Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La donna abitata

By Gioconda Belli

(1605)

| Others | 9788876414039

Like La donna abitata ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

201 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Cos'è che ci spinge a voler leggere un libro?

    Cos'è che ci spinge a voler leggere un libro? A volerlo possedere, farlo nostro, tenerlo tra le mani e abbandonarsi ad esso?

    Spesso sono i consigli degli amici, da qualche anno a questa parte i commenti che leggiamo qui su aNobii, altre volte le rec ...(continue)

    Cos'è che ci spinge a voler leggere un libro? A volerlo possedere, farlo nostro, tenerlo tra le mani e abbandonarsi ad esso?

    Spesso sono i consigli degli amici, da qualche anno a questa parte i commenti che leggiamo qui su aNobii, altre volte le recensioni di critici su quotidiani o periodici, altre semplicemente una copertina o un titolo che colpiscono, anche senza razionali motivi, la nostra immaginazione e stimolano il nostro interesse.

    Nel caso di questo libro, per me la scintilla è scoccata in un treno per pendolari. In mezzo a tante facce assonnate sono rimasto colpito dall'espressione felice e appagata di una donna, pochi sedili davanti a me, che teneva in mano questo libro e si beava della lettura, pagina dopo pagina. Rapita. Innamorata.

    Pochi giorni dopo ero io a leggere quel libro. Non so se anche io avessi questa espressione sul volto mentre lo leggevo, di sicuro è uno di quei libri che ti fa star bene, sia durante la sua lettura, che una volta assorbito completamente. Ed è entrato di diritto nell'elenco dei miei libri preferiti.

    La donna abitata è la storia di una donna nicaraguense di famiglia agiata, Lavinia, ribelle e passionale, che per amore e per seguire un grido sommesso della sua linfa vitale, decide di collaborare col Fronte Sandinista di Liberazione contro la dittatura instaurata nel suo paese, affinché un giorno la gente possa tornare a sperare. Dentro di lei rivive lo spirito di una guerriera indigena, Itzà, morta combattendo contro i conquistadores spagnoli tanti secoli prima e che si risveglia alla vita come profumato albero di arance. C’è amore, ci sono dubbi, ci sono ideali e sogni in questo bel libro. E una promessa: “chi ama non muore mai”

    E' stata davvero una bella scoperta Gioconda Belli, una scrittrice impegnata e intensa che dalla sua esistenza passionaria ha tratto ispirazione per storie colme di vita, che traboccano vita.

    Is this helpful?

    MicioMannaro said on Oct 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non me ne capacito

    L'ho letto in un lampo: è scorrevole, scritto molto accuratamente, e certi brani sono così belli, ma così belli, di una bellezza poetica incredibile. Eppure non mi ha appassionata neanche un filo.

    Is this helpful?

    Libricciola (con gatto Camillo. Siamo in fase no) said on Apr 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    non ci siamo

    l'idea è bella, il dialogo silenzioso tra la donna antica e la donna moderna, oppresse entrambe ed entrambe guerriere. sembrerebbe esserci tutto, tutto al posto giusto: amore, emancipazione, lotta, dramma, sangue, amicizia, politica, conflitti famili ...(continue)

    l'idea è bella, il dialogo silenzioso tra la donna antica e la donna moderna, oppresse entrambe ed entrambe guerriere. sembrerebbe esserci tutto, tutto al posto giusto: amore, emancipazione, lotta, dramma, sangue, amicizia, politica, conflitti familiari, psicologia, femminismo e una spolveratina di magia... eppure non prende il volo questo lungo romanzo che non appassiona. non è nemmeno mal scritto e alcuni brani sono bellissimi, anche originali, ma nel complesso non va oltre il "carino"

    Is this helpful?

    carlottam said on Mar 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Alle donne si assegna la quotidianità, mentre gli uomini si riservano lo scenario dei grandi avvenimenti..."

    La donna abitata è la storia di una donna e di un paese; la storia di tante donne, la storia di tante storie, sovrapposte fino ad assomigliarsi. Una storia a matrioska, che osa unire finzione, autobiografia ed elementi fantastici.
    Nella prot ...(continue)

    La donna abitata è la storia di una donna e di un paese; la storia di tante donne, la storia di tante storie, sovrapposte fino ad assomigliarsi. Una storia a matrioska, che osa unire finzione, autobiografia ed elementi fantastici.
    Nella protagonista, Lavinia, che si ritroverà a combattere contro la dittatura di Somoza, vive lo spirito di una guerriera del passato, una delle ultime esponenti delle civiltà precolombiane in lotta contro i conquistadores. L'intreccio narrativo è fortemente centrato sulle vicende personali di Lavinia, ma sembra essere narrato da Ytzà, che talvolta interviene commentando le scelte della sua ospite o interrompe la narrazione con dei flashback della sua personale storia.
    E' una femminilità alla guerra, quella descritta da Gioconda Belli. Una femminilità scomposta e analizzata in tutta la profondità del suo spettro. Non è solo per il gioco di specchi tra le due donne, perché Lavinia è una donna doppiamente abitata, dentro di lei vive anche la stessa autrice, che ha così rielaborato la sua reale esperienza in seno al Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale.
    La storia è avvincente, ricca degli ingredienti giusti, in perfetto equilibrio, e di un apparato stilistico davvero notevole: la scrittura della Belli, davvero, incanta. Le parti più apprezzabili da questo punto di vista probabilmente sono quelle relative al personaggio di Ytzà, un irrompere in una narrazione di lotta e di sangue di improvvise virate poetiche. Davvero notevole è la cura del personaggio (storico, peraltro) e dello scenario, delle credenze indios e di una filosofia di vita fortemente naturalistica e al contempo spirituale, che vede il corpo come "un'antenna per l'universo". Altrettanta cura si riscontra nell'ottimo profilo psicologico di Lavinia: la prima parte, in cui i tamburi della guerra civile sono ancora lontani, illustra benissimo i conflitti interiori della protagonista, i suoi tentennamenti, la sua ricerca di stabilità in seguito al ritorno in patria, nonché la nascita del sentimento verso il compagno Felipe, che restituisce un'ottima caratterizzazione della vita di coppia e del confronto tra i due sessi. Tutto questo comincia a venire meno in seguito al coinvolgimento di Lavinia nel Movimento: mentre la focalizzazione si restringe sulla lotta contro la dittatura, i piani di assalto, le scene di azione e via dicendo, Lavinia si riduce a essere una figura più stilizzata e funzionale alla trama, perdendo la vitalità e la spontaneità che presentava all'inizio. Di qui in poi la storia diventa assimilabile alle tante storie di lotta e di guerra che un po' accomunano gran parte degli scrittori sudamericani (e non solo). Un vero peccato, perché la trasformazione di Lavinia da giovane nostalgica e malinconica in triste guerriera vendicativa non mi ha pienamente convinto e mi è sembrato, anzi, vanificare gli sforzi nella prima parte di offrire un ritratto spontaneo e verosimile.
    E' l'artificiosità, dunque, il prezzo da pagare, soprattutto per una storia così carica di materiale autobiografico. La vita, la vita vera è sempre un'altra cosa.

    Is this helpful?

    Tancredi said on Oct 28, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tanto mi appassionano e sconvolgono gli scrittori sudamericani, tanto mi deludono le donne, Isabel Allende esclusa

    Is this helpful?

    Mafalda said on Oct 21, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Eversivo

    Mi ha ricordato gli anni di piombo, le lotte per gli ideali di quanti pensavano che occorresse cambiare con la forza. Non ho mai condiviso la violenza in nessun modo, né allora né oggi per cui posso capire le pulsioni ma non il modo in cui si debbon ...(continue)

    Mi ha ricordato gli anni di piombo, le lotte per gli ideali di quanti pensavano che occorresse cambiare con la forza. Non ho mai condiviso la violenza in nessun modo, né allora né oggi per cui posso capire le pulsioni ma non il modo in cui si debbono sfogare. Questo perché è impossibile che da violenza si possa generare qualcosa di buono. Questo libro è storia antica che si lega indissolubilmente con la storia recente del Nicaragua ma come dice l’autrice può valere per qualsiasi stato dell’America Latina.

    Is this helpful?

    Claudio said on Oct 14, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Collection with this book