Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La croce perduta

Il Teutone

By Guido Cervo

(78)

| Hardcover | 9788856609967

Like La croce perduta ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

E' il 1241.
Dalle steppe dell'Est un'ondata di uomini dilaga nel centro dell'Europa. Sono assetati di sangue e saccheggi, una fama di crudeltà ed efferatezza li precede.
Sono Tartari, un nome ormai sinonimo di terrore.
Le forze cristiane chiamate a r Continue

E' il 1241.
Dalle steppe dell'Est un'ondata di uomini dilaga nel centro dell'Europa. Sono assetati di sangue e saccheggi, una fama di crudeltà ed efferatezza li precede.
Sono Tartari, un nome ormai sinonimo di terrore.
Le forze cristiane chiamate a raccolta dal duca di Slesia, Enrico il Pio, li considerano selvaggi. Pagheranno caro lo sprezzo.
Nella battaglia di Liegnitz, l'esercito viene annientato. Le città che si trovano sulla strada degli invasori sono rase al suolo, le popolazioni disperse.
Di ritorno dalla Terrasanta, Eustachius von Felben, monaco guerriero dell'Ordine dei cavalieri teutonici, sta attraversando con un pugno di compagni quelle terre devastate.
E' un uomo d'arme, animato però da una fede incrollabile e ardente, nella quale soltanto trova rifugio dall'incalzare dei suoi tormenti interiori.
In marcia verso il Nord, deve scortare un mercante veneziano, latore di un'importante missiva del Doge per il Gran Maestro dell'Ordine in Prussia, e di un dono di valore inestimabile, prezioso quanto una reliquia: una croce tempestata di gemme, appartenuta a sant'Elena, madre dell'imperatore Costantino.
Dopo quasi vent'anni di battaglie in Terrasanta, Eustachius dovrà misurarsi con altri infedeli, più pericolosi di Turchi e Saraceni, perchè molto più prossimi ai confini del mondo cristiano.
I Tartari infatti sono ormai ovunque, tutto intorno al piccolo manipolo di uomini che viene assalito e depradato.
Armato solo della propria spada e della sua fede, Eustachius dovrà combattere per strappare al capo dell'orda nemica la croce rubata e per sottrarre centinaia di cristiani alla crudeltà dei barbari invasori.
Perchè quella è la sua missione di cavaliere: difendere i deboli e la Croce.
Sempre e a qualunque costo.

14 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un po' lontano dal'autore che mi aveva conquistato con la saga di Valerio Metronio. Rimane comunque una lettura piacevole

    Is this helpful?

    Manisan said on Dec 8, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un inizio di storia

    L'ho letto per errore dopo il seguito: "Il teutone battaglia sul lato ghiacciato" ma francamente mi è piaciuto meno.
    Il cavaliere Eustachius von Felben protagonista di questa storia e del seguito inizia a presentarsi. Romanzo troppo breve e poco espl ...(continue)

    L'ho letto per errore dopo il seguito: "Il teutone battaglia sul lato ghiacciato" ma francamente mi è piaciuto meno.
    Il cavaliere Eustachius von Felben protagonista di questa storia e del seguito inizia a presentarsi. Romanzo troppo breve e poco esplorativo dei caratteri dei numerosi protagonisti, si capisce che il seguito sarà utile per questo aspetto della storia.
    Finale un po troppo western.
    Per il resto ottima l'ambientazione in un periodo ed in una zona che sono poco utilizzate dai romanzieri.
    In realtà sarebbero state 3 stelle e mezzo, 4 con 50 pagine in più.

    Is this helpful?

    Giochidiguerra said on Sep 25, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A pag. 127 abbandono a malincuore. Questa volta Cervo mi ha deluso con una narrazione troppo banale e priva di mordente.

    Is this helpful?

    Gundam70 said on Dec 27, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ma l'ha scritto Cervo?

    Libro atipico rispetto allo stile di Cervo. Ho letto quasi tutti i libri dell'autore, il cui denominatore comune è sempre stato, oltre al rigore storico, una certa eccessiva prolissità.
    Qui invece il romanzo è scritto in maniera molto semplice e sco ...(continue)

    Libro atipico rispetto allo stile di Cervo. Ho letto quasi tutti i libri dell'autore, il cui denominatore comune è sempre stato, oltre al rigore storico, una certa eccessiva prolissità.
    Qui invece il romanzo è scritto in maniera molto semplice e scorrevole ed in totale il romanzo risulta essere piuttosto breve.
    I personaggi, a parte il protagonista, sono appena abbozzati, peccato. La storia per quanto lineare, è sufficientemente piacevole.
    Al contrario del terribile "L'Aquila sul Nilo" dove l'autore sapeva spendere pagine su pagine sulla descrizione di un capitello o di un capo d'abbigliamento romano, qui le nozione storiche sono basilari e ben distribuite senza appesantire la lettura.
    Cervo per me ha sempre peccato un po' nell'essere avvincente, è innegabile, la cosa strana è che nel duello finale di questo libro ha dimostrato di saper fare molto meglio a riguardo. Se riuscisse a trasmettere lo stesso pathos per l'intero romanzo avrebbe fatto centro.
    In definitiva una discreta lettura, buon interludio tra i romanzi preferiti.

    Is this helpful?

    Demone Rosso said on Dec 25, 2011 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    * illeggibile
    ** insufficiente
    *** sufficiente
    **** discreto
    *****BELLO
    ****** ottimo
    ******* capolavoro

    Gran narratore Cervo anche quando descrive argomenti storici di portata secondaria, come in questo caso, relativamente agli eventi che ...(continue)

    * illeggibile
    ** insufficiente
    *** sufficiente
    **** discreto
    *****BELLO
    ****** ottimo
    ******* capolavoro

    Gran narratore Cervo anche quando descrive argomenti storici di portata secondaria, come in questo caso, relativamente agli eventi che si succedono alla battaglia di Leignitz dove i Tartari distruggono due armate cristiane e si danno al feroce saccheggio.

    Is this helpful?

    albireo52 (Fiorenzo Marzanati) said on Dec 22, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un pò deludente...

    Personalmente, il peggiore fra i romanzi di Cervo (autore che amo) letti dal sottoscritto. Mi è sembrato più un racconto....la storia è banalina, i personaggi non mi hanno coinvolto mai...sulla ricostruzione storica, nulla da dire...

    Is this helpful?

    MISTERNO said on Jul 2, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (78)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Hardcover 274 Pages
  • ISBN-10: 8856609967
  • ISBN-13: 9788856609967
  • Publisher: Piemme
  • Publish date: 2010-01-01
  • Also available as: Paperback
Improve_data of this book

Groups with this in collection