Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La donna in bianco

Di

Editore: Fazi

4.2
(893)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 688 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Spagnolo , Catalano , Chi semplificata , Portoghese

Isbn-10: 8881129914 | Isbn-13: 9788881129911 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Stefano Tummolini ; Postfazione: Paolo Ruffilli

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Romance

Ti piace La donna in bianco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quale terribile segreto nasconde la misteriosa figura femminile che si aggira per le buie strade di Londra? Questo è solo il primo di una serie di intrighi, apparizioni e sparizioni, delitti e scambi di identità che compongono la trama de "La donna in bianco". Nel 1860 Charles Dickens pubblicò il romanzo a puntate sulla sua rivista "All the Year Round", suscitando uno straordinario interesse nel pubblico che seguì per un intero anno le vicende della sventurata Anne Catherick e quelle degli altri personaggi, descritti con impareggiabile abilità psicologica, come l'impavida Marian Halcombe, il coraggioso Walter Hartright e l'affascinante quanto ambiguo conte Fosco. È passato un secolo e mezzo e le cose non sono cambiate. Anche il lettore moderno più smaliziato non può che rimanere piacevolmente intrappolato negli ingranaggi di questo romanzo che ha segnato per sempre la tradizione del mistery, facendo guadagnare al suo autore l'attributo di "padre del poliziesco moderno".
Ordina per
  • 0

    Giallo superbo

    Grande scoperta Collins, un romanzo lungo ma godibilissimo. Con continui colpi di scena e interessanti questioni giuridiche indispensabili al racconto. Questioni di interesse animano ignobili quanto all'apparenza rispettabili personaggi che cercano di annientare le povere ma solide vittime. Consi ...continua

    Grande scoperta Collins, un romanzo lungo ma godibilissimo. Con continui colpi di scena e interessanti questioni giuridiche indispensabili al racconto. Questioni di interesse animano ignobili quanto all'apparenza rispettabili personaggi che cercano di annientare le povere ma solide vittime. Consigliatissimo

    ha scritto il 

  • 5

    Ho dovuto leggere questo romanzo per un esame (abbastanza impegnativo, vorrei aggiungere) all'università e sono rimasta piacevolmente colpita ed estremamente soddisfatta. Ho dato cinque stelle perché è stata davvero una lettura appassionante ed è stato proprio una rivelazione.
    Rivelando la ...continua

    Ho dovuto leggere questo romanzo per un esame (abbastanza impegnativo, vorrei aggiungere) all'università e sono rimasta piacevolmente colpita ed estremamente soddisfatta. Ho dato cinque stelle perché è stata davvero una lettura appassionante ed è stato proprio una rivelazione.
    Rivelando la mia ignoranza, devo ammettere che non avevo mai sentito parlare di Wilkie Collins né de La donna in bianco e sono felicissima di aver avuto la possibilità di scoprire quest'autore e quest'opera, anche perché amo alla follia i romanzi ambientati in quest'epoca (aka Vittorianesimo).

    Ci sarebbe così tanto da dire che, sinceramente, non trovo neanche le parole. Ho amato il buon cuore e il coraggio di Walter, la risolutezza e la sagacia di Marian (mio personaggio preferito, tra l'altro), ho odiato il conte Fosco e sir Percival e non so nemmeno io quanto ho adorato la fine che hanno fatto (un po' crudele da parte mia, forse).

    Ho dato cinque stelle perché è un romanzo che ti tiene incollata, pagina dopo pagina e ti fa credere una cosa invece di un'altra, un romanzo che ti fa chiedere: 'E adesso?' mentre leggi frase dopo frase, pagina dopo pagina.
    La detective story, o per meglio dire il poliziesco, non è proprio il mio genere ma questo romanzo mi ha fatto sperare che forse potrebbe esserlo e mi ha fatto venir voglia di leggere qualcos'altro dello stesso autore/genere.
    Grazie, Wilkie Collins.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho sperato fino alla fine in un matrimonio fra Walter Hartright e Marian! E invece niente..
    Troppo ripetitivo, spesso la narrazione si dilunga senza motivo.
    Marian Halcombe è assolutamente il personaggio più riuscito - e moderno. Mi è piaciuta da subito la sua concretezza.

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelle e mezza

    Il libro pecca di un inizio lento e molto ottocentesco, purtroppo lo stile vetusto ci accompagna per tutte le 700 e passa pagine, anche se alla fine finisce per intrigarti

    7/10

    ha scritto il 

  • 5

    Vera suspence in questa prima narrazione fatta da parte dell' insegnante di disegno! Un plauso particolare a Mariam, donna fortissima e stepitosa, nonché molto intelligente!

    ha scritto il 

  • 5

    Che bello questo libro!
    Ammetto che le prime pagine non mi stavano entusiasmando, e per la primissima parte ho proseguito un po' a rilento. Poi, boom: non sono più riuscita a staccarmi, e in pochi giorni mi sono bevuta tutto il resto del romanzo per vedere come andava a finire! Mi ha presa ...continua

    Che bello questo libro!
    Ammetto che le prime pagine non mi stavano entusiasmando, e per la primissima parte ho proseguito un po' a rilento. Poi, boom: non sono più riuscita a staccarmi, e in pochi giorni mi sono bevuta tutto il resto del romanzo per vedere come andava a finire! Mi ha presa veramente tantissimo, ed era da un po' che non mi succedeva (o almeno, non a questi livelli). Oltre alla storia, meravigliosamente intricata (e i cui dettagli, anche apparentemente insignificanti, non sono mai messi lì a casaccio), il pezzo forte sono i personaggi: tutti, dai protagonisti alle "comparse", sono talmente ben delineati da sembrare reali. Marian, che illumina le pagine con la sua personalità fortissima, la sua generosità e l'amore incontaminato per sua sorella, è la mia preferita. Laura all'inizio mi sembrava un po' troppo innocente e perfettina per essere di mio gradimento, ma poi si è rivelata una donna onesta e altrettanto forte, a modo suo. E' fantastico il rapporto tra queste due sorelle, mi ha ricordato molto quello tra Jane e Lizzie.
    E' una di quelle storie che, una volta finite, continuano a popolare per altri giorni la tua testa con i loro personaggi...Marian, Laura, Walter, Pesca, e perfino il Conte, mi mancheranno!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    L'ho letto spinta dal fatto che il primo ebook della serie (sono in tutto sei) fosse gratuito e poi ho acquistato gli altri (al prezzo di 1.99 ciascuno). Non conoscevo l'autore, che, ho scoperto, è considerato il padre del genere poliziesco.
    La storia è il racconto - da parte di diversi tes ...continua

    L'ho letto spinta dal fatto che il primo ebook della serie (sono in tutto sei) fosse gratuito e poi ho acquistato gli altri (al prezzo di 1.99 ciascuno). Non conoscevo l'autore, che, ho scoperto, è considerato il padre del genere poliziesco.
    La storia è il racconto - da parte di diversi testimoni - di un accadimento alquanto particolare e terribile, ambientato nell'Inghilterra dell'Ottocento.
    Il racconto ha come protagonisti assoluti le due sorelle Marian e Laura e il loro amico Walter, cui si unisce la donna in bianco, una figura misteriosa che nasconde un segreto e altri personaggi meschini, tra cui spiccano il Conte Fosco e Sir Percival Glyde.
    Ho trovato un bellissimo personaggio nel Conte Fosco, non per le sue qualità, ovviamente, ma per come è descritto, in particolare dalla penna dell'attenta Marian, e ben caratterizzato.
    Mi è piaciuto davvero molto, tanto che ho deciso di leggere gli altri libri di questo autore.

    ha scritto il 

  • 3

    Cuanto honor había!

    Historia "simple", pero densamente narrada y muy alargado.

    Todo escrito de distintos puntos de vistas. Lo que no me ha gustado nada, es el honor y la sinceridad tal que había antes, eso facilita el desarrolo de una historia escrita con gran mestría y distintas voces marcadas.

    ha scritto il 

  • 2

    700 pagine di un giallo di uno scrittore vittoriano cosa significano? Intrighi, macchinazioni, morti veri, morti apparenti, scomparse e ricomparse, è lei? no, non è lei! ma non era morta? Sarà anche considerato il padre del poliziesco moderno, ma a me è parso solo inutilmente complicato

    ha scritto il 

  • 4

    Gran Conde Fosco!

    Ha resultado una lectura entretenida en todo momento y cabe destacar dos personajes realmente memorables: el conde Fosco y la señorita Halcombe (lamentablemente un poco desperdiciada).

    ha scritto il 

Ordina per