Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La donna della domenica

By Carlo Fruttero,Franco Lucentini

(79)

| Hardcover

Like La donna della domenica ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

A Torino un architetto alquanto losco, che vive di strani affari, viene trovato morto, con la testa sfracellata da un grosso fallo di marmo. Comincia così una delle più famose indagini poliziesche di cui la letteratura italiana abbia narrato, condott Continue

A Torino un architetto alquanto losco, che vive di strani affari, viene trovato morto, con la testa sfracellata da un grosso fallo di marmo. Comincia così una delle più famose indagini poliziesche di cui la letteratura italiana abbia narrato, condotta in modo discreto ma fermo dal commissario Santamaria, poliziotto gentile e compito, ma anche intelligente e determinato, nonché animato da una dolce indignazione etica nei confronti della classe sociale sulla quale è costretto a puntare la sua attenzione di investigatore. È infatti nella Torino-bene che il commissario deve muoversi, aggirandosi fra raffinatezze e snobismi, sarcasmi sublimi e false risate, esibito bon ton e caricata noncuranza, in un gioco di specchi che tenta invano di nascondere il vuoto di vite sostanzialmente sprecate, e che rende oltremodo difficile il compito del piccolo-borghese Santamaria.

Uscito nel 1972, il romanzo può ben essere considerato il capostipite del nuovo "giallo all'italiana", costruito con una rigorosa attenzione all'intreccio, ma anche con una scrittura che sa aprirsi all'ironia e alla denuncia civile, senza mai smarrire la leggerezza dell'ordito e l'alta leggibilità della cifra, in un elegantissimo gioco a rimpiattino fra le consapevolezze degli autori e quelle indotte nei lettori. Anna Carla Dosio, Massimo Campi, Lello Riviera, e su tutti il commissario Santamaria, diventano in tal modo non solo inappuntabili personaggi da alto intrattenimento, ma anche "figure" portatrici di una verità etica che è sotto gli occhi di tutti, e che in loro si essenzializza, fino a farne una costellazione di piacevolissimi emblemi.

351 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Trasferirsi a Torino e non aver letto niente di Fruttero e Lucentini è un peccato dal quale redimersi al più presto. E, come suggerito dagli amici di qui, questo libro in particolare continua a essere una chiave per comprendere meglio la città e i su ...(continue)

    Trasferirsi a Torino e non aver letto niente di Fruttero e Lucentini è un peccato dal quale redimersi al più presto. E, come suggerito dagli amici di qui, questo libro in particolare continua a essere una chiave per comprendere meglio la città e i suoi abitanti, quel particolare amalgama che tiene insieme la 'madama' della collina e il poliziotto terrone, in un reciproco, affettuoso, sospetto. Non solo, quindi, un giallo magistrale, aperto fin quasi all'ultima pagina, ma quasi un trattato di sociologia urbana, nonché un divertito e divertente esercizio di scrittura. Con antecedenti colti, tra l'altro: l'ombra di Ingravallo ha seguito da presso il commissario Santamaria durante la lettura. Come nel Pasticciaccio, seppur con minori ambizioni, gli autori scelgono il delitto per mettere a nudo l'anima della città. E' proprio l'oscurità del crimine che consente di svelare squarci urbani: gli argini sporchi del Po, la verdeggiante collina, le vie dritte e gli appartamenti austeri, l'animazione del Balùn.
    Se è vero che la lettura è per me un meccanismo fondamentale di assimilazione, oggi Torino è un po' più mia.

    Is this helpful?

    Chicca said on Sep 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Delizioso noir subalpino che a me ricorda i primissimi libri della Oggero (probabilmente solo perché ho letto prima quelli).

    Is this helpful?

    madama dorè said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mentre ci penso mi faccio due pop corn.

    Is this helpful?

    (skate) said on May 19, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    3 stelle e 1/2

    Un poliziesco che ha qualche anno e questo forse influenza il giudizio. In effetti é un poco verboso e ridondante soprattutto in relazione alla visita al balun e alle relative indagini. Poi il finale si riscatta anche se, in effetti, poteva essere pr ...(continue)

    Un poliziesco che ha qualche anno e questo forse influenza il giudizio. In effetti é un poco verboso e ridondante soprattutto in relazione alla visita al balun e alle relative indagini. Poi il finale si riscatta anche se, in effetti, poteva essere preceduto da una storia completamente diversa senza risentirne: questo da' l'idea del flebile collegamento tra le vicende.

    Is this helpful?

    Cats said on May 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Piuttosto datato, non mi ha entusiasmato particolarmente.

    Is this helpful?

    Domari said on Apr 29, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Dopo essermi confrontato con un famoso critico di anobii, ho deciso di scrivere questa recensione...
    1 - Ironia: non c'è, in tutto il libro, una singola riga dove non sia profusa a piene mani
    2 - Psicologia: gli autori sono finissimi psicologi, tra l ...(continue)

    Dopo essermi confrontato con un famoso critico di anobii, ho deciso di scrivere questa recensione...
    1 - Ironia: non c'è, in tutto il libro, una singola riga dove non sia profusa a piene mani
    2 - Psicologia: gli autori sono finissimi psicologi, tra l'altro con tutti i loro personaggi, di qualunque estrazione sociale
    3 - Soavità: i duetti fra Santamaria e Anna Carla sono di una soavità oserei dire commovente, quando i due sono in scena il libro si accende di luce propria
    4 - Scrittura: mai banale, ricercata ma accattivante, divertente e fantasiosa, e potrei aggiungere aggettivi ancora a lungo
    5 - E allora chi se ne frega se la trama gialla è piuttosto complicata e se l'assassino/a...(alt, stop, no spoiler)

    Is this helpful?

    carlyle said on Apr 13, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book