La donna in bianco

Di

Editore: Fazi

4.1
(1092)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 688 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Spagnolo , Catalano , Chi semplificata , Portoghese , Olandese

Isbn-10: 8881129914 | Isbn-13: 9788881129911 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Stefano Tummolini ; Postfazione: Paolo Ruffilli

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Altri , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Rosa

Ti piace La donna in bianco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quale terribile segreto nasconde la misteriosa figura femminile che si aggira per le buie strade di Londra? Questo è solo il primo di una serie di intrighi, apparizioni e sparizioni, delitti e scambi di identità che compongono la trama de "La donna in bianco". Nel 1860 Charles Dickens pubblicò il romanzo a puntate sulla sua rivista "All the Year Round", suscitando uno straordinario interesse nel pubblico che seguì per un intero anno le vicende della sventurata Anne Catherick e quelle degli altri personaggi, descritti con impareggiabile abilità psicologica, come l'impavida Marian Halcombe, il coraggioso Walter Hartright e l'affascinante quanto ambiguo conte Fosco. È passato un secolo e mezzo e le cose non sono cambiate. Anche il lettore moderno più smaliziato non può che rimanere piacevolmente intrappolato negli ingranaggi di questo romanzo che ha segnato per sempre la tradizione del mistery, facendo guadagnare al suo autore l'attributo di "padre del poliziesco moderno".
Ordina per
  • 3

    «È possibile che in un romanzo si riesca a descrivere bene i personaggi senza raccontare una storia, ma non è possibile raccontar bene una storia senza descrivere dei personaggi.»
    — Wilkie Collins

    Pub ...continua

    «È possibile che in un romanzo si riesca a descrivere bene i personaggi senza raccontare una storia, ma non è possibile raccontar bene una storia senza descrivere dei personaggi.»
    — Wilkie Collins

    Pubblicato a puntate secondo la migliore tradizione dei feuilletton tra il 1859 e il 1860 sulla rivista dell'amico Charles Dickens «All the Year Round», "The Woman in White" è un romanzo dello scrittore inglese Wilkie Collins appartenente al celebre genere dei Sensation Novel.
    Erroneamente definito "romanzo epistolare", il componimento narrativo è diviso in tre parti, ognuna delle quali arricchita dalle testimonianze dei vari protagonisti della storia.
    Solo della bella ereditiera Laura e del baronetto Sir Percival non esistono resoconti, quasi l'autore volesse celare nell'ombra i due.
    Incentrato sulla somiglianza della misteriosa Donna in Bianco con l'affascinante e delicata Miss Fairlie, l'uscita dell'opera registrò un successo clamoroso.
    Fu definito dallo scrittore T.S.Eliot come «il più bello dei romanzi polizieschi moderni. » e l'entusiasmo crebbe cosi vorticosamente addirittura da influenzarne gli usi e costumi dell'epoca (vennero venduti decine di capi di abbigliamento e profumi recanti la scritta Woman in White).
    Un po' come succede oggigiorno con le grandi dive del cinema.
    Non solo la trama, ma la genesi stessa del libro racchiude in sé molto di misterioso.
    In una sera d'estate del 1850, Wilkie Collins sta passeggiando per le vie di Regent's Park in compagnia del fratello Charles e del pittore John Everett Millais.
    All'improvviso sentono delle urla di una donna provenire nei pressi del giardino: «una giovane e bella donna vestita di un fluente abito bianco che brillava alla luce della luna».
    Kate Dickens, figlia del famoso scrittore e allora moglie di Charles Collins, rivela l'identità dell'ignota dama: si tratta di Caroline Graves (quest'ultima diverrà poi la compagna dello stesso Wilkie Collins).
    Ovviamente un resoconto decisamente forzato, ma che contribuì al successo dell'opera.
    La geniale caratterizzazione dei personaggi è nota più godibile del romanzo, che ahimè soffre di un ritmo troppo lento, di avventure troppo rocambolesche e a tratti confusionarie.
    L'affascinante figura dello scaltro Conte Fosco, l'italiano dipinto non più come fanfarone e attaccabrighe ma come intelligente e arguto e la figura femminile positiva dell'indomita Marian sono personaggi che difficilmente si possono dimenticare.
    Quest'ultima con l'ardore del suo carattere si differenzia totalmente dalla figura della classica donna Vittoriana e ne denuncia il triste ruolo che quest'ultima viene relegata:

    «Si trova nella stessa posizione in cui si trovano migliaia di persone che accettano di sposare un uomo per imparare ad amarlo dopo il matrimonio (se pur invece non imparano ad odiarlo!)»

    Se avesse avuto Marian Halcombe il ruolo della protagonista invece che la patetica Laura Fairlie, il romanzo avrebbe acquistato maggiore spessore e profondità.
    Eppure sarà della triste e malinconica Anne Catherick - la donna in bianco- che il lettore sentirà più la mancanza.
    Il suo misterioso aleggiare si concluderà al nostro girare dell'ultima pagina.

    ha scritto il 

  • 4

    La donna in bianco
    Di Collins

    "Questa storia, perciò verrà scritta a più mani, come la storia di un crimine contro la legge viene raccontata in tribunale, da più testimoni..."

    Questo romanzo, mi ha ac ...continua

    La donna in bianco
    Di Collins

    "Questa storia, perciò verrà scritta a più mani, come la storia di un crimine contro la legge viene raccontata in tribunale, da più testimoni..."

    Questo romanzo, mi ha accompagnato e fatto compagnia, durante il giorno e durante la notte, è stato un ottimo compagno.
    Ero intimorita dalla sua mole, 700 pagine non sono poche...
    Invece apparte l'inizio lento è volato.
    Ambientato a Londra, gli intrighi e i colpi di scena, tengono il lettore incollato alle pagine.
    Gli occhi scorrevano tra le righe, alla ricerca della soluzione.
    Mi è piaciuto molto, ho intenzione di leggere, sempre suo, armadable e pietra di luna.
    Voto 8/10 consigliato

    ha scritto il 

  • 5

    Anagraficamente sono più dell'Ottocento che del Duemila.

    Anche per questo ho apprezzato tanto questo libro. Mi sono rivisto nei mie sedici anni, quando divoravo David Copperfield, Il Conte di Montecristo, I Miserabili , etc....
    Lo stile letterario è ridond ...continua

    Anche per questo ho apprezzato tanto questo libro. Mi sono rivisto nei mie sedici anni, quando divoravo David Copperfield, Il Conte di Montecristo, I Miserabili , etc....
    Lo stile letterario è ridondante e tornito, ma si confà allo stile ed al ritmo di vita dell'epoca (niente auto, telefono, cellulare, ... gabinetto! ) .
    C'è romanticismo, complotto e pure il nostro eroe.
    Che vogliamo di più?

    ha scritto il 

  • 4

    Una fragile fanciulla e un giovanotto risoluto, una sorella coraggiosa, una donna misteriosa, un baronetto con uno scheletro nell'armadio e un conte perfido e affascinante, sono i protagonisti di ques ...continua

    Una fragile fanciulla e un giovanotto risoluto, una sorella coraggiosa, una donna misteriosa, un baronetto con uno scheletro nell'armadio e un conte perfido e affascinante, sono i protagonisti di questo bellissimo romanzo. È un susseguirsi di avvenimenti e colpi di scena che rendono difficile staccarsi dalla lettura, consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 5

    Recensione
    Bellissimo romanzo, scrittura magistrale che tiene incollati al libro. Premetto che ho un debole per la narrativa inglese dell'800.
    L'abilita' della scrittura, la minuziosa descrizione dei ...continua

    Recensione
    Bellissimo romanzo, scrittura magistrale che tiene incollati al libro. Premetto che ho un debole per la narrativa inglese dell'800.
    L'abilita' della scrittura, la minuziosa descrizione dei personaggi e il mistero celato nella narrazione rende difficoltoso staccarsi dal libro.
    Ogni personaggio per la propria caratteristica entra nel cuore o nell'odio del lettore..
    Un giallo pieno di emozioni e sentimento che consiglio assolutamente!

    ha scritto il 

  • 5

    Che dire? Ci sono già tante recensioni e commenti, per questo capostipite, anzi, per questo grande classico. Se Collins non fosse stato contemporaneo (oltre che grande amico) di Dickens, che con la s ...continua

    Che dire? Ci sono già tante recensioni e commenti, per questo capostipite, anzi, per questo grande classico. Se Collins non fosse stato contemporaneo (oltre che grande amico) di Dickens, che con la sua immensità ha oscurato tutto e tutti, sarebbe considerato uno dei massimi esponenti della letteratura vittoriana. Me lo sono goduto assai

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo che ha davvero tutti gli elementi per irretire il lettore, ed è scritto benissimo, anche per il lettore di oggi. Le stelle sono 4 e non 5 perchè, se all'inizio sguazzavo piacevolmente nelle ...continua

    Un romanzo che ha davvero tutti gli elementi per irretire il lettore, ed è scritto benissimo, anche per il lettore di oggi. Le stelle sono 4 e non 5 perchè, se all'inizio sguazzavo piacevolmente nelle sue lungaggini (l'autore è verbosissimo) giudicandole un pregio anzichè un difetto visto che la storia è bellissima, verso la fine ho cominciato ad accusare un pò di stanchezza e a desiderare che l'autore non la facesse poi così lunga, dopotutto. Sono pur sempre 745 pagine..

    ha scritto il 

Ordina per