "note", ma c'è anche una lettura che uno poi può provare a fare sul mondo della s ...continua

    si, ok, un libretto che non è un libro... niente di più leggero... eppure... io ho riso come una pazza leggendo alcune "note", ma c'è anche una lettura che uno poi può provare a fare sul mondo della scuola oggi. e su quanto, in fondo, gli insegnanti siano lasciati soli. come i loro studenti.

    ha scritto il 

Ordina per