La coscienza di Zeno

Di

Editore: La Nuova Italia

3.9
(14365)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 502 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Portoghese , Spagnolo , Chi tradizionale , Inglese , Tedesco , Francese , Olandese , Catalano , Ceco

Isbn-10: 8822112466 | Isbn-13: 9788822112460 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback , Tascabile economico , CD audio , Copertina morbida e spillati , Cofanetto , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Filosofia

Ti piace La coscienza di Zeno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La storia di Zeno Cosini, inetto a vivere: una specie di marionetta tirata dafili che quanto più egli indaga, gli sfuggono. Una coscienza inutile a mutareun destino che sembra ineluttabile. E' il capolavoro di Svevo, la prima storiaitaliana dove entra prepotentemente in scena la psicanalisi come coprotagonista; forse il più grande romanzo del Novecento italiano e uno dei maggioridella letteratura europea di questo secolo.
Ordina per
  • 4

    non è facile da leggere, accurata scrittura che analizza, esplora , sviscera quella che Svevo chiama "la coscienza" con un umorismo tagliente identifica i meandri più profondi di un male esistenziale, ...continua

    non è facile da leggere, accurata scrittura che analizza, esplora , sviscera quella che Svevo chiama "la coscienza" con un umorismo tagliente identifica i meandri più profondi di un male esistenziale, angoscia vissuta in prima persona, giorno per giorno, esamina attraverso la scrittura il suo comportamento fra colpa e innocenza, fra malattia e salute, fra io e mondo, fra memoria e tempo perduto arrivando a rassegnarsi alla inutilità di ogni sforzo, progetto o lotta.
    Alla fine abbandona la terapia, trasformando Zeno da torturato perdente a appagato vincente, riconoscendo che "la malattia" e frutto della condizione umana del XX secolo, quindi va accettata, assecondata con una buona dose di ironia.

    ha scritto il 

  • 5

    Escursione magnifica tra le debolezze spesso non ammesse che albergano anche nei più "abili nel vivere".Ciò è reso possibile dalla concentrazione delle stesse nella figura di Zeno,la cui esperienza è ...continua

    Escursione magnifica tra le debolezze spesso non ammesse che albergano anche nei più "abili nel vivere".Ciò è reso possibile dalla concentrazione delle stesse nella figura di Zeno,la cui esperienza è una spremuta di vita nella quale ognuno può trovare del suo. Buone lettura

    ha scritto il 

  • 5

    Svevo forever

    Zeno è la personificazione attualissima dell'uomo moderno: pronto sempre ad assolversi dai suoi peccati, a proclamarsi sempre sorpreso e infantilmente incosciente davanti a ciò che gli accade, narcis ...continua

    Zeno è la personificazione attualissima dell'uomo moderno: pronto sempre ad assolversi dai suoi peccati, a proclamarsi sempre sorpreso e infantilmente incosciente davanti a ciò che gli accade, narciso e autocentrico, furbo nel crogiolarsi in tutte le sue misere giustificazioni. Sono il lucido cinismo, l'ironia, la capacità di descriversi e descrivere il suo mondo, l'acutezza con cui prevede persino il futuro dell'umanità a fare di Zeno un personaggio unico e memorabile. Ai prof dico: "non fatelo leggere al liceo: il 90% degli studenti non lo capisce e lo odierà per tutta la vita".

    ha scritto il 

  • 4

    (Ri)letto con un po' di difficoltà a causa del linguaggio non corrente, capisco ora meglio perché sia considerata una delle massime opere del Novecento italiano: Zeno è più contemporaneo che mai e ci ...continua

    (Ri)letto con un po' di difficoltà a causa del linguaggio non corrente, capisco ora meglio perché sia considerata una delle massime opere del Novecento italiano: Zeno è più contemporaneo che mai e ci assomiglia.

    ha scritto il 

  • 3

    Gratitudine

    La mia eterna gratitudine al sito Liber Liber che permette di leggere ed ascoltare gratuitamente i capisaldi della letteratura, ma soprattutto un abbraccio alla gentile lettrice di questa opera, senz ...continua

    La mia eterna gratitudine al sito Liber Liber che permette di leggere ed ascoltare gratuitamente i capisaldi della letteratura, ma soprattutto un abbraccio alla gentile lettrice di questa opera, senza il cui supporto probabilmente non sarei riuscita a terminare.
    Italo Svevo è uno di quegli autori che ti propinano a scuola e di cui, da bravo deficiente, ti vai a leggere i riassuntini per saper spiccicare due parole all'interrogazione e la cosa finisce lì, perchè come è risaputo >. In effetti un po' pesante lo è, credo che se avessi dovuto leggerlo in cartaceo, la sera prima di dormire, lo avrei quasi certamente abbandonato, ma la gentile lettrice è venuta in mio soccorso e l'ascolto è proceduto bene in questi pomeriggi in cui ho fuso letteratura e pittura, perfettamente concentrata ma non annoiata.
    Ho scoperto in Italo Svevo una grande e insospettata vena ironica che mi è piaciuta molto, poi certo il protagonista è quello che è... Zeno non è nemmeno una cattiva persona, è soltanto un uomo senza spina dorsale come ce ne sono tanti, capace di impulsi positivi che però si fanno affossare subito dalle difficoltà. In questo romanzo sono le donne che vengono fuori, sono loro che decidono nonostante tutto, decidono anche di sopportare un uomo che non le ama o di abbandonare un amante quando si presenta la possibilità di un marito, decidono di studiare invece di sposarsi e così via.
    Nelle critiche che avevo letto di sfuggita si parlava sempre dell'inettitudine come principale tematica delle opere di Svevo ma non ricordo che si parlasse dell'ironia o delle donne, chissà perchè... ma forse sono io che non ho approfondito o che ricordo male.
    Seppur non sia rimasta folgorata dall'autore credo che proseguirò con le letture dello stesso, sicuramente ci mostrano aspetti di una vita ormai lontana dalla nostra ma le cui peculiarità umane sono tuttora simili alle nostre, ovviamente avvalendomi degli audiolibri di Liber Liber, ancora e sempre grata come non mai.

    Citazione:

    Il mentitore dovrebbe tener presente che per essere creduto non bisogna dire che le menzogne necessarie.

    ha scritto il 

  • 5

    La mia scelta....quindici anni dopo!!!

    Ho conosciuto Svevo tra i banchi di scuola tra i tanti autori che si studiano al quinto anno delle superiori; mi aveva colpito al punto da annotare i suoi tre romanzi maggiori tra i libri da leggere.
    ...continua

    Ho conosciuto Svevo tra i banchi di scuola tra i tanti autori che si studiano al quinto anno delle superiori; mi aveva colpito al punto da annotare i suoi tre romanzi maggiori tra i libri da leggere.
    Dopo 15anni da quell'annotazione finalmente ho letto "La coscienza di Zeno". Non sono cosa possa avermi colpito da ragazzina, ma ora sono rimasta davvero senza parole.
    Una splendida autoanalisi di Zeno Cosini, che mostra tutte le sue fragilità, i suoi continui tentativi di migliorarsi e l'altrettanto repentino modo di riuscire a giustificare eventuali fallimenti per poter ripartire poi.....
    Un circolo vizioso dal quale non riesce ad uscire, come la storia dell'ultima sigaretta....ma non solo......
    Pagine che ci coinvolgono, forse anche più del dovuto; io in alcuni punti mi sono sentita nuda di fronte alle mie stesse fragilità.
    Zeno ci mostra il suo modo ironico di vivere la vita, sentendosene sempre distante:

    Non avevo ancora perduta la capacità di ridere della mia avventura;la sola capacità che mi mancasse era quella di dormire.

    ha scritto il 

  • 3

    Riletto a distanza di vent'anni, sicuramente qualcosa in più ho apprezzato, anche perché stavolta ho ascoltato l'audiolibro che mi ha accompagnato nei viaggi in macchina casa-lavoro; senza dubbio è st ...continua

    Riletto a distanza di vent'anni, sicuramente qualcosa in più ho apprezzato, anche perché stavolta ho ascoltato l'audiolibro che mi ha accompagnato nei viaggi in macchina casa-lavoro; senza dubbio è stato meno pesante rispetto a sfogliare nuovamente quel libro che all'epoca proprio non avevo digerito.
    Dicevo... l'ho apprezzato molto di più, soprattutto quell'ultima parte di riflessioni sulla guerra e sul futuro del mondo, e non ho giudicato Zeno Cosini solo un inetto, come invece ti dicono a scuola, ma un uomo comunque intelligente e compassionevole al punto giusto, che sa approfittare delle situazioni anche quando appaiono a lui sfavorevoli. Certo, forse una banderuola, uno che si appoggia agli altri per "sopravvivere", uno che non ha mai uno slancio di entusiasmo o che se ce l'ha è il momento sbagliato, insomma pressappoco un disadattato, ma a suo modo simpatico.

    ha scritto il 

  • 5

    "Forse...ritorneremo alla salute"

    "La coscienza di Zeno" è un romanzo scritto da Italo Svevo e pubblicato nel 1923.
    È costruito ad episodi e non secondo una logica precisa e lineare.
    Il narratore è il protagonista Zeno Cosini che ripe ...continua

    "La coscienza di Zeno" è un romanzo scritto da Italo Svevo e pubblicato nel 1923.
    È costruito ad episodi e non secondo una logica precisa e lineare.
    Il narratore è il protagonista Zeno Cosini che ripercorre sei momenti della sua vita all'interno di una terapia di psicoanalisi.
    Zeno,invitato dal proprio psicoanalista,si cimenta nella stesura di un memoriale,una sua autobiografia.
    Il protagonista dopo essersi ritirato dalla psicoanalisi,viene minacciato dal suo stesso medico,il quale pubblica il suo memoriale e lo descriverà come un essere inaffidabile e falso nella lettera che fa da prefazione al romanzo.
    Ogni episodio è raccontato dal punto di vista del protagonista: presenta la sua versione dei fatti,resa come innocua in un atto inconscio di autodifesa.
    Subito dopo la prefazione Zeno scrive del suo vizio del fumo e il non riuscire a liberarsi di questo vizio gli permette di riflettere sulla propria mancanza di forza di volontà e sull'incapacità di perseguire un fine con decisione.
    Tale debolezza è dovuta alla mancanza di una figura paterna sin dall'infanzia.
    Nel secondo episodio analizza infatti il difficile rapporto con il padre che,dopo la sua morte,lo porterà ad attaccarsi ad una figura paterna sostitutiva e indispensabile,quella di Giovanni Malfenti,abile uomo d'affari,che Zeno adotterà anche come suocero sposando una delle figlie:Augusta.
    Quest'ultima,la meno affascinante delle sorelle,sa garantire all'uomo un matrimonio apparentemente felice; ma Zeno affianca ad essa la figura di una giovane donna povera,Carla,con la quale sembra avere un rapporto più da padre che da amante.
    La storia tra i due finisce poi col rovinarsi a causa dei continui sensi di colpa di Zeno che viene tradito e abbandonato.
    Nell'ultimo episodio Zeno riprende dopo sei mesi a riscrivere le sue memorie per ribellarsi al medico ed esprimere il suo disprezzo per la psicoanalisi.
    Proprio in quest'ultimo atto si rende conto che la sua malattia interiore è una condizione comune a tutta l'umanità e coincide con il progresso del mondo.
    Il romanzo si conclude con una profezia di un'esplosione,che causerà la scomparsa dell'uomo sulla terra.
    L'opera di Svevo fu inizialmente un grande fallimento come il resto delle altre opere,perchè probabilmente andava contro i gusti del tempo,mostrando difetti e problemi comuni a tutti.
    La tipologia che emerge è quella dell'inetto,tema cardine in altre opere di Svevo,dove l'uomo è visto come incapace,che non sa vivere e realizzare i suoi sogni.
    Il romanzo ci fa riflettere sul fatto che ormai sono comuni fatti e cose che non dovrebbero esserlo, che restiamo indifferenti a scandali morali indignandoci per cose inutili.
    È un libro molto intenso,l'ho letto davvero con passione malgrado ogni tanto mi sia dovuta fermare e ripetere poichè scritto in un italiano che ormai è mutato tantissimo. 
    I pensieri sono un pò contorti ma spiegati abbastanza bene.
    《http.beyo》

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per