La cruna dell'ago

Di

Editore: Mondadori

4.0
(3558)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 420 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Francese , Portoghese , Norvegese , Giapponese , Svedese , Polacco , Spagnolo

Isbn-10: 880450577X | Isbn-13: 9788804505778 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: R. Calzeroni

Disponibile anche come: eBook , Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace La cruna dell'ago?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
1944. Mancano poche settimane al D-Day. Per sviare l'attenzione dei tedeschi dalle coste della Normandia, dove avverrà lo sbarco, gli Alleati hanno radunato una finta armata nella regione dell'East Anglia. Il depistaggio sembra funzionare, ma un agente tedesco scopre la messinscena. Senza che il Servizio segreto britannico si sia mai accorto della sua pericolosa presenza, sono ormai parecchi anni che vive a Londra in incognito. Il suo nome in codice è l'Ago ed è stato scelto personalmente dal Fürher.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    E' il primo romanzo di Follett che leggo. Il libro è ben scritto e la storia piuttosto avvincente, anche se la parte della spia sull'isola con l'eroina di turno secondo me è un po' tirata per i capell ...continua

    E' il primo romanzo di Follett che leggo. Il libro è ben scritto e la storia piuttosto avvincente, anche se la parte della spia sull'isola con l'eroina di turno secondo me è un po' tirata per i capelli. Ad ogni modo il romanzo è riuscito e da leggere. Voto: 8+/10.

    ha scritto il 

  • 5

    altro libro di Follett che ho divorato! Seguendo un mio ordine (totalmente a caso!) e dopo aver letto delle spie e la seconda guerra mondiale in Africa con Il codice Rebecca e in Francia con Le gazze ...continua

    altro libro di Follett che ho divorato! Seguendo un mio ordine (totalmente a caso!) e dopo aver letto delle spie e la seconda guerra mondiale in Africa con Il codice Rebecca e in Francia con Le gazze ladre, eccomi in Inghilterra, sempre a ridosso del D-Day.. Il vero protagonista stavolta è proprio la spia nazista Die Nadel con tutta una schiera di personaggi secondari impegnati nella sua cattura.
    Il libro riesce sempre a tenere un buon ritmo e anche i personaggi risultano sempre ben caratterizzati e credibili.

    ha scritto il 

  • 3

    piacevole e avvincente

    la lettura risulta piacevolissima e avvincente. Mi piace il modo limpido e chiaro in cui sono caratterizzati i personaggi, la trama, nonostante sia ricca di colpi di scena e intrecci con tante stori ...continua

    la lettura risulta piacevolissima e avvincente. Mi piace il modo limpido e chiaro in cui sono caratterizzati i personaggi, la trama, nonostante sia ricca di colpi di scena e intrecci con tante storie minori risulta facile da seguire e piacevole.

    ha scritto il 

  • 4

    Nel 1944, gli alleati tentano in tutti i modi di ingannare i tedeschi: lo sbarco sarà in Normandia ma in Germania devono essere certi che sia a Calais. La maggior parte delle spie tedesche inviate in ...continua

    Nel 1944, gli alleati tentano in tutti i modi di ingannare i tedeschi: lo sbarco sarà in Normandia ma in Germania devono essere certi che sia a Calais. La maggior parte delle spie tedesche inviate in Inghilterra sono state scoperte e inviano in patria informazioni guidate dall'intelligence britannico. L'unica spia che ha la fiducia piena del fuhrer è nota col nome di "Ago". A Londra ormai da anni, invia i suoi rapporti finché fa la scoperta che può cambiare le sorti del conflitto. E' il momento di tornare in patria con le foto che provano l'inganno inglese. Tra delitti, furti e inseguimenti, l'Ago cerca di arrivare al rendez vous con l'UBOAT che lo riporterà a casa. Ci riuscirà? La prima parte è intensa, dinamica e trascinante (forse la migliore), poi cala un po' prima di risollevarsi nel finale. Si legge volentieri.

    ha scritto il 

  • 3

    Un film di spionaggio su carta

    Ci sono romanzi che stanno troppo bene in piedi da soli per trarne un film, e ci sono libri che sembrano fatti apposta per essere pellicole: questo romanzo è uno di quest'ultimi; la lettura è scorrevo ...continua

    Ci sono romanzi che stanno troppo bene in piedi da soli per trarne un film, e ci sono libri che sembrano fatti apposta per essere pellicole: questo romanzo è uno di quest'ultimi; la lettura è scorrevole e sta in piedi, se si ha un po' di tempo libero, lo si divora letteralmente! Purtroppo però non presenta null'altro al di fuori dell'azione: i personaggi sembrano fini ai sensi della storia, non escono mai dal loro ruolo di "figure cinematografiche", non invitano mai la mente del lettore a partecipare di ragionamenti che possano accompagnarlo anche fuori dalla lettura, se non per poche righe sparse tra i capitoli. Per questo motivo purtroppo risulta un romanzo presto dimenticabile. Tuttavia ha il pregio di intrattenere bene e di far respirare l'aria che circolava in Gran Bretagna più che in Europa durante la seconda guerra mondiale. Non certo libro storico, non certo romanzo impegnato, ma intrattenimento consigliato!

    ha scritto il 

  • 3

    Mi è piaciuto anche se avevo capito come sarebbe finito dalla metà del libro, dettagli a parte.
    Devo ammettere che alla fine, nonostante tutto, mi è dispiaciuto per la spia...

    ha scritto il 

  • 4

    Una storia che mi ha tenuta con il fiato sospeso fino alla fine con il suo ritmo incalzante e allo stesso tempo angoscioso poichè la questione sembra non concludersi mai talmente tante cose accadono. ...continua

    Una storia che mi ha tenuta con il fiato sospeso fino alla fine con il suo ritmo incalzante e allo stesso tempo angoscioso poichè la questione sembra non concludersi mai talmente tante cose accadono. Oltre alla storia anche i personaggi sono molto affascinati soprattutto "Die Nadel" che, se non fosse una spietata spia tedesca, potrebbe addirittura essere definito "eroe". Nonostante sia il personaggio "cattivo" del romanzo non si può non provare simpatia e sperare che riesca nella sua impresa e proprio per questo motivo alla fine delude un po' facendosi "abbindolare" molto facilmente da una donna.

    ha scritto il 

  • 5

    dopo un fortuna pericolosa (un romanzo poco conosciuto) non credevo di dare 5 stelle anche a questo secondo libro di ken follett. non vedo l'ora di leggere i suoi più famosi romanzi

    ha scritto il 

Ordina per