La cognizione del dolore

Voto medio di 1487
| 290 contributi totali di cui 208 recensioni , 82 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"La violenza autolesionista assume, nelle pagine della Cognizione, un suonocurioso. Qualsiasi denigrazione Gadda compia di se stesso, si trasforma, trale mani di questo straordinario Narciso, in una apologia. Senza volerlo eglifa il vuoto attorno a ... Continua
Ha scritto il 15/07/17
Il garbuglio della vita
Sarebbe alquanto difficile sintetizzare in poche righe il "groviglio" in cui il lettore viene calato da Gadda in questo interessantissimo romanzo dal forte sapore autobiografico, tuttavia bisogna provarci: è un libro coraggioso, ironico, spietato, ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 2 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 14/07/17
Commistione di dolore, di lucidità immaginifica e di verberante vituperio
Questa formula che Gadda usa per definire la poesia di Catullo è, al contempo, espressione perfetta per rendere il materiale magmatico di questo capolavoro.Non posso certo mettermi a recensire un'opera così importante, così analizzata da fiori di ..." Continua...
  • 6 mi piace
  • 5 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 10/05/17
compratelo
leggetevelo leggetevelo
  • Rispondi
Ha scritto il 08/12/16
Qui Gadda spietatamente si flagella, dando voce a tutto il terribile sottosuolo ( Dostoevskij, come è noto, è tra i massimi riferimenti della scrittura gaddiana ,come dimostra la ripetizione quasi formulare «Sono stanco….sono malato», ..." Continua...
  • 3 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 15/08/16
Gaddi, tu?
Gaddiano. Gaddesco. Gaddavolo. Gaddamentevole.
  • 6 mi piace
  • 2 commenti
  • Rispondi

Ha scritto il Jan 11, 2016, 15:23
'' tutto il mondo, per lui, doveva essere una specie di pera acerba, dove non poteva mettere i denti. ''
  • Rispondi
Ha scritto il May 15, 2015, 17:09
sfarfallamenti gaddiani- ... aggettivi ... apprezzati ... dalle ragazze e donne ... e dalle signore in villa, le quali ci fantasticarono su per delle settimane, non avendo di meglio da fare, in quel torno, nonostante le innegabili e multiverse ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 22, 2014, 17:33
Ma che cosa era il sole? Quale giorno portava? sopra i latrati del buio. Ella ne conosceva le dimensioni e l'intrinseco, la distanza dalla terra, dai rimanenti pianeti tutti: e il loro andare e rivolvere; molte cose aveva imparato e insegnato: e i ... Continua...
Pag. 112
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 21, 2013, 10:18
Questa catena di cause riconduceva il sistema dolce e alto della vita all'orrore dei sistemi subordinati, natura, sangue, materia: solitudine di visceri e di volti senza pensiero.
Pag. 192
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 21, 2013, 10:13
Indugiarono così diverso tempo, scrutando acute le lampade, guardando; come bimbi senza soldi alla fiera. La casa appariva tranquilla, come fosse la casa dei morti, sotto silenti stelle: che una mano aveva appeso altissime alla luminaria glaciale ... Continua...
Pag. 183
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi