La donna in gabbia

Di

Editore: Marsilio

3.9
(454)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 359 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Olandese , Danese , Inglese , Francese , Spagnolo , Norvegese

Isbn-10: 8831732722 | Isbn-13: 9788831732727 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Valeria D'Avino

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace La donna in gabbia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La voce distorta proviene da un altoparlante piazzato da qualche parte nel buio: "Buon compleanno, Merete. Oggi sono centoventisei giorni che sei qui, e questo è il nostro regalo per te. Lasceremo la luce accesa per un anno, a meno che tu non sia capace di rispondere a una domanda. Perché ti abbiamo rinchiusa?" Merete Lynggaard, giovane parlamentare danese di successo, è a bordo di un traghetto il giorno in cui scompare senza lasciare tracce. I media si lanciano avidamente sulla storia e le ipotesi si avvicendano nei titoli: dal suicidio all'omicidio, dal tragico incidente al rapimento, fino alla sparizione volontaria. La polizia mette in campo tutte le forze, ma senza risultato: la donna sembra inghiottita dalla terra. Merete però non è morta. Chi la tiene segregata in modo tanto disumano in una prigione di cemento? E perché? Cinque anni dopo, Cari Morck, poliziotto svogliato e burbero, una spina nel fianco per tutti i colleghi, decide di riaprire le indagini con la sua Sezione Q, il nuovo reparto speciale per i casi irrisolti. Procedendo a ritroso nel tempo fra trame politiche e drammi familiari, Morck e il suo misterioso assistente siriano Assad si lanciano in una battaglia contro il disegno delirante di un criminale folle.
Ordina per
  • 4

    Avevo già letto "cella 64", e con questo ho fatto un passo indietro scoprendo l'inizio del rapporto tra Carl e Assad e la creazione della "sezione Q". Buon giallo, e al solito molte critiche alla soci ...continua

    Avevo già letto "cella 64", e con questo ho fatto un passo indietro scoprendo l'inizio del rapporto tra Carl e Assad e la creazione della "sezione Q". Buon giallo, e al solito molte critiche alla società e ai politici scandinavi, nel caso specifico danesi, con cui noi molto probabilmnete faremmo volentieri cambio.

    ha scritto il 

  • 4

    Gran poliziesco. Buon giallo. Detective depresso. Scudiero spassoso.

    Come molti amici aNobiani hanno rilevato, il mistero per il lettore dura molto meno che per il poliziotto. Ma il lettore ha molte più informazioni. Questa è una caratteristica di molti gialli, che io ...continua

    Come molti amici aNobiani hanno rilevato, il mistero per il lettore dura molto meno che per il poliziotto. Ma il lettore ha molte più informazioni. Questa è una caratteristica di molti gialli, che io non gradisco.
    Viva Agatha Christie.

    ha scritto il 

  • 3

    Un famoso personaggio politico di spicco viene sequestrata e tenuta prigioniera per anni creduta morta da tutti. Ma un ispettore, a capo di una nuova sezione della polizia svedese, aiutato dall'uomo d ...continua

    Un famoso personaggio politico di spicco viene sequestrata e tenuta prigioniera per anni creduta morta da tutti. Ma un ispettore, a capo di una nuova sezione della polizia svedese, aiutato dall'uomo dell pulizie promosso sul campo suo aiutante, risolverà il mistero fatto di vendette e rancori. Bello e un finale che esprime molto bene le ultime emozionanti fasi della storia.

    ha scritto il