Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La donna del fiume

Di

Editore: Piemme

3.6
(419)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 420 | Formato: Altri

Isbn-10: 8838483272 | Isbn-13: 9788838483271 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Romeo

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace La donna del fiume?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Città di New York, marzo 1367. Nel corso di una delicata missione diplomaticaguidata da Owen Archer, Ned, amico di Owen, viene accusato di un dupliceomicidio che pare legato alla tragica morte, a Londra, della fidanzata di Ned,Mary. Molti sono i misteri nascosti dietro quelle morti e molti i retroscenadi quella missione organizzata dall'Arcivescovo di York, John Thoresby, e allaquale sono legati fragili e sotterranei giochi di potere. Su uno sfondostorico e politico sapientemente ricostruito, i personaggi si muovono spintidall'ambizione e dalla sete di potere in una spirale di intrighi che siallarga sempre più fino a coinvolgere le più alte sfere del regno.
Ordina per
  • 4

    Altro eccezionale capitolo della saga di Owen Archer. Ilfinale incerto lascia un po' l'amaro in bocca, è meno brillante del precedente che ho letto, ma ugualmente degno di nota. Particolarmente interessanti le cartine e le annotazioni storiche dell'autrice che si trovano alla fine.

    ha scritto il 

  • 2

    4/10

    Ambientazione gradevole e ben ricostruita per un giallo tutto sommato mediocre, con una soluzione per niente ad effetto e scritto in modo passabile. Gradevole, pur se non brillante, il protagonista ma insipidi e già sentiti tutti gli altri personaggi. Terribili la ripetizione ad libitum degli "oc ...continua

    Ambientazione gradevole e ben ricostruita per un giallo tutto sommato mediocre, con una soluzione per niente ad effetto e scritto in modo passabile. Gradevole, pur se non brillante, il protagonista ma insipidi e già sentiti tutti gli altri personaggi. Terribili la ripetizione ad libitum degli "occhi da gatta" di Alice Perrers, un paio di vigole tra soggetto e verbo (spesso le virgole sono messe con poco criterio) e il personaggio che parla di sé in terza persona.

    ha scritto il 

  • 4

    DA PAGINA 130

    Ned si sentiva bruciare i polmoni, ma spronò ancora il suo destriero, più veloce, più veloce. La gamba gli pulsava, sentiva la coscia bagnata all'altezza della ferita. Si era riaperta quando era caduto nell'oscurità, mentre conduceva il cavallo lungo il sentiero roccioso, per allontanarsi in sile ...continua

    Ned si sentiva bruciare i polmoni, ma spronò ancora il suo destriero, più veloce, più veloce. La gamba gli pulsava, sentiva la coscia bagnata all'altezza della ferita. Si era riaperta quando era caduto nell'oscurità, mentre conduceva il cavallo lungo il sentiero roccioso, per allontanarsi in silenzio dalla grangia. Era stato avventato a fuggire nelle tenebre, ma non poteva far altro che scappare subito, doveva approfittare della furia che lo sosteneva, cavalcare come un forsennato fino a che lui e il cavallo non fossero stati esausti. Per andare dove? Ah, questo era ovvio. In nessun luogo. Verso l'oblio, sperava. Verso la morte, più probabilmente. Mary era morta; perché lui avrebbe dovuto vivere?

    ha scritto il 

  • 1

    chiedero' i danni morali alla moby line che sulla linea livorno bastia aveva solo questo libro in vendita. questo libro mi ha insegnato pero' una cosa: portarsi SEMPRE almeno un libro da casa!

    ha scritto il 

  • 4

    Anno 1367, Owen Archer, spia al servizio dell’Arcivescovo di York, vive con la moglie Lucie , con la piccola Gwenllian, loro figlia da poco nata, e con Jasper trovatello che hanno accolto in famiglia. E’ felice della sua vita ma a volte rimpiange il passato da soldato e le avventure che viveva, q ...continua

    Anno 1367, Owen Archer, spia al servizio dell’Arcivescovo di York, vive con la moglie Lucie , con la piccola Gwenllian, loro figlia da poco nata, e con Jasper trovatello che hanno accolto in famiglia. E’ felice della sua vita ma a volte rimpiange il passato da soldato e le avventure che viveva, quindi quando l’arcivescovo gli affida una nuova missione, da una parte è infelice di lasciare la famiglia, dall’altra gioisce della possibilità di viaggiare. Ned Townley, amico di Owen viene accusato della morte di un giovane paggio che aveva minacciato di morte. Ned ha un alibi di ferro ma in molti lo credono colpevole per questo il Re decide di mandarlo in missione per allontanarlo dalla corte. Insieme ad Owen devono scortare una delegazione che deve conferire con due abati per convincerli ad appoggiare il re nei suoi contrasti con il Papa. Durante il viaggio un monaco tenta di uccidere Ned e quando questi viene trovato morto le prove conducono tutte a Ned. Tocca a Owen indagare per scoprire la verità su queste, ed altri morti che si susseguono, per poter trovare la verità e scagionare il suo amico. Nuova avventura di Owen, la quarta in ordine cronologico, sempre molto interessanti, la storia dell’Inghilterra si mischia alla vita dei personaggi inventati da Candace Robb.

    ha scritto il 

  • 4

    NEL CASTELLO DI WINDSOR VENGONO COMMESSI DUE DELITTI ALL'APPARENZA LEGATI ALLA GELOSIA DI NED AMICO DI OVEN ARCHER IL QUALE SI DOVRA' DANNARE NON POCO PER RISOLVERE IL DILEMMA GUSTOSO E INTRIGANTE GIALLO AMBIENTATO IN INGHILTERRA ALLA FINE DEL 1300

    ha scritto il 

  • 2

    Benzodiaze-mystery!!!!

    I romanzi di Candace Robb dovrebbero prescriverli come rimedio naturale ai problemi di insonnia. Non ci sono contraddizioni farmacologiche e neppure il rischio di dipendenza cronica.
    A parte gli effetti narcolettici, ritengo che i mystery storici della scrittrice inglese non accontentino ne l'am ...continua

    I romanzi di Candace Robb dovrebbero prescriverli come rimedio naturale ai problemi di insonnia. Non ci sono contraddizioni farmacologiche e neppure il rischio di dipendenza cronica. A parte gli effetti narcolettici, ritengo che i mystery storici della scrittrice inglese non accontentino ne l'amante del giallo, viste le trame risibili e debolucce, ne il lettore affascinato dalle vicende storiche, considerato che le cronache sono descritte in maniera confusa e spesso cervellotica. Mi sembra assurdo che, per cercare di sbrogliare il bandolo della matassa e chiarire i necessari dettagli storici, debba andare a spulciarmi pagine e pagine su wikipedia; credo sia compito dello scrittore accompagnare il lettore nella storia e, soprattutto, nell'epoca. Non si nasce estremi conoscitori dell'Inghilterra del 1300, qualcuno lo dica a Candace Robb. Sulla parte investigativa stendiamo un velo pietoso: robetta davvero di bassa lega. Peccato perchè gli intrighi e le malefatte di corte risulterebbero pure curiose e affascinanti, manca proprio la mano esperta della scrittrice di razza capace di tenere desta l'attenzione del lettore. A chi cerca un bel mystery storico il consiglio è di rivolgere l'attenzione su C.J. Sansom (l'autore di "L'enigma del gallo nero"), che se la mangia a colazione Candace Robb. P.S. particolare curioso: la copia in mio possesso è sprovvista VERGOGNOSAMENTE delle pagine finali; non che tale episodio pregiudichi il mio appetito questa sera, (visto che l'epilogo era già intuibile ampiamente prima), ma considerato gli 8.90 euro confluiti nelle casse della Piemme, mi domando se era più lecito ripiegare sulla camomilla....

    ha scritto il 

  • 4

    4° Indagine con Owen Archer

    Sempre molto belli i romanzi di Candace Robb. E' meglio leggerli secondo l'ordine cronologico, così si apprezza di più la crescita di Owen Archer e di tutti gli altri personaggi che lo circondano. In questo romanzo in particolare ci si sofferma su un ex compagno d'arme di Owen: Ned accusato di un ...continua

    Sempre molto belli i romanzi di Candace Robb. E' meglio leggerli secondo l'ordine cronologico, così si apprezza di più la crescita di Owen Archer e di tutti gli altri personaggi che lo circondano. In questo romanzo in particolare ci si sofferma su un ex compagno d'arme di Owen: Ned accusato di un duplice omicidio. Il thriller si miscela alla storia medievale creando il giusto mix; si scopre qualcosa di più su personaggi "minori" come Magda (la donna del fiume del titolo) e Alice Perrers (l'amante del re).

    ha scritto il