Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La donna che non poteva essere qui

Di

Editore: SuperPocket

3.7
(1078)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 356 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Chi tradizionale

Isbn-10: 8846208943 | Isbn-13: 9788846208941 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Laura Serra

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace La donna che non poteva essere qui?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Sono rimasta soddisfatta anche da questo libro di G. Musso, pieno di intrigo e mai scontato. Sto cominciando ad amare il suo modo di scrivere e di raccontare, riesce a intrecciare la vita di diverse ...continua

    Sono rimasta soddisfatta anche da questo libro di G. Musso, pieno di intrigo e mai scontato. Sto cominciando ad amare il suo modo di scrivere e di raccontare, riesce a intrecciare la vita di diverse persone senza risultare mai banale e donando al libro veridicità. Anche se il mio rapporto con Dio e la religione in generale non é dei migliori, ho saputo apprezzare questa trama ricca di destino e fantasmi mandati da Dio a compiere missioni.

    ha scritto il 

  • 4

    很適合放鬆自己,不想花腦筋的時候看

    讀這本書就像在看電影一樣。作者把場景營造得非常好。一幕接著一幕,有悲歡有離合,有緊張有浪漫,完全不用傷腦筋去想會不會有隱藏在什麼地方的線索或隱喻。太適合那種一整天忙下來滿腦子漿糊,稍微能喘口氣的時候看。

    整本書翻譯得很棒。完全沒有那種讀外文翻譯小說的感覺。讀來真是讓人感到愉快。

    ha scritto il 

  • 3

    La donna che non poteva essere qui

    Non avevo letto niente di questo autore, un libro che attira per la trama, il modo si scrivere è corretto ma non particolarmente scorrevole...

    ha scritto il 

  • 2

    Non è esattamente il libro che mi aspettavo di leggere. è lento e pieno di dettagli sulla vita di personaggi che non hanno a che fare con la storia. Juliette è un personaggio vuoto, non emoziona ...continua

    Non è esattamente il libro che mi aspettavo di leggere. è lento e pieno di dettagli sulla vita di personaggi che non hanno a che fare con la storia. Juliette è un personaggio vuoto, non emoziona e non ha carattere. Sam è un po' più interessante, ma la sua storia viene raccontata troppo superficialmente. Ho impiegato molto tempo a leggerlo, soprattutto tutta la prima parte che non si capisce che piega voglia prendere. è addirittura noiosa e non coinvolge. Un po' meglio la parte che va da dopo la presentazione dell'Avvoltoio. La storia prende un ritmo più veloce, ma alla fine non mi ha convinto. Succedono troppe cose che risultano sconclusionate. L'unica cosa che mi è piaciuta è il rapporto tra Grace e Mark, peccato solo che gli venga dato poco spazio. Ma Mark è un bel personaggio, molto più profondo di Juliette che è la protagonista. L'epilogo lascia un grande MAH. Sarà pure stato questo il messaggio che lo scrittore voleva lanciare - possiamo sottrarci o no al destino - ma in realtà non si capisce cosa vuole trasmettere.

    ha scritto il 

  • 3

    La donna che non poteva essere qui, Guillaume Musso

    "Niente è mai irrilevante, ma spesso non ci rendiamo bene conto delle conseguenze dei nostri atti."

    Comincia a stufarmi un po', Musso.. È stato il nostro "terzo appuntamento", ma mi ha lasciato ...continua

    "Niente è mai irrilevante, ma spesso non ci rendiamo bene conto delle conseguenze dei nostri atti."

    Comincia a stufarmi un po', Musso.. È stato il nostro "terzo appuntamento", ma mi ha lasciato veramente poco. Continuo ancora a credere che nessuna di queste altre letture sia stata all'altezza de "L'uomo che credeva di non avere più tempo". Scorrono anche abbastanza piacevolmente, ma l'elemento sovrannaturale sembra essere troppo forzato. Forse sono io che non riesco ad immedesimarmi, ma...

    ha scritto il 

  • 5

    Assolutamente il libro di Musso che ho preferito, al pari con "il richiamo dell'angelo"! Ti sa prendere già dalle primissime pagine, cosa che per me è già difficile, e ti catapulta da subito nel ...continua

    Assolutamente il libro di Musso che ho preferito, al pari con "il richiamo dell'angelo"! Ti sa prendere già dalle primissime pagine, cosa che per me è già difficile, e ti catapulta da subito nel pieno dell'azione... i colpi di scena sono numerosi e mai scontati. Poi l'abitudine di Musso di inserire all'inizio di ogni capitolo una citazione, che ti anticipi un pò la trama di quelle pagine, mi piace!

    ha scritto il 

  • 5

    In parte irreale, fantasy; in parte dolce; in parte una scrittura quasi alla Zafòn... Bhè che dire, ero molto scettica quando ho cominciato questo libro che, invece, si è dimostrato tutt'altro. ...continua

    In parte irreale, fantasy; in parte dolce; in parte una scrittura quasi alla Zafòn... Bhè che dire, ero molto scettica quando ho cominciato questo libro che, invece, si è dimostrato tutt'altro. Bello, davvero. Penso che, però, per leggerlo bisogna arrivare ad un punto esatto della vita; altrimenti non trasmette nulla. Mi viene solo una parola in mente per descriverlo: Brividi.

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente

    Ricordo di avere acquistato il libro qualche tempo fa attirato dall'aspetto soprannaturale che aveva il racconto, tema che mi affascina molto.Comincio col dire che io nei libri apprezzo molto la ...continua

    Ricordo di avere acquistato il libro qualche tempo fa attirato dall'aspetto soprannaturale che aveva il racconto, tema che mi affascina molto.Comincio col dire che io nei libri apprezzo molto la scorrevolezza e la linearità, ma in questo caso ho trovato la scrittura troppo elementare. Le frasi sono semplici, talvolta banali e spesso i pensieri e gli stati d'animo dei protagonisti vengono ripetuti in continuazione.L'indecisione dei due personaggi principali poi è snervante.E' indiscutibile che l'amore possa fare del male ma se due si piacciono veramente,come succede nel libro,trovo inutili i continui dubbi e ripensamenti sulla nascita di una possibile storia d'amore.Telefonato il colpo di scena finale che vede protagonista Rutelli.Curiosità per il signore anziano che Juliette incontra nel bar dove lavora all'inizio della storia.Il personaggio è appena accennato ma sembra conoscere tutto della ragazza.Potrebbe essere la rappresentazione dell'angelo custode?O qualcuno di più importante?

    ha scritto il 

  • 2

    Il troppo storpia! Musso ha esagerato, le frasi fatte si sprecano, la storia d'amore è sdolcinata e surreale, senza contare i dialoghi che trovo poco veritieri, il tutto condito da un intreccio di ...continua

    Il troppo storpia! Musso ha esagerato, le frasi fatte si sprecano, la storia d'amore è sdolcinata e surreale, senza contare i dialoghi che trovo poco veritieri, il tutto condito da un intreccio di racconti che vanno dalla droga all'omicidio, da poliziotti e rapimenti, e infine un classico per lo scrittore...un emissario dall'aldilà. Basta molto meno per un buon libro.

    ha scritto il 

Ordina per