La donna della domenica

Voto medio di 2876
| 403 contributi totali di cui 398 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ha scritto il 25/07/17
Data la brevità della vita e la quantità di libri interessanti da leggere, non ero esattamente convinta valesse la pena rileggere questo libro - tutto sommato è solo un giallo, pensavo. Che non mi aveva nemmeno coinvolta più di tanto alla prima ..." Continua...
  • 30 mi piace
  • 10 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 19/07/17
Quarantacinque anni, ma non li dimostra
E’ stato un vero piacere rileggere questo piccolo capolavoro della letteratura italiana a distanza di oltre quarant’anni. Un piacere perché è un libro di una leggerezza quasi sublime nel raccontare le lacerazioni sociali dell’Italia alle ..." Continua...
  • 17 mi piace
  • 8 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 13/07/17
SPOILER ALERT
"L'intelligenza usata solo per ammazzare il tempo è stronzismo"(*)
Cinque anni ci sono voluti a F&L per scrivere questo favoloso romanzo, travestito da giallo (peraltro un ottimo giallo), sulla borghesia torinese degli anni '70.Cinque anni ci sono voluti per fondere due personalità molto differenti per formazione ..." Continua...
  • 36 mi piace
  • 18 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 13/07/17
il fascino discreto (e sabaudo) della borghesia
ma può essere altro che geniale un romanzo ambientato a torino, il cui personaggio più negativo si chiama garrone?cioè. il nome dell'unico piemontese veramente buono che la letteratura ricordi, uno che si prende le colpe degli altri e ne sa pure ..." Continua...
  • 64 mi piace
  • 32 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 16/06/17
UN GIALLO INDIMENTICABILE IL LIBRO...........UN CAPOLAVORO IL FILM
Una storia che racconta in modo meraviglioso una Torino in un afoso agosto degli anni Settanta,descrivendola meglio di molti saggi,"Oh!! Signur! direte voi,se è stato scritto negli anni settanta"! Lo so!,ma qui sono più settanta dei settanta!!! ..." Continua...
  • 15 mi piace
  • 6 commenti
  • Rispondi

Ha scritto il Sep 22, 2013, 12:52
I suoi affanni, le sue oscillazioni private alla ricerca di un savoir vivre d'occasione, cadevano davanti a quel fermo suggerimento, a generazioni e generazioni di donne abituate a esprimere e ricevere condoglianze in un certo modo, a far lucidare ... Continua...
Pag. 329
  • Rispondi
Ha scritto il Sep 22, 2013, 12:50
Les roses de la vie... In casa doveva esserci, un Ronsard. Quando andava all'università, un compagno su tre, appena era solo con lei, le citava quell'invito famoso. Ma nascondevano forse ben altro che mera galanteria, i versi del vecchio poeta. I ... Continua...
Pag. 275
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 18, 2010, 16:32
Avevano le carte. Le guide. I prospetti. Le tabelle. Gli itinerari. I dépliants. No: dovevano passarsi le liste private; le informazioni in esclusiva. Volevano sentirsi pionieri. Cercavano di partire con l'idea che la Costa Brava stesse ancora ... Continua...
Pag. 91
  • Rispondi
Ha scritto il Nov 18, 2010, 16:25
- Se lo sforzo lo fai per non distinguerti dagli altri, non è affettazione.
Pag. 49
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 13, 2010, 08:08
Se uno è portato, diventa cinico anche facendo il salumiere o l'elettrotecnico. No, io sono nato ottimista, trovo sempre il lato buono delle cose.
Pag. 247
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi