La cuoca rossa

Storia di una cellula spartachista al Bauhaus di Weimar

Di

Editore: DeriveApprodi

4.0
(10)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 187 | Formato: Altri

Isbn-10: 8888738118 | Isbn-13: 9788888738116 | Data di pubblicazione: 

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Storia

Ti piace La cuoca rossa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Hannah R. è la cuoca del leggendario Bauhaus, la scuola di arte, design earchitettura fondata da Walther Gropius negli anni della Repubblica di Weimar.Chiamata "la cuoca rossa" da studenti ed insegnati, nel 1918 Hannah dà vita aduna cellula spartachista all'interno della scuola. Ai ricordi e alle ricettedi questa cuoca si intrecciano, in una sorta di singolare biografia,discussioni sull'arte, l'architettura, la rivoluzione, scandite da incontricon i massimi esponenti della cultura e del pensiero mitteleuropeo di queglianni.
Ordina per
  • 5

    DALL’ASSALTO AL CIELO ALLA DISCESA AGLI INFERI, questa è l’immagine che meglio riassume la storia di quei compagni e compagne che dopo la Grande Guerra tentarono la rivoluzione in Germania.
    Ci provaro ...continua

    DALL’ASSALTO AL CIELO ALLA DISCESA AGLI INFERI, questa è l’immagine che meglio riassume la storia di quei compagni e compagne che dopo la Grande Guerra tentarono la rivoluzione in Germania.
    Ci provarono davvero, da quando la rivolta dei marinai di Kiel costrinse il Kaiser alla fuga, e il paese restò in mano ai consigli degli operai e dei soldati. Per un attimo.
    Poi la socialdemocrazia se lo riprese per “ricondurlo all’ordine”. Seguirono scontri durissimi, cortei immensi, scioperi generali, repubbliche dei consigli, esperienze soffocate nel sangue con tutti i mezzi necessari, dai paramilitari dei Freikorps alle mitragliatrici della polizia regolare.

    Attraverso questi anni terribili ci accompagna il diario di Hannah, la “cuoca rossa”, militante comunista, studentessa del Bahuaus.
    Assieme a lei Hans, Ewa, Greta, Wihelm, Martin, Frieda, Suzanne, Leonard, Klaus, figli di un’educazione cosmopolita, aperti al mondo, chiusi dentro un paese che implode sempre di più nelle vecchie imposture della “comunità di sangue, anima e razza”.

    La loro vita è una rivolta permanente che riveste di senso ogni atto, anche il più comune.
    E’ così che la preparazione del cibo diventa fonte di autofinanziamento per la lotta, la sua distribuzione alle mense dei consigli operai va di pari passo con il rapporto politico e la collaborazione militare.
    La cucina è pretesto per introdursi nelle sedi del nemico e prendergli le armi; le ricette del pasticcio di fegato e delle cipolle farcite si alternano a quelle delle micce e delle bombe incendiarie.

    Continua a leggere su: https://libridibordo.noblogs.org/post/2012/11/24/la-cuoca-rossa-storia-di-una-cellula-spartachista-al-bahuaus-di-weimer/

    ha scritto il 

  • 4

    altro libro affine al precedente "la cuoca di buenaventura durruti", ma ambientato nella bauhaus di weimar (se non ricordo male).
    anche questo interessantissimo. le ricette sono impraticabili per qual ...continua

    altro libro affine al precedente "la cuoca di buenaventura durruti", ma ambientato nella bauhaus di weimar (se non ricordo male).
    anche questo interessantissimo. le ricette sono impraticabili per qualcuno abituato alla cucina mediterranea, ma il racconto di quegli anni di vita che precedettero la guerra in germania è prezioso.
    per esempio illumina sull'antisemitismo fortissimo già presente prima del conflitto e su quello che si pensava di hitler alle "prime armi" (è proprio il caso di dirlo).
    mi ripeto: interessantissimo.

    ha scritto il