La dama de blanco

By

Publisher: Axial

4.1
(1213)

Language: Español | Number of Pages: 548 | Format: Softcover and Stapled | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , German , French , Italian , Catalan , Chi simplified , Portuguese , Dutch

Isbn-10: 6077720305 | Isbn-13: 9786077720300 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Others , Mass Market Paperback , Hardcover

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Romance

Do you like La dama de blanco ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Un joven pintor se enamora de una hermosa heredera rica de conducta intachable y es correspondido emocional, pero no materialmente: la dama ya ha sido comprometida con un noble y se atiene a su compromiso. Ajena a la conspiracion promovida por el otrora Sir Percival Glyde con ayuda del malvado conde Fosco para quedarse con su herencia, se casara pero pagara un alto precio por haberlo hecho. La historia se convierte en un complicado entramado de incidencias oscuras, confabulaciones y fingimientos, donde la tenacidad del amor verdadero sera la unica arma para evitar un crimen.</p><p>Esta historia parte de un hecho real: una noche de paseo por Londres, Collins junto con unos amigos, vieron a una mujer vestida de blanco que les pidio ayuda y desaparecio misteriosamente. La mujer, acosada por un marido trastornado, era Caroline Graves con quien el autor iniciaria una relacion amorosa que duraria toda su vida. Esta anecdota sera el pretexto para que, con su capacidad inigualable logre urdir esta maravillosa novela en la que varias voces a razon de testimonios registran un mismo misterio, de forma tal que los lectores son jurados y tendran que deliberar.
Sorting by
  • 5

    'In one moment, every drop of blood in my body was brought to a stop ...'

    'In one moment, every drop of blood in my body was brought to a stop... There, as if it had that moment sprung out of the earth, stood the figure of a solitary Woman, dressed from head to foot in whit ...continue

    'In one moment, every drop of blood in my body was brought to a stop... There, as if it had that moment sprung out of the earth, stood the figure of a solitary Woman, dressed from head to foot in white'.
    The woman in white is Anne Catherick who has escaped from a mad-house,
    The first immense conception starts here, and subsequently brings to such amazing results.
    Anne Catherick, is hidden in the neighborhood and she is in communication with Lady Glyde, Sir Pecival's wife. She keeps a secret, which would be the certain ruin of Percival.
    Sir Percival has told Conte Fosco that he is a lost man, unless his wife is silenced, and unless Anne Catherick is found.
    In the summer of eighteen hundred and fifty Ottavio, Baldassarre Conte Fosco arrives in England, charged with a delicate political mission from abroad.
    He arranges to pass the preliminary period of repose, in the superb mansion of Sir Percival Glyde.
    The bond of friendship which unites Percival and Fosco is strengthened, on that occasion, by a touching similarity in the pecuniary position on his side and on Fosco's side. They both want money. Immense necessity! Universal want!
    Fosco and his wife are received at the mansion by the "magnificent creature who is inscribed on my heart as "Marian," who is known in the colder atmosphere of society as "Miss Halcombe." ,writes Conte Fosco on his witness.
    Miss Marian Halcombe is the step sister of Laura Farlie married Glyde.
    Conte Fosco's witness is one of the many we read in the novel, together with observations, legal notes and pages of diary.
    We know the story form different point of views and for this reason it is not easy to establish the truth.
    Conte Fosco only knows Anne Catherick by description, as presenting an extraordinary personal resemblance to Lady Glyde. They are two separate identities, they are to change names, places, and destinies, the one with the other.
    'You don't remember a fine spring day at Limmeridge,' Anne Catherick says to Laura 'and your mother walking down the path that led to the school, with a little girl on each side of her? I have had nothing else to think of since, and I remember it. You were one of the little girls, and I was the other. Pretty, clever Miss Fairlie, and poor dazed Anne Catherick were nearer to each other then than they are now!'"
    "What reminded you of that, Laura?" asks Marian .
    "She reminded me. While I was looking at her, while she was very close to me, it came over my mind suddenly that we were like each other! Her face was pale and thin and weary but the sight of it startled me, as if it had been the sight of my own face in the glass after a long illness.
    'You have not got your mother's face,' Anne says, 'or your mother's heart. Your mother's face was dark, and your mother's heart, Miss Fairlie, was the heart of an angel.'
    Why do you call me Miss Fairlie?' 'Because I love the name of Fairlie and hate the name of Glyde,' she breaks out violently. I had seen nothing like madness in her before this, but I fancied I saw it now in her eyes. 'I only thought you might not know I was married,' I said, 'I am here because you are married. I am here to make atonement to you, before I meet your mother in the world beyond the grave.'
    The identity of Lady Glyde as a living person is a proved fact to Miss Halcombe and Mr. Hartright, her sketch teacher and the man she loved reciprocated.
    There is her aunt's testimony to prove that she came to Count Fosco's house, that she felt ill, and that she died. There is the testimony of the medical certificate to prove the death, and to show that it took place under natural circumstances. There is the fact of the funeral at Limmeridge, and there is the assertion of the inscription on the tomb. What evidence has Mr. Hartright to support the declaration on his side that the person who died and was buried was not Lady Glyde?
    Miss Halcombe goes to a certain private Asylum, and there sees a certain female patient. It is known that a woman named Anne Catherick, and bearing an extraordinary personal resemblance to Lady Glyde, escaped from the Asylum; it is known that the gentleman who brings her back warns Mr. Fairlie that it is part of her insanity to be bent on personating his dead niece; and it is known that she does repeatedly declare herself in the Asylum (where no one believed her) to be Lady Glyde. These are all facts.
    What has Mr. Hartright to set against them?.
    Does Miss Halcombe assert her supposed sister's identity to the owner of the Asylum, and take legal means for rescuing her? No, she secretly bribes a nurse to let her escape. When the patient has been released in this doubtful manner, and is taken to Mr. Fairlie, does he recognize her? Is he staggered for one instant in his belief of his niece's death? No. Do the servants recognize her? No. Is she kept in the neighborhood to assert her own identity, and to stand the test of further proceedings? No, she is privately taken to London. In the meantime Mr. Hartright has recognized her also, but he is not a relative he is not even an old friend of the family. The servants contradict him, and Mr. Fairlie contradicts Miss Halcombe, and the supposed Lady Glyde contradicts herself. She declares she passed the night in London at a certain house.
    Mr. Hartright's own evidence shows that she has never been near that house, and his own admission is that her condition of mind prevents him from producing her anywhere to submit to investigation, and to speak for herself.
    So where are Mr. Hartright's proofs?"
    "But is it not possible," Mr. Hartright urged, "by dint of patience and exertion, to discover additional evidence? Miss Halcombe and I have a few hundred pounds"
    Questions of identity, where instances of personal resemblance are concerned, are, in themselves, the hardest of all questions to settle.
    But Mr. Hartright is determined to believe that there is a case.
    If he can show a discrepancy between the date of the doctor's certificate and the date of Lady Glyde's journey to London, the matter will wear a totally different aspect.
    In all probability, the only persons in existence who knows the date are Sir Percival and the Count.
    "There shall be no money motive, "no idea of personal advantage in the service I mean to render to Lady Glyde. Mr. Hartright says. "She has been cast out as a stranger from the house in which she was borna lie which records her death has been written on her mother's tomb and there are two men, alive and unpunished, who are responsible for it. That house shall open again to receive her in the presence of every soul who followed the false funeral to the grave that lie shall be publicly erased from the tombstone by the authority of the head of the family, and those two men shall answer for their crime to me, though the justice that sits in tribunals is powerless to pursue them. I have given my life to that purpose, and, alone as I stand, if God spares me, I will accomplish it." concludes Mr. Hartright.

    said on 

  • 5

    Sapevo che La donna in bianco fosse uno dei migliori di Collins, ma non mi aspettavo certo di trovarmi di fronte ad un romanzo vittoriano puro e cristallino, perfetto e geniale. Nonostante la mole di ...continue

    Sapevo che La donna in bianco fosse uno dei migliori di Collins, ma non mi aspettavo certo di trovarmi di fronte ad un romanzo vittoriano puro e cristallino, perfetto e geniale. Nonostante la mole di pagine l'ho letto di volata, da non riuscire a staccarmi dalle pagine. La struttura narrativa è sicuramente quanto di più originale potesse esserci all'epoca e tutto fila e si incastra perfettamente, pubblicato a puntate settimanali ho immaginato l'ansia del pubblico nell'attesa di conoscere gli sviluppi.
    I personaggi protagonisti sono perfettamente in linea con gli standard di un romanzo vittoriano, ma Marian e il Conte Fosco sono i personaggi "giganti" sia come spessore psicologico, che come ruolo, il Bene e il Male che si fronteggiano, protagonisti indimenticabili.

    said on 

  • 0

    Grande

    Non c’era bisogno di prove:l a vera grande narrativa non ha età. Tuttavia questo romanzo ne è conferma. È anche la riprova che tutti gli -ismi inventati per la letteratura non significano poi molto. F ...continue

    Non c’era bisogno di prove:l a vera grande narrativa non ha età. Tuttavia questo romanzo ne è conferma. È anche la riprova che tutti gli -ismi inventati per la letteratura non significano poi molto. Forse è vero che in letteratura non esiste nulla che sia davvero nuovo, dopo la Bibbia, Omero e Shakespeare? Vero o no, io ci credo, e me la rido dei funambolismi fini a se stessi.
    Certo questo romanzo, affidato a una serie di personaggi che si passano il testimone e raccontano ciascuno i fatti di cui stato protagonista, potrebbe essere un esempio brillante di postmoderno, ed è invece un romanzo d'appendice, scritto nel 1859 da Wilkie Collins, considerato il creatore del giallo moderno.
    La vicenda appassiona, è ricca fino all’ultimo di colpi e cambi di scena, ci regala – soprattutto - alcuni personaggi memorabili, tra cui l’impavida Marion (così incredibilmente moderna e sagace) e il cattivo che più cattivo non si può, tuttavia umano nel suo quasi insospettabile punto debole. Insospettabile perché cela un sentimento, il rispetto, raro non soltanto ai tempi in cui si svolge la narrazione. Raccomandatissimo, e speriamo che non sia di ostacolo il fatto che è lungo: quante saghe lo sono, del resto?

    said on 

  • 3

    La donna in bianco

    William Makepeace Thackeray, a proposito di questo romanzo, disse: “uno dei pochi libri da essere letti dall'alba al tramonto". Probabilmente aveva ragione…
    Si tratta a tutti gli effetti di un solido ...continue

    William Makepeace Thackeray, a proposito di questo romanzo, disse: “uno dei pochi libri da essere letti dall'alba al tramonto". Probabilmente aveva ragione…
    Si tratta a tutti gli effetti di un solido “mistery” classico, pieno di colpi di scena, incentrato sullo scambio di persona tra due affascinanti donne: la nobile Laura e la pazza Anne Catherick.
    “La donna in bianco” rientra sicuramente nel novero dei cosiddetti “romanzi d'appendice”: i classici feuilleton che venivano pubblicati a puntate sui principali quotidiani e venivano considerati dai puristi della letteratura come una sorta di “sottogenere romanzesco”.
    La trama è ben congegnata: un perfetto meccanismo ad orologeria in cui ogni singola tessera trova prima o poi la giusta posizione all’interno del puzzle.
    L'eroina Marian è un grande personaggio: forte, tenace, irreprensibile, un’immagine di donna che lascia il segno e per cui non si può smettere di fare il tifo, neppure per un istante. Dall’altra parte della barricata – il lato del “male” – rimane nella memoria il personaggio del Conte Fosco, mellifluo quanto disgustoso stratega del male che è l’architetto principale di tutto l’intrigo.
    La storia è raccontata attraverso diversi e variegati punti di vista, in un alternarsi di testimonianze dei vari protagonisti, che a turno illustrano le vicende in cui si articola la trama. Personaggi eroici e perfidi opportunisti si alternano tra le pagine di questa storia, affascinante ed avvincente, da cui è impossibile staccarsi.
    Probabilmente – se si vuole trovare un difetto a tutti i costi – la prima parte è un po’ troppo lenta e compassata rispetto alla sezione conclusiva, concitata e adrenalinica, capace di regalare più di un brivido al lettore che ne rimane letteralmente soggiogato.
    Ma si tratta di un’imperfezione davvero trascurabile, specialmente se vista nel contesto di un romanzo intenso e ben scritto, capace di regalare un’intera gamma di esperienze: dall’intrigo amoroso all’inquietante mistero, passando attraverso le brume suggestive dell’Inghilterra Vittoriana.

    said on 

  • 5

    Come fare a recensire questo piccolo capolavoro senza non rendergli giustizia? Ci provo . È uno dei romanzi più belli che abbia letto, il classico romanzo con atmosfere vittoriane e gotiche dell'800 c ...continue

    Come fare a recensire questo piccolo capolavoro senza non rendergli giustizia? Ci provo . È uno dei romanzi più belli che abbia letto, il classico romanzo con atmosfere vittoriane e gotiche dell'800 che amo. Prendete una giornata di freddo e pioggia e cominciate la lettura di questo gioiello della letteratura e non vorrete più staccarvene dalle sue pagine. Nonostante siano passati quasi 200 anni dalla sua pubblicazione il linguaggio è assolutamente attuale anche perché è un feullinton cioè scritto come romanzo a puntate sulla rivista di Dickens. In questo romanzo c'è un po di tutto: mistero, intrighi, vendetta e amore e tutto questo mi ha rapito dalla prima all'ultima pagina. Ovviamente la mia avventura con Collins non finisce qui.👍👍👍👍👍

    said on 

  • 5

    Meraviglia

    Come si fa a recensire un libro così?
    Non mi sento in grado di farlo. Troppo bello, troppo classico, troppo scritto bene.
    Sono stata molto lenta a leggerlo, ma non perché sia noioso, solo perché nel f ...continue

    Come si fa a recensire un libro così?
    Non mi sento in grado di farlo. Troppo bello, troppo classico, troppo scritto bene.
    Sono stata molto lenta a leggerlo, ma non perché sia noioso, solo perché nel frattempo ho letto altro. Ma ogni volta che tornavo al mio Wilkie, mi dicevo: mamma mia, ma come scrive bene????
    Un romanzo uscito a puntate a metà '800, su una rivista. Eppure, un romanzo che sembra scritto. ieri. Un romanzo che, se lo avessi letto a puntate nell'800, sarei impazzita nell'attesa della puntata successiva!
    Personaggi approfonditi in modo esemplare; una trama degna della miglior soap opera! Insomma, un capolavoro. Perché non smetteresti mai di leggere di Laura, ingenua, ma non troppo; o di Marian, brutta che più brutta non si può, ma con una personalità talmente amabile da apparire bellissima; del conte Fosco, cattivo fino all'inverosimile, ma che parla con i suoi topolini e i suoi uccellini come se fossero suoi figli.
    Insomma. C'è tutto, in questo romanzo.
    Wilkie, fra un po', tornerò da te! Tanto di libri ne hai scritti parecchi!
    5 stelle su 5

    said on 

  • 3

    Atmosfere gotiche, delitti, relazioni illecite, figli illegittimi, segreti familiari, identità scambiate, e una massiccia dose di melassa. Gli ingredienti, insomma, sono quelli tipici di un romanzo d' ...continue

    Atmosfere gotiche, delitti, relazioni illecite, figli illegittimi, segreti familiari, identità scambiate, e una massiccia dose di melassa. Gli ingredienti, insomma, sono quelli tipici di un romanzo d'appendice, e del resto The Woman in White - archetipo indiscusso del sensation novel - del classico feuilleton possiede davvero tutti i tratti distintivi.
    Quando nel 1859 il romanzo fece la sua prima apparizione sul periodico dickensiano All the Year Round, l'accoglienza da parte dei lettori fu entusiasta; la critica, al contrario, manifestò inizialmente una certa freddezza, salvo poi rivalutare l'opera fino al punto di proclamarla, così com'è tutt'ora considerata da molti, il capolavoro dell'autore.
    Caratterizzato dall'alternarsi di più voci narranti - un espediente usato spesso da Collins - il romanzo si articola intorno alle rispettive testimonianze dei diversi personaggi, permettendo così al lettore di seguire passo dopo passo le vicende raccontate, attraverso il punto di vista e le impressioni (peraltro non sempre attendibili) di chi le ha vissute in prima persona.

    La storia inizia in una notte d'estate, quando Walter Hartright, giovane maestro di disegno in procinto di partire per il Cumberland, s'imbatte, lungo la strada di casa, in una strana ed irrequieta donna completamente vestita di bianco, ansiosa di raggiungere Londra, dal cui sconnesso racconto emerge casualmente un'antica frequentazione con la stessa famiglia presso cui Walter dovrà lavorare.
    Pochi giorni dopo, assunto il nuovo incarico nella tenuta di Limmeridge House, il ragazzo fa la conoscenza delle sue allieve: la schietta e disinvolta Marian Halcombe, con cui fa subito amicizia, e la sua sorellastra Laura Fairlie, timida e bellissima ereditiera di cui s'innamora a prima vista, ignorando però che quest'ultima, suo malgrado, è già stata promessa in sposa ad un baronetto di mezza età: tale sir Percival Glyde.
    A malincuore, Walter si rassegna così a rinunciare all'impiego e ad allontanarsi dalla sua amata, non prima, però, di aver notato, durante una notte di luna, una sinistra ed inspiegabile somiglianza tra Laura e la misteriosa donna in bianco.
    Turbato dall'inaspettata scoperta, il giovane si confida con Marian, e con il suo aiuto, inizia ad indagare.

    Recita la quarta di copertina dell'edizione Fazi:

    “È passato un secolo e mezzo e le cose non sono cambiate. Anche il lettore moderno più smaliziato non può che rimanere piacevolmente intrappolato negli ingranaggi di questa straordinaria macchina narrativa, che ha segnato per sempre la tradizione del mistery, facendo guadagnare al suo autore l'attributo di «padre del poliziesco moderno».”

    E The Woman in White, a onor del vero, è innegabilmente un bell'esempio di ottima letteratura d'intrattenimento: un romanzo dalla prosa raffinata, godibile e scorrevole, in grado di coinvolgere il lettore e divertirlo, permettendogli di procedere senza alcuna fatica nonostante l'imponente mole del libro.
    Tuttavia, è probabile che la sottoscritta sia davvero una lettrice eccessivamente smaliziata, o forse soltanto un po' troppo avvezza alle dinamiche del romanzo vittoriano, perché, malgrado la trama sia interessante e ben congegnata, raramente di fronte agli intrighi escogitati o ai numerosi colpi di scena, ho provato qualcosa di vagamente assimilabile ad un autentico senso di stupore.
    Le notevoli capacità di Collins, sia chiaro, non sono affatto in discussione: ciò che contesto è invece l'effettiva solidità di un impianto narrativo che proprio nella capacità di spiazzare il lettore, dovrebbe trovare la sua ragion d'essere.
    Nonostante l'autore riesca di tanto in tanto a creare un buon livello di suspense e ad ideare, specialmente in prossimità dell'epilogo, alcune soluzioni decisamente originali, i grandi misteri del romanzo - quelli intorno a cui ruota tutta la storia - finiscono, ahimè, col chiarirsi troppo presto. Non occorre essere Sherlock Holmes per indovinare le ragioni della prodigiosa somiglianza tra Laura e la famosa donna in bianco; così come la certezza della comprovata stima nei confronti di sir Percival, non impedisce anche al lettore meno accorto, di dubitare della sua onorabilità già molte pagine prima che il personaggio compaia realmente in scena.
    Niente di grave, se non fosse che a un certo punto le coincidenze si fanno talmente assurde, e gli indizi talmente palesi, che il divertimento principale di chi legge non è più quello di fare congetture sulla possibile risoluzione dei misteri, bensì vedere quanto tempo impiegherà il protagonista per trovare quelle risposte che con un po'd'attenzione - e di familiarità con la letteratura dell'epoca - non è difficile intuire con parecchi capitoli d'anticipo.
    Come se non bastasse, spinto dalle esigenze della pubblicazione a puntate, Collins, già abitualmente incline alla prolissità, ha diluito inutilmente una vicenda che per essere approfondita in modo adeguato avrebbe richiesto - volendo proprio esagerare - non più di quattrocento pagine. Ne consegue che, nonostante la piacevole esposizione e i frequenti cambi di registro, il ritmo non riesce a restare costante per tutta la lettura, ed anche l'attenzione di chi legge ne soffre.

    La prevedibilità degli sviluppi, comunque, non sarebbe stata di per sé un problema, se a sostenere la narrazione ci fossero stati dei protagonisti sufficientemente interessanti. Purtroppo, anche su questo piano, Collins non convince del tutto, e - forse involontariamente - finisce col dare il meglio nella creazione dei personaggi secondari, vale a dire quelli in cui è più evidente l'influenza del suo maestro Dickens: come il goffo (ma insospettabilmente pieno di risorse) professor Pesca, o l'ipocondriaco ed insofferente Mr Fairlie, zio di Laura affetto da innumerevoli fissazioni ed ostinatamente refrattario a farsi carico di qualsivoglia responsabilità.
    Assai meno incisivi, come anticipavo, i protagonisti veri e propri: a partire dal valoroso e integerrimo Walter Hartright che con la sua emotività, l'avventatezza e - malgrado i suoi ventott'anni - la sostanziale immaturità, s'inserisce in quel tipico filone di personaggi maschili incolori e per natura destinati ad un ruolo subordinato; difetti, questi, di cui risente anche il suo stesso resconto dei fatti, non di rado arenato tra interminabili pagine di sospiri amorosi e di stucchevoli elucubrazioni sull'adorata Laura.
    Già, Laura... La povera vittima sacrificale che sceglie spontaneamente - ed inutilmente - d'immolarsi solo per onorare la memoria di un padre che di onorevole, a dirla tutta, aveva ben poco.
    Ammetto di trovarmi lievemente in difficoltà di fronte alla prospettiva di parlare di lei, perché - siamo onesti - criticare la sventurata Miss Fairlie è un po'come sparare sulla croce rossa.
    Intorno a lei si ordiscono complotti e si consumano delitti; la sua stessa esistenza diventa l'obiettivo di una serie di macchinazioni criminali... E lei intanto che fa? Lei disegna, ignara di tutto ciò che le accade intorno; sviene, quando il suo animo delicato resta troppo scosso dagli inconvenienti di una realtà che sfortunatamente non è sempre rose e fiori; oppure piagnucola, preoccupata che il suo amato, stanco di lei, possa infine preferirle la sorellastra Marian.
    C'è da dire che la poverina, in effetti, avrebbe i suoi buoni motivi per covare tali timori: quale uomo, del resto, preferirebbe una bambolina inerte, svenevole, e priva di personalità, ad una donna giudiziosa, determinata e dotata di una spiccata intelligenza? Quale uomo? Walter, appunto.
    Debole, leziosa, fisiologicamente incline al deliquio, e talmente candida da rasentare l'idiozia (è l'unica, non a caso, a non vestire mai i panni della narratrice) la povera Laura - o, volendo usare le parole del Conte Fosco, "quella biondina insulsa" - è la tipica figura femminile che una Jane Austen, a ragione, non avrebbe esitato a sbeffeggiare incessantemente nelle sue parodie.
    Non deve quindi stupire che di fronte ad una pseudo-protagonista di tale levatura, le simpatie della sottoscritta si siano indirizzate piuttosto verso il cattivo della situazione: il già citato Conte Fosco, appunto, di sicuro il personaggio più intrigante, divertente e meglio delineato di tutto il romanzo.
    La sua essenza è contenuta tutta nelle parole che lui stesso proferisce:
    “Io sono capace dei più nobili atti di virtù, quando mi è data l'opportunità di compierli! La mia più grande sfortuna è stata quella di averne poche di opportunità del genere!”
    Stravagante, amante dei topolini, cinico, imprevedibile, ed apertamente maschilista, Isidoro Ottavio Baldassarre Fosco - questo il suo vero nome - coniuga una mente brillante e un singolare savoir faire, con una personalità oltremodo ambigua, dove non c'è spazio che per una sola imperdonabile debolezza: Marian Halcombe, sua irriducibile avversaria ed unica donna per cui provi rispetto e ammirazione.
    Proprio l'antagonismo tra queste due figure, diversissime e contemporaneamente legate da uno strano rapporto di attrazione/repulsione, costituisce l'aspetto migliore di The Woman in White.
    Benché il ruolo di Marian come narratrice si esaurisca sfortunatamente in appena una manciata di capitoli, è senza dubbio lei il principale personaggio femminile del romanzo: una donna indipendente e fuori dagli schemi, a cui vanno stretti i panni della damigella e le inutili affettazioni della buona società. Coraggiosa, dai modi franchi, e l'indole veemente ma opportunamente soggetta ad autocontrollo, Marian, che non si distingue per la bellezza e non ha alcuna predisposizione per l'arte o il ricamo, spicca invece per un anticonformismo degno di nota anche per i giorni nostri. Ella infatti non sogna l'amore nè coltiva aspirazioni matrimoniali, e questo non a causa di qualche pregressa delusione sentimentale - come vorrebbero i cliché del genere - o per inseguire l'ambizione di un'ipotetica realizzazione professionale - in linea con le più moderne istanze femministe: ma soltanto perché, seppur dedita a una vita tranquilla e perfettamente a suo agio nell'ambiente domestico, ella sta bene da sola e non sente alcun bisogno di crearsi una famiglia per essere appagata, ma incurante dei modelli imposti dalla società, conduce con fierezza e soddisfazione l'esistenza che meglio si addice alla sua personalità.
    Peccato solo che Collins, inconsciamente condizionato dalla propria mentalità maschile, non faccia che metterle continuamente in bocca pensieri ed osservazioni sul sesso femminile, che tradiscono istantaneamente l'identità - e i tanti preconcetti - di chi scrive.

    Dopo la bellezza di quasi settecento pagine condite da descrizioni, riflessioni e scene d'innegabile impatto - chiudendo un occhio sulla trascurabilissima melodrammaticità di alcuni frangenti - la voce di Walter, narrandoci gli ultimi (stavolta davvero) inaspettati colpi scena, ci consegna finalmente il tanto atteso finale, del quale forse nessuno si meraviglierà, ma in cui, tuttavia, trovano compimento le più rosee aspettative della maggior parte dei lettori.
    Solo un mistero, a ben guardare, resta insoluto: perché intitolare il romanzo ad un personaggio - quello di Anne Catherick - destinato, tutto sommato, a restare nell'ombra? Perché dar vita ad una figura che avrebbe potuto rivelarsi estremamente interessante, e su cui tanto si sarebbe potuto investire, per poi accontentarsi di liquidarla così?
    Questa volta, però, la risposta spetta solo al vecchio Wilkie.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    0

    白衣女郎被認為是第一本英文懸疑小說,我是無意之間拿起這本書的。心想著就試讀一下吧,不好看又或看不來的話放棄便算了,沒想到我會完成得到,並且有意想不到的感覺。

    首先,我讀的是英文版,已經是有困難了,加上這是古典小說,就更加難。古典小說的寫法的確古舊和文藝得多,說到的事情和表達方式都十分惋轉。
    例如有一方邀請你出外遊玩,你答的不是簡簡單單的 yes 或 No,而是要「禮貌性地表示樂意接受或辦不到」。一 ...continue

    白衣女郎被認為是第一本英文懸疑小說,我是無意之間拿起這本書的。心想著就試讀一下吧,不好看又或看不來的話放棄便算了,沒想到我會完成得到,並且有意想不到的感覺。

    首先,我讀的是英文版,已經是有困難了,加上這是古典小說,就更加難。古典小說的寫法的確古舊和文藝得多,說到的事情和表達方式都十分惋轉。
    例如有一方邀請你出外遊玩,你答的不是簡簡單單的 yes 或 No,而是要「禮貌性地表示樂意接受或辦不到」。一大段的文字就只說了單單一個意思。有時候現代文學內很直接的事情,在這本古典小說內會變成一整章節,所以起初的部份我是看得是很辛苦。

    另外,由於是「遠古時代」的故事,18xx 年的事情,內裡人的生活方式和我們都很不同。每天的活動局限於日光的時間內,行動用馬或馬車,火車是有限,當然沒有電力啦!通訊也是靠人手和書信。這些種種的不同的生活方式竟然也在作者筆下成為緊張局勢的要素!
    例如故事中公爵想強迫妻子簽下不明的文件,她誓死在不知內容的情況下不會簽名。她姊姊為了救她,便說要寫信給她們的律師,信件會放在郵袋內,傭人會拿去郵局,搭乘一天最後的火車到倫敦,律師明天早上之前必定收到。那律師便可立刻回信,告訴她應該如何是好了。那麼她最快可在寄信後的第三天收到回覆和做相應的行動。這真是 oh my god 的長啊!我一邊看便一邊的在心中說要快點啊!

    出乎意料之外,我看後來的三分之二比之前的快上了一倍,為了多看幾頁更挑燈夜讀。後半的情節是緊湊得來又在我想像之外,橋段是古老得現代當然沒有的,卻又互相影響,結局也首尾呼應,大大的提高了我對此故事的評價。

    說到故事內容,內裡的壞人相比起現在其實並不算很壞。殺人當然是犯法,但他們沒有下最大的決心的話是不會殺人。現代小說在一兩頁便有一個屍體了,這樣比較的話,我們現在看的的確是重口味很多。主角為了自己愛的人去找壞人「理論」。因為沒找到足夠證據,主角是想著要壞人自己「懺悔」。現代小說若說「等犯人懺悔」的話我想會被人罵得狗血淋頭。到他齊集了證詞,也只需要在自己的村落內向鄰居和重要人物交代,便是可以繼續生活下去了。這令我感到以前的生活是何等的簡單!人與人的關係全靠互相信任,沒有什麼陰險的存在。這種感覺現在可能很難才找得到了。

    大家若是一向喜歡古典文學,又想看看古老作品如何拼湊出懸疑緊張的故事,不妨試試這個經典之作。

    said on 

Sorting by