Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

La donna di pietra

By Winifred Wolfe

(32)

| Mass Market Paperback | 9788861922655

Like La donna di pietra ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La vita di Lena sembra perfetta, con un matrimonio riuscito, due figli adorabili e una speciale capacità di far bene ogni cosa. Siamo in America, alla fine degli anni Cinquanta, in una quieta cittadina di provincia lontana dalle turbolenze di New Yor Continue

La vita di Lena sembra perfetta, con un matrimonio riuscito, due figli adorabili e una speciale capacità di far bene ogni cosa. Siamo in America, alla fine degli anni Cinquanta, in una quieta cittadina di provincia lontana dalle turbolenze di New York e dalle inquietudini del tempo. Lontana, certo, ma non troppo.
L’estate sta finendo quando nella piccola città arriva John MacCurdy, uno scultore brusco, anticonformista e imprevedibile. Dopo un iniziale senso di avversione nei suoi confronti, Lena inizia a frequentare il suo studio per prendere lezioni di scultura e scopre di avere desideri e aspirazioni segrete, oltre a un grande talento. Con il tempo, sia l’arte che l’uomo prendono sempre più spazio nella vita di Lena, la quale si rende conto di non riuscire più a far convivere il suo mondo ordinato e prevedibile con quello istintivo e ignoto dell’arte. Una scelta sarà necessaria e nessuna direzione è scontata…
Autrice di brillanti libri di successo con al centro sempre protagoniste donne in cerca della propria realizzazione, Winifred Wolfe si cimenta in questo breve e intenso romanzo di formazione al femminile. Con i suoi toni delicati e le tematiche pionieristiche, la storia di Lena diviene la storia di ogni donna che, in ogni epoca storica, si sia chiesta se la vita non fosse altrove.

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Romanzo rosa?

    Che libro! Non è lui ad essere strano, bensì lo è l'impressione che io ho avuto di esso.
    Non è nulla di speciale o di particolare, soltanto un brevissimo romanzo che ho letto sotto l'ombrellone, e lo stile è molto semplice, scorrevole e poco descrit ...(continue)

    Che libro! Non è lui ad essere strano, bensì lo è l'impressione che io ho avuto di esso.
    Non è nulla di speciale o di particolare, soltanto un brevissimo romanzo che ho letto sotto l'ombrellone, e lo stile è molto semplice, scorrevole e poco descrittivo.
    Si legge quindi abbastanza in fretta. Se piace, ovviamente.
    Anche se si lascia leggere, i difetti contenustici che ho rilevato sono non pochi.
    Innanzitutto, mi è impossibile classificare "La donna di pietra" in un determinato genere letterario. Dicono sia un romanzo rosa, ma è qualcosa di molto più complesso e l'accostamento mi sembra piuttosto riduttivo, oserei dire offensivo.
    L'argomento affrontato è la formazione di una donna (attenzione, non una ragazza che cresce, ma una donna vera e propria) che affronta una superba, lenta e difficile battaglia interiore fra doveri, passione, amore e desiderio. Una vera e propria guerra di sentimenti che è sempre un bel contenuto per un buon romanzo. Spetta soltanto all'autore gestirlo, ed è proprio questo il problema qui.
    Winifred Wolfe usa uno stile semplice ma molto scarno, che accenna appena emozioni e sentimenti, e sebbene venga considerato "romanzo rosa", la passione qui presente è pressochè nulla.
    La protagonista viene invece ridotta ad un'anonima figura isterica e paranoica di una puntata di "Desperate Housewife" che irrita non poco, facendo venire voglia di strappare le pagine del libro una dopo l'altra.
    Perchè un argomento così delicato viene affrontato con tutta questa freddezza interiore e isteria da emicrania?
    La quarta di copertina afferma che questo romanzo è una "sophisticated comedy", anche se io non ho visto nulla di "sophisticated", talmente il libro è poco curato, quasi abbandonato a se stesso. Contenti loro...
    Ribadisco che è breve, eppure ci ho impiegato quasi un mese per terminarlo. Tra l'altro è stato scritto negli anni Sessanta e in Italia è uscito pochi mesi fa. Non mi pongo nemmeno il perchè, ma se tutti i "romanzi rosa" di quell'epoca sono così, allora io alzo la bandiera bianca e mi leggo dell'altro.

    Is this helpful?

    Lady Libro said on Oct 25, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Da un scrittrice sofisticata come la Wolfe ci si aspetterebbe ben altro. Totalmente privo di verve. Mancano ironia e arguzia. Ma dov'è il femminismo indicato nelle recensioni? Patetica storia di una ridicola donnicciola che non si de ...(continue)

    Da un scrittrice sofisticata come la Wolfe ci si aspetterebbe ben altro. Totalmente privo di verve. Mancano ironia e arguzia. Ma dov'è il femminismo indicato nelle recensioni? Patetica storia di una ridicola donnicciola che non si decide a crescere e della sua attrazione verso un autentico imbecille. Alla fine il più simpatico risulta proprio il marito. Caldamente sconsigliato.

    Is this helpful?

    Baldo Giaco said on Sep 19, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    http://www.readingattiffanys.com/2012/07/recensione-la-… Lena ha una vita davvero perfetta: ha due bellissimi bambini, un marito premuroso di cui è perdutamente innamorata e una casa con la staccionata bianca. Durante un forte tem ...(continue)

    http://www.readingattiffanys.com/2012/07/recensione-la-…

    Lena ha una vita davvero perfetta: ha due bellissimi bambini, un marito premuroso di cui è perdutamente innamorata e una casa con la staccionata bianca. Durante un forte temporale in casa sua entra uno sconosciuto burbero e scontroso di nome John McCuddy in cerca di riparto, da quel momento la vita di Lena cambierà radicalmente. Grazie a John la protagonista scoprirà la passione dell'arte e il piacere di creare sculture: sotto la facciata di soddisfazione familiare Lena scopre di non essere mai stata realmente appagata. "La donna di pietra" racconta la scoperta della ricerca di felicità da parte di una donna al di fuori della cerchia familiare negli anni '50. Un libro precursore dei tempi che racconta attraverso una trama romantica ma non troppo, come le donne di tutte le età possano essere sì appagate dalla famiglia e dagli affetti ma abbiano anche bisogno di una realizzazione personale per sentirsi completa. C'è qualcosa di male ad avere un hobby? Questa è una delle tante domande che la protagonista, nel bel mezzo di una crisi esistenziale, si pone. Lena è una donna a metà: è felice in apparenza ma mai realmente appagata, ama l'arte e la scultura ma i suoi figli vengono prima di qualsiasi altra cosa. Per una madre è sempre difficile scegliere se stessa a discapito di qualche ora dedicata all'educazione dei bambini, ma è davvero giusto imporsi troppe restrizioni? In poco meno di duecento pagine la Wolfe analizza tutto questo ponendo l'attenzione sui valori della famiglia e della libertà. I protagonisti acquistano spessore attraverso la narrazione e soprattutto Lena diventa una vera donna e non lo stereotipo della casalinga degli anni '50. Per chi ha già letto altri romanzi dell'autrice, questo libro potrà sembrare sottotono in quanto manca la frizzantezza e l'ironia con cui di solito l'autrice affronta i temi narrati, ma in questo romanzo l'ironia avrebbe reso la trama una ridicolizzazione dell'argomento. Ho trovato una Winifred Wolfe più matura e più coinvolta, a parer mio vale davvero la pena leggere questo romanzo e riflettere insieme alla protagonista in quanto il tema non è per niente fuori moda.

    Is this helpful?

    Biri said on Jul 1, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    ma cara W.W., sei proprio la stessa di "Tutte le ragazze lo sanno"?
    Però il disegno di copertina è bellissimo.

    Is this helpful?

    Maria Clara said on May 13, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pesante pesante pesante.

    Is this helpful?

    missf. said on Apr 17, 2012 | 1 feedback

  • 4 people find this helpful

    Quando la Elliot ha pubblicato i primi due romanzi di Winifred Wolfe io non solo non conoscevo l'autrice, ma non avevo mai sentito parlare di lei. Dei completi sconosciuti, lei e i suoi romanzi. Questo però non mi ha impedito, ovviamente, di esserne ...(continue)

    Quando la Elliot ha pubblicato i primi due romanzi di Winifred Wolfe io non solo non conoscevo l'autrice, ma non avevo mai sentito parlare di lei. Dei completi sconosciuti, lei e i suoi romanzi. Questo però non mi ha impedito, ovviamente, di esserne attratta prima ancora di leggerli e di esserne conquistata subito dopo. Nel mentre, intanto, mi ero resa conto che in realtà io quelle storie le conoscevo, avendole già viste in tv. Da completa sconosciuta la Wolfe era passata a "conoscente per caso"...
    Essendo stata colpita dal suo stile ironico, pungente, e sempre divertente, mi sono convinta che avrei voluto leggere tutto ciò che questa scrittrice aveva pubblicato in passato, sperando che venisse prima o poi tradotto anche in Italia.
    La notizia della pubblicazione de La donna di pietra perciò mi ha entusiasmata e resa immediatamente felice.
    Ho voluto questo romanzo senza sapere assolutamente di cosa o di chi parlasse: la Wolfe bastava a garantirmi la sua godibilità.
    Fin qui il (lungo) antefatto.
    Mi ritrovo quindi con La donna di pietra tra le mani, un volume piccolino, meno di 200 pagine (cosa che mi ha rattristata all'inizio: speravo di restare in sua compagnia per molto più tempo) con una cover molto simile nello stile a quella dei romanzi precedenti. Sprofondo in poltrona, mi metto comodissima, chiudo tutti i sensi verso l'esterno per concentrarli esclusivamente su quelle pagine e procedo.
    Il primo stop del mio cervello arriva dopo poco.
    Mi fermo per pormi qualche domanda: quando entra in scena l'ironia? Quand'è che ci si diverte? Proseguo nella lettura, e dopo altre pagine sono costretta ad un secondo, terribile, stop.
    C'è un'orribile domanda che attraversa la mia mente, una domanda che speravo di non dovermi mai porre: siamo sicuri che questo romanzo l'abbia scritto proprio la Wolfe???
    A quel punto il danno è fatto: la magia si è spezzata prima che ne venissi conquistata.

    Il romanzo ha un tono diverso, manca di leggerezza, non ha ironia, è fin troppo serio.
    Perché?
    Racconta di Lena, una donna casalinga, moglie e madre di due bambini. Quando in città arriva un burbero scultore, poco socievole e poco incline alla vita del paese, Lena ne sarà attratta. Non semplicemente in quanto uomo, ma da ciò che lui rappresenta: l'arte, la libertà, la passione, l'indipendenza. Il poter fare e essere ciò che si vuole in ogni momento, senza avere una casa o una famiglia a cui dover dare conto ad ogni istante. La donna si troverà a dover lottare tra due diverse scelte: da una parte la famiglia, e quindi l'amore il calore la sicurezza la gioia, e dall'altra la libertà, e quindi la passione la solitudine l'assenza di stabilità.
    Ci si ritrova a leggere di Lena con un pizzico di ansia e di dispiacere per la vita della donna che sembra non poter avere tutto ciò che desidera, essendo costretta ad una scelta che comporterà in ogni caso delle grandi rinunce.
    Ci si appassiona alla storia di quella donna come alla storia di tutte le donne che, soprattutto in passato ma ancora oggi, lottano per il loro posto nel mondo, un posto che non necessariamente deve attenersi a determinati stereotipi ma che può e vuole tranquillamente uscire fuori dagli schemi.
    Ci si preoccupa per il destino di una donna che sarà additata e giudicata se il suo percorso uscirà fuori da quello tracciato per lei da tutte le donne che l'hanno preceduta.
    Alla fine ci si troverà ad approvare la decisione finale, che non sarà una semplice scelta di comodo ma la più coraggiosa e dettata dall'amore.
    Per poter apprezzare il romanzo ho dovuto fingere che non l'avesse scritto la Wolfe, perché da lei mi aspettavo ben altro. Mi aspettavo la stessa storia ma raccontata in maniera frizzante, con stile.
    Alla fine della lettura ho provato a trovare risposta alle mie domande nel web, cercando quale diffusione il romanzo ebbe in patria. Mi sono imbattuta in un romanzo con la stessa trama ma con un titolo diverso, Josie's Way: A novel, e con i protagonisti dai nomi diversi. Grazie all'aiuto della traduttrice italiana (Veronica La Peccerella) ho scoperto che di questo romanzo ci sono state due stesure: una negli anni '50, più delicata, The woman in the Stone, e una pubblicata nell'ottantuno, anno della morte della scrittrice, più forte e esplicita, Josie's Way, per l'appunto.
    La necessità di riscrivere il romanzo a distanza di anni, cambiando titolo e personaggi mi fa pensare che forse neanche l'autrice fosse così soddisfatta della sua opera. Mi fa immaginare che forse la Wolfe lo trovasse mancante di qualcosa, avesse bisogno di migliorarlo. Chissà. Forse neanche lei vi si riconosceva completamente...
    Sono mie supposizioni, tentativi di dare una spiegazione a queste letture così diverse.
    Una cosa è certa: dopo aver letto La donna di pietra sono ancora più decisa a voler scoprire tutto di questa autrice.

    http://cuoredinchiostro.blogspot.com/2012/03/recensione…

    Is this helpful?

    Girasonia76 - Solo Cartacei said on Apr 3, 2012 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (32)
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Mass Market Paperback 288 Pages
  • ISBN-10: 8861922651
  • ISBN-13: 9788861922655
  • Publisher: Elliot Edizioni
  • Publish date: 2012-02-22
Improve_data of this book

Groups with this in collection

Margin notes of this book