La cultura dei vinti

Voto medio di 4
| 4 contributi totali di cui 1 recensione , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
PPP
Ha scritto il 10/04/15
Lavoro magistrale e obbligatorio per i cultori delle materie (USA 1865, Francia 1870, Germania 1918), particolarmente interessanti le note; peccato solo che l'Italia non sia entrata nel mirino del saggio: da Caporetto - una sconfitta che diventò una...Continua

PPP
Ha scritto il Apr 10, 2015, 11:19
Per ogni ragazzo del Sud che ha quattordici anni, non una volta ma ogni volta che lo vuole, c'è un momento nel quale non sono ancora le due di quel pomeriggio di Luglio del 1863, le Brigate sono schierate lungo lo steccato, i cannoni sono disposti e...Continua
Pag. 298
PPP
Ha scritto il Apr 08, 2015, 13:35
Alla vocazione militare della Germania si aggiungeva la sua indipendenza militare e finanziaria. A differenza delle potenze dell'Intesa, essa aveva condotto la guerra non appoggiandosi al credito americano, ma facendo affidamento unicamente sulle pro...Continua
Pag. 228
PPP
Ha scritto il Apr 06, 2015, 18:03
Anche nel 1939, quando la partita propagandistica e psicologica di Hitler era ormai stata giocata e la guerra si era concretizzata, l'esercito continuò a essere sfruttato «propagandisticamente» per un periodo incredibilmente lungo. Il Blitzkrieg era...Continua
Pag. 211

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi