Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La donna che mi insegnò il respiro

By Ayad Akhtar

(140)

| Paperback | 9788804614982

Like La donna che mi insegnò il respiro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Hayat Shah è un ragazzino musulmano nato e cresciuto nella provincia americana. La sua vita procede spedita tra la scuola, il baseball e le corse in bicicletta. Delle origini pakistane resta solo qualche debole traccia nei battibecchi tra i genitori. Continue

Hayat Shah è un ragazzino musulmano nato e cresciuto nella provincia americana. La sua vita procede spedita tra la scuola, il baseball e le corse in bicicletta. Delle origini pakistane resta solo qualche debole traccia nei battibecchi tra i genitori. Finché un giorno arriva Mina, un'amica della madre venuta a vivere negli Stati Uniti dopo un doloroso divorzio nel suo paese, e da quel momento tutto cambia. Dolce e bellissima, Mina porta con sé un fascino discreto e magnetico che in poco tempo conquista tutti, perfino lo scettico padre di Hayat. La sua religiosità profonda e non fanatica fa entrare discretamente la fede musulmana nella vita familiare e colpisce l'animo adolescente di Hayat, che viene attratto dalla spiritualità della preghiera e, senza averne immediata coscienza, dalla sensualità della donna. I guai iniziano quando Mina si innamora di un ebreo, Nathan, e quando questi per amore si converte all'Islam. Non sarà tanto la dura reazione della comunità musulmana a impedire il loro matrimonio, quanto il segreto intervento di Hayat, che trova nel fondamentalismo religioso uno sfogo alle sue tormentate pulsioni adolescenziali. Le conseguenze del suo comportamento gli si sveleranno molti anni dopo, incontrando casualmente Nathan e venendo a conoscenza del tragico destino di Mina. Solo in quell'istante, nel semplice atto di scusarsi per il male compiuto, Hayat diventerà finalmente adulto. (da IBS)

20 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Acclamato come un capolavoro, non lo è proprio. Nono il tema sia interessante (la comunità pakistana emigrata in USA) il libro è perchè scritto male.

    Is this helpful?

    Biblioteca San Gerardo said on Sep 20, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un respiro largo come il mondo, qui e ora ma anche eterno, in una minuscola cittadina degli Stati Uniti ma anche in giro per il mondo, dal Corano al Talmud, dalla morte alla vita. Grazie Antonella per il consiglio e grazie al bel salotto dell'ostello ...(continue)

    Un respiro largo come il mondo, qui e ora ma anche eterno, in una minuscola cittadina degli Stati Uniti ma anche in giro per il mondo, dal Corano al Talmud, dalla morte alla vita. Grazie Antonella per il consiglio e grazie al bel salotto dell'ostello della gioventù tedesca che mi ha accolto nelle sue braccia...

    Is this helpful?

    TopoConGliOcchiali said on Aug 17, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Avevo letto una recensione, mi pare della Bignardi, che mi aveva fatto sperare in un gran bel romanzo; invece ho trovato una storia scorrevole, ben scritta, ma nulla di più.

    Is this helpful?

    Cinzia said on Jun 28, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Quello che non va con i maschi musulmani non ha niente a che vedere con le preghiere, c'entra con il modo in cui trattano le loro donne".

    Interessante il casuale destino di questa lettura.
    Comperato sull'onda di una di quelle mie famose fascinazioni irrefrenabili, iniziato all'istante e poi abbandonato a causa di priorità della biblioteca ed anche perchè in quel momento non c'era sinto ...(continue)

    Interessante il casuale destino di questa lettura.
    Comperato sull'onda di una di quelle mie famose fascinazioni irrefrenabili, iniziato all'istante e poi abbandonato a causa di priorità della biblioteca ed anche perchè in quel momento non c'era sintonia, è finito in cosa a "Due in uno" di Kashua Sayed, appena recensito, e ci è finito prorio a fagiuolo, per così dire.
    A parte il fatto che è di piacevole lettura, sebbene forse lo si potrebbe accusare di quella certa -non saprei come definirla meglio- superficialità che caratterizza molti dei romanzi di questo tipo -se scritti da uomini però, in generale trovo ed ho trovato la scrittura delle pakistane/indiane mooolto più intensa ed originale, ma può essere solo un'impressione.
    A parte il fatto che il ragazzino è simpatico e c'è qualcosa che fa subito colpo nella storia, ed ancora a parte il fatto che quest'accettazione supina di Mina drammaticamente mi faceva rabbia da quanto assomigliava a quella che ho dimostrato proprio IO, più assurda perchè infinitamente più immotivata.
    A parte qualsiasi fatto, dicevo, io da questo libro ho imparato un sacco di cose. Sugli ebrei ed i musulmani, per esempio,-"inspiegabilmente non avevo ancora capito che non si poteva essere musulmani ed ebrei insieme"- su Maometto, per esempio, cose che non sapevo, e su Gesù -anzi Hazrad Isa, incredibile no?- cose che in parte avevo dimenticato di sapere. E non è che il peso di un libro venga determinato dai suoi insegnamenti, anzi, ma è piacevole arricchire una lettura finita -Sayed appunto- di nuovi elementi e termini di approfondimento.
    Ma non vorrei provocare inutili sconforti: è uno di quei libri che restano validi e piacevoli anche se ci si limita a "leggerlo"...senza pensarci, voglio dire. Ed anche se non è un capolavoro assoluto.

    Is this helpful?

    Pizia said on Jun 27, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Vivamente consigliato!

    Bellissimo libro che tratta del mondo islamico trapiantato negli Stati Uniti. Molto doloroso certo, ma rappresenta anche una forte denuncia contro il fondamentalismo dell'Islam incarnato in una comunità pakistana che impedirà a una splendida e intell ...(continue)

    Bellissimo libro che tratta del mondo islamico trapiantato negli Stati Uniti. Molto doloroso certo, ma rappresenta anche una forte denuncia contro il fondamentalismo dell'Islam incarnato in una comunità pakistana che impedirà a una splendida e intelligente donna di fede musulmana di sposarsi con un ebreo. Netta la distinzione religiosa tra la fede cieca alle parole del Corano considerata quasi un obbligo o comunque una conoscenza di questo per un fine egoistico ( rappresentata dalla comunità) e l'adesione ad Allah sentita nel cuore come qualcosa che ti migliora e ti innalza (rappresentata da Mina, "ciò che conta è l'intenzione"). Ho apprezzato particolarmente a livello di stile la scorrevolezza del testo che non l'ha reso affatto noioso e la buona delineazione dei personaggi.

    Is this helpful?

    Giulia 93 said on Mar 13, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    E' una buona occasione per riflettere (come sempre), ma in questo libro onestamente mancavano tante cose... Partiamo con Mina che sembra ribellarsi al "vivere" femminile nel mondo islamico (lascia il marito, scappa in America e si innamora di un ebre ...(continue)

    E' una buona occasione per riflettere (come sempre), ma in questo libro onestamente mancavano tante cose... Partiamo con Mina che sembra ribellarsi al "vivere" femminile nel mondo islamico (lascia il marito, scappa in America e si innamora di un ebreo) ma in realtà poi si sottomette al loro pensiero; poi manca proprio un confronto tra i vari personaggi... ho visto proprio una divisione tra diversi mondi, diversi modi di vivere e pensare (oltre la religione)... Peccato!

    Is this helpful?

    Piccola said on Feb 6, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (140)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 325 Pages
  • ISBN-10: 8804614986
  • ISBN-13: 9788804614982
  • Publisher: A. Mondadori (Scrittori italiani e stranieri)
  • Publish date: 2012-01-01
  • Also available as: Others , eBook
Improve_data of this book