Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La classe fa la ola mentre spiego

Le note disciplinari più pazze d'Italia

Di

3.3
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 240 | Formato: Altri

Isbn-10: 8858600207 | Isbn-13: 9788858600207 | Data di pubblicazione: 

Ti piace La classe fa la ola mentre spiego?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Chi ha provato a beccarsi una nota sul registro, a scuola, sa bene quale piccolo dramma si consumi dietro quelle poche righe scritte a penna dal professore.
Ordina per
  • 3

    Già ai miei tempi, o forse lo è sempre stato, la scuola era un coacervo di deficienti, e mentre leggevo questo libretto, mi è venuto un flashback: un'interrogazione di Geometria quand'ero in prima media.
    Prof: Oggi interrogazione! M. alla lavagna.
    M: fffffff...
    Prof: D ...continua

    Già ai miei tempi, o forse lo è sempre stato, la scuola era un coacervo di deficienti, e mentre leggevo questo libretto, mi è venuto un flashback: un'interrogazione di Geometria quand'ero in prima media.
    Prof: Oggi interrogazione! M. alla lavagna.
    M: fffffff...
    Prof: Disegnami una retta.
    A questo punto M. tira una riga omettendo i tre trattini che la precedono ed i tre trattini che la seguono a significare il fatto che la retta sia una linea infinita.
    Prof: Continua!
    M. prolunga la linea
    Prof: Continua, continua!
    M. prolunga il tratto sino al bordo della lavagna.
    Prof: Continua!
    M. si gira sbalordito verso di noi, ma si riprende subito, sghignazza, si rivolta faccia alla lavagna e continua la linea prima sul bordo e conseguentemente ad un altro “Continua!” sulla parete.
    Prof: Continua pure!
    Sfiga vuole che quel giorno la porta della classe (appena di fianco alla lavagna) sia aperta, così M. tracciando la continuazione della riga ci giunge in men che non si dica.
    Prof: Vai pure avanti e torna quando l'hai capita! E chiudi la porta quando esci!
    M. si ne va per i corridoi dell'istituto tracciando la sua linea sul muro mentre il professore inizia una nuova lezione.
    Dopo qualche minuto si sente bussare alla porta e la classe risponde in coro “Avanti”.
    A quel punto l'uscio si apre e la tesa di M. fa capolino.
    Prof: Allora, l'hai capita?
    M: No, è finito il gesso!

    ha scritto il