Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

La fabbrica degli ignoranti

La disfatta della scuola italiana

Di

Editore: Rizzoli

3.6
(125)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 305 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817024864 | Isbn-13: 9788817024860 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Education & Teaching

Ti piace La fabbrica degli ignoranti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nella classifica Ocse dei paesi più istruiti l'Italia è al 28° posto su 30. Fondi perduti e graduatorie infinite, professori senza cattedra e cattedre senza professori: i mille acciacchi di una pubblica istruzione in via di distruzione.
Solo la scuola può curare l'Italia incompetente e paralizzata. Ma prima deve curare se stessa.
Ordina per
  • 3

    Il tema trattato, secondo me, è sempre molto interessante.
    Avendo fatto da poco l'Università, concordo con la tesi per cui chi è laureato non è necessariamente colto.
    Trovo sempre molto fastidioso il comportamento di chi si laurea per dire che ha ottenuto "il pezzo di carta" invece magari di di ...continua

    Il tema trattato, secondo me, è sempre molto interessante. Avendo fatto da poco l'Università, concordo con la tesi per cui chi è laureato non è necessariamente colto. Trovo sempre molto fastidioso il comportamento di chi si laurea per dire che ha ottenuto "il pezzo di carta" invece magari di dire che ha studiato per acquisire delle conoscenze, competenze ma anche per aprire la propria mente e poter allargare la propria comprensione delle cose. Confermo anche che molti studenti universitari(non tutti per fortuna) che poi riescono a laurearsi nei tempi provengono da famiglie di laureati. Davvero incredibile l'odissea da precari a vita dei prof fra punteggi, supplenze, concorsi ecc. Poco convincenti le tre proposte di Floris a fine libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Floris è vissuto a lungo in un paese anglo-sassone, e si vede. Non a caso il suo occhio acuto sulla scuola viene affrontato da una prospettiva laica e liberal; per esempio: coraggio di entrare nel merito, importanza della condotta, dell'eccellenza, di un sistema di selezione efficiente; interroga ...continua

    Floris è vissuto a lungo in un paese anglo-sassone, e si vede. Non a caso il suo occhio acuto sulla scuola viene affrontato da una prospettiva laica e liberal; per esempio: coraggio di entrare nel merito, importanza della condotta, dell'eccellenza, di un sistema di selezione efficiente; interrogativi, pesanti, sul valore legale del diploma (universitario)Nel modo in cui affronta la questione con una serie di analisi spietate e di soluzioni pragmatiche che - se non tutte direttamente condivisibili (la questione della valutazione degli insegnanti, per esempio, parte bene, con l'idea finalmente di entrare nel merito di questo corpo vivo e malato, ma poi si arena) - hanno comunque il merito di unire passione per l'educazione pubblica a una capacità di guardare in maniera non scontata i vari lati del problema. Colpisce, tra tutte, la consapevolezza di chi si rende conto che la scuola, luogo socratico per eccellenza, vive della relazione unica e irripetibile di una serie di individui (insegnanti e alunni) che fanno gruppo. E proprio per questo non può essere trattata come corpo olistico nel modo così goffamente cialtronesco (teso soprattutto a far sopravvivere chiunque) di questa nostra Italia. Si era prima della riforma Gelmini, nel 2008, e già si era (e da parecchio) a questo punto. Figuriamoci ora.

    ha scritto il 

  • 3

    300 pagine invece di 50

    Forse e' esagerato definire questo libro un saggio: i temi trattati si rifanno a dati statistici e i commenti che ci riserva Floris non sono troppo distanti da quelli che ognuno di noi fa ogni giorno quando si parla di scuola, di genitori, di figli, di professori.


    Tre notazioni negative:
    [ ...continua

    Forse e' esagerato definire questo libro un saggio: i temi trattati si rifanno a dati statistici e i commenti che ci riserva Floris non sono troppo distanti da quelli che ognuno di noi fa ogni giorno quando si parla di scuola, di genitori, di figli, di professori.

    Tre notazioni negative: [1] Troppi numeri nel testo, troppi richiami a dati statistici; sarebbero bastati meno numeri e piu' riferimenti alle appendici che comunque contengono documenti interessanti;

    [2] In alcuni casi il pensiero risulta espresso in modo prolisso: basterebbero molte meno parole e il messaggio sarebbe chiaro lo stesso: a proposito di scuola: vi ricordate quando si cercava di fare la quarta facciata del foglio protocollo credendo che con il tema lungo si sarebbe preso un voto piu' alto?

    [3] Le sezioni finali: gli strafalcioni degli altri e le lettere famose (Toto' e Peppino e Troisi/Benigni in Non ci resta che Piangere sono davvero utili? Sono una forzatura per dimostrare che c'e' chi sta peggio di noi? Floris dice che non e' questo lo scopo: dagli errori altrui si puo' imparare. La cosa non mi convince!

    Una notazione positiva: alla fine Floris da' al libro il carattere del saggio proponendo la sua ricetta: scelta ai genitori delle sezioni per i propri figli; ripristino del voto in condotta e carta Atena per aggiornamento culturale (teatro, cinema, etc...) ai docenti.

    Qualche appunto che ritengo interessante preso durante la lettura in alcuni passi:

    [a] Tullio De Mauro, a proposito della pessima qualita' degli insegnanti: prima la scuola era per una élite, poi e' diventata di massa e queste sono le conseguenze. Mi chiedo: ma allora che fine ha fatto il messaggio di Don Milani nella sua Lettera alla Professoressa [ http://www.anobii.com/books/Lettera_a_una_professoressa/01882a8d35905d018e/ ] ? Qualcosa mi sfugge perche' non posso credere che De Mauro pensi ad una scuola classista...

    [b] Luigi Pellicani: "un uovo deposto dalla gallina e' natura, cotto in padella e' cultura". E poi Floris, nel capitolo che spiega cosa sia la cultura, dice: "una persona colta non e' una persona che sa tutto, ma e' una persona che sa alcune cose e ha la capacita' di godere di altre."

    [c] "Su 1000 bambini che si iscrivono alla prima elementare, solo 171 diventano dottori." Le stime sono degli anni duemila; e, rispetto a quello che denunciava Don Milani, a distanza di quasi cinquanta anni, quanto su 1000 bambini erano 100 a laurearsi, la situazione evidentemente non e' migliorata di molto.

    [d] Le parole di un signore anziano: "prima mio padre si vergognava a parlare davanti a me perche' parlava peggio di me. Adesso quando sento parlare mio figlio mi vergogno per lui perche' e' lui a non saper parlare. I miei genitori avevano fatto tanti sacrifici per farmi fare un passo avanti; mio figlio, il loro nipote, rischia di riportarci tutti alla casella di partenza". E' ovvio che qui ci si chiede quali siano le responsabilita'. Se si vede quanto segnalato al punto [a] si direbbe che la responsabilita' e' degli insegnanti. Ma e' davvero cosi'?

    [e] Rispetto all'epoca di Don Milani, pero', sembra non essere cambiata una cosa: e' vero - come osserva De Mauro - che l'accesso e' per tutti ma, quanto a risultati, "se sei ricco, ce la fai anche se non meriti; se sei povero, anche se hai meriti, non ce la fai." E cosi' "l'ascensore sociale non funziona". Insomma la scuola e' per piu' persone ma comunque Gianni, lo scolaro di umile famiglia citato da Don Milani nella sua lettera, sara' sempre penalizzato a favore di Pierino.

    [f] Dario Antiseri: "diamo alle famiglie la possibilita' di far andare i figli dove meglio credono: lo Stato concede un bonus alle famiglie che pagheranno poi la scuola che meglio credono. Ma e' giusto mandare nelle scuole private, quelle ad esempio "politicizzate" o "confessionali" per plasmare il pensiero dei figli esattamente come quello dei genitori? E' un'altra questione aperta.

    [g] I nuovi corsi di laurea: Floris dice che i programmi sono gli stessi, si insegnano le stesse cose per dire che lo spacchettamento non ha avuto senso. Manca pero' di dire che, in virtu' delle semestralizzazioni, gli stessi corsi di prima passano dalla modalita' estensiva a quella intensiva con un conseguente (e logico) decadimento della preparazione degli studenti. Manca anche di dire - o non dice bene - che i nuovi laureati, quelli dei "tre anni", non vengono accettati (come lo erano i "quinquennali" dal mondo del lavoro)...si e' voluto seguire il modello americano soltanto nell'universita'; sul fronte del lavoro si e' andati verso la precarizzazione quando invece, negli USA, funziona la flessibilita'.

    [h] gli italiani non leggono i libri perche' "manca il tempo" e il libro e' un "medium lento". E' forse questa la ragione di insegnanti e studenti "ignoranti"? Cioe' il non soffermarsi a dare senso e significato alle cose perche' c'e' necessita' di ricambiare subito gli stimoli [per alleviare frustrazioni? Qui occorrerebbe inserire Bauman nel discorso...]

    [i] Nelle scuole, il bullismo lo si ha come atto di punizione (da parte dei bulli) verso una diversita': per il clan paga chi e' troppo alto, chi e' troppo intelligente, chi studia tanto etc...vince, cioe', l'omologazione.

    [j] A proposito della proposta di reintrodurre il voto in condotta: La misura della disciplina e' la condotta, e qualcuno della condotta deve essere responsabile.

    [k] No alla validita' legale della laurea. Sia la prova dei fatti a stabilire qual e' la laurea piu' importante e il merito dei docenti a fare la buona laurea.

    Alla fine studiare serve, eccome. Il messaggio, ridotto all'osso, del libro, e': si studia per capire e farsi capire; e per risolvere problemi. L'importante e' attrezzarsi e uscire fuori dal pantano. Non so se quello che propone Floris sia la ricetta giusta...il buon Don Milani la ricetta ce l'aveva...ma in cinquanta anni non credo sia mai stata applicata.

    E il rapporto 99% - 1% evidenziato da Don Milani? Come detto al punto [c] le cose sono migliorate di quasi dieci punti; l'impressione, leggendo i tantissimi dati e le parole dei docenti, e' che, mentre nel '67 il 99% era fatto di soli studenti; oggi il 99% e' fatto, oltre che dagli studenti, anche dai docenti. La precarizzazione tocca anche loro...

    ha scritto il 

  • 5

    scritto molto bene, scorrevole e piacevole. Credo sia così solo per "addetti ai lavori" nel senso che certi dettagli sul funzionamento della scuola, che a me fanno sorridere perché li vedo quotidianamente, potrebbero stufare chi non è dentro la scuola.
    Certo, farebbe bene a tutti leggere come sia ...continua

    scritto molto bene, scorrevole e piacevole. Credo sia così solo per "addetti ai lavori" nel senso che certi dettagli sul funzionamento della scuola, che a me fanno sorridere perché li vedo quotidianamente, potrebbero stufare chi non è dentro la scuola. Certo, farebbe bene a tutti leggere come siamo messi nella scuola italiana :-D

    ha scritto il 

  • 3

    Il manager strapagato che incita a vincere come fece Napoleone a Waterloo, l'avvocato che scrive "l'addove", il politico secondo cui Darfùr è il dialetto per dire "sbrigati". La nostra classe dirigente è composta da mostri? La ben più dura realtà è che non sono più ignoranti della media. Questo c ...continua

    Il manager strapagato che incita a vincere come fece Napoleone a Waterloo, l'avvocato che scrive "l'addove", il politico secondo cui Darfùr è il dialetto per dire "sbrigati". La nostra classe dirigente è composta da mostri? La ben più dura realtà è che non sono più ignoranti della media. Questo clamoroso fallimento culturale ha un colpevole: la scuola. Per ogni persona che non capisce o non si fa capire c'è infatti un professore senza prospettive, un laboratorio senza apparecchiature, un preside senza portafoglio e una sfilza di ministri che hanno accumulato riforme sempre più inutili. Non può pretendere di avere un futuro un Paese in cui non si rispetta l'istituzione che forma i cittadini. In cui si guadagna meno a insegnare che a pulire i pavimenti, e i bravi docenti vengono ricompensati con carriere immobili. "Siamo allo stadio di zoo umano", commenta sconfortata una prof, ma di chi è la colpa? In questa inchiesta sui mali della scuola e dell'Università italiane Giovanni Floris non risparmia fatti, numeri e situazioni allucinanti. Dall'asilo di Napoli che non apre perché mancano i bidelli fino all'istituto friulano che ogni anno cambia l'intero corpo docente (precario). Un libro di denuncia e insieme un atto d'amore verso una scuola di nobile tradizione, piombata in un Medioevo di strutture fatiscenti e insegnanti girovaghi come braccianti. Di fronte al declino della convivenza civile, della vita politica, dell'innovazione culturale, è ora che torniamo tutti sui banchi.

    ha scritto il 

  • 4

    Dai diamanti non nasce niente, dalla scuola nasce Lorenzo Maddeché

    L'indice è ben fatto e vale mezza recensione.


    ASINI: Di Napoleone e altre storie/La società civile/I veri ignoranti/Il prezzo dell’ignoranza
    PROF: Vita da prof/A ognuno il suo/Carriere/Il prof itinerante/
    STUDENTI: L’altra faccia della scuola/Lo studio/Tempi e modi dell’ignoranza/Scuola e ...continua

    L'indice è ben fatto e vale mezza recensione.

    ASINI: Di Napoleone e altre storie/La società civile/I veri ignoranti/Il prezzo dell’ignoranza PROF: Vita da prof/A ognuno il suo/Carriere/Il prof itinerante/ STUDENTI: L’altra faccia della scuola/Lo studio/Tempi e modi dell’ignoranza/Scuola e politica/Gli studi GENITORI: I conti in tasca/Le nostre (le loro) paure/Il capitale/Le scelte BARONI: La laurea al chilo/L’università dei pochi/Il pezzo di carta LA RIVINCITA: Tre idee e un post/Scegliere la sezione Reinserire il voto in condotta La Carta Atena APPENDICI: Giro del mondo un po’ consolatorio/Gli strafalcioni degli altri/Lettere famose

    Buon excursus stile giornalistico sul percorso che ha portato la scuola italiana ad essere ciò che è, con qualche modesta proposta di riscatto.

    Perché non prende cinque stelline? Ci arriva a capire la terribile centralità critica del problema, ci arriva a vedere la Jelmini solo come la cacca di capra sulla bovazza fumante precedente, ma è troppo blando nel far capire che il disastro attuale è figlio di un infame potere scoreggione cattogomunisda bobulista, che blandì le peggio stronzate del '68, invece del meglio, che pur c'era. Buonista sul problema del sovraccarico di personale inutilmente dannoso, buonista sul trattamento degli allievi selvaggi. Con queste premesse, le sue proposte - peraltro sensate - verrebbero digerite e espulse in cinque anni, senza effetto alcuno.

    Del resto, Floris è anche figlio (in parte redento) di molte di quelle idee del cappero.

    Come può un essere umano, legato profondamente alla cultura qual è, frequentare per anni una facoltà che ha per titolo una contraddizione, senza esserne danneggiato?

    (Scienze Politiche! Di questo passo avremo la facoltà di Enologia Islamica, Ippica Azteca e Urbanistica Tzigana)

    Colonna sonora: Otis Taylor “Recapturing The Banjo”

    ha scritto il 

  • 4

    Una scuola tutta da rifare!

    Precisa e documentatissima fotografia della scuola italiana (compresa l'università), con un occhio alle realtà estere. Il libro è del 2008 e manca dunque ogni riferimento ai disastri dell'attuale gestione del ministero di (d)istruzione ma è comunque un testo fondamentale per capire pienamente com ...continua

    Precisa e documentatissima fotografia della scuola italiana (compresa l'università), con un occhio alle realtà estere. Il libro è del 2008 e manca dunque ogni riferimento ai disastri dell'attuale gestione del ministero di (d)istruzione ma è comunque un testo fondamentale per capire pienamente com'è la situazione odierna. Convincono pure i suggerimenti e le proposte per rilanciare la scuola.

    ha scritto il 

  • 3

    Interessante descrizione dell'attuale situazione della scuola e dell'università italiana dei giorni nostri. Nonostante l'importanza del tema trattato, il libro risulta a volte un po' ripetitivo e noiosetto soprattutto nelle parti in cui Floris si lancia nella giungla dei numeri, delle percentuali ...continua

    Interessante descrizione dell'attuale situazione della scuola e dell'università italiana dei giorni nostri. Nonostante l'importanza del tema trattato, il libro risulta a volte un po' ripetitivo e noiosetto soprattutto nelle parti in cui Floris si lancia nella giungla dei numeri, delle percentuali e dei costi della scuola e degli stipendi degli insegnanti.

    ha scritto il 

  • 2

    Innanzitutto una premessa: Floris mi sta antipatico, e parecchio; quindi questa recensione potrebbe essere influenzata da questo.
    Il saggio, pur partendo da ottime intenzioni, mi è sembrato generico e poco approfondito, non affronta come dovrebbe i gravi problemi della scuola italiana, ma si limi ...continua

    Innanzitutto una premessa: Floris mi sta antipatico, e parecchio; quindi questa recensione potrebbe essere influenzata da questo. Il saggio, pur partendo da ottime intenzioni, mi è sembrato generico e poco approfondito, non affronta come dovrebbe i gravi problemi della scuola italiana, ma si limita a dare qualche spunto qua e là per poi passare ad altri argomenti, spesso poco conferenti col tema (per es., i professori universitari). La "chicca" finale è costituita dalle tre brillanti (!) idee del giornalista per risolvere o quantomeno arginare i problemi della scuola italiana. Non è un caso che, qualche anno dopo, uno dei tre suggerimenti coincida con un provvedimento della Gelmini...

    ha scritto il 

  • 3

    SEI COLTO O SEI IGNORANTE???

    Mi è piaciuta molto la definizione che ha dato Floris (p.43-44):
    "E' IGNORANTE CHI NON SA FARSI CAPIRE DAGLI ALTRI E NON RIESCE A COMPRENDERLI...
    LA PERSONA COLTA NON E'UNA PERSONA CHE SA TUTTO,MA E'UNA PERSONA CHE SA ALCUNE COSE E HA LA CAPACITA'DI GODERE DI ALTRE..E' CHI SA ASCOLTARE E CAPIRE ...continua

    Mi è piaciuta molto la definizione che ha dato Floris (p.43-44): "E' IGNORANTE CHI NON SA FARSI CAPIRE DAGLI ALTRI E NON RIESCE A COMPRENDERLI... LA PERSONA COLTA NON E'UNA PERSONA CHE SA TUTTO,MA E'UNA PERSONA CHE SA ALCUNE COSE E HA LA CAPACITA'DI GODERE DI ALTRE..E' CHI SA ASCOLTARE E CAPIRE QUALE E' IL PROBLEMA, E RIESCE DI VOLTA IN VOLTA A TROVARE LE SOLUZIONI ADEGUATE... UNA PERSONA COLTA HA UNA MENTE APERTA E CRITICA,PRONTA AD ASCOLTARE LE SOLUZIONI CHE VENGONO DA ALTROVE E DISPONIBILE A CORREGGERE I PROPRI ERRORI..E' UNA PERSONA CHE SA ARGOMENTARE LE PROPRIE TESI E CHE HA GLI STRUMENTI PER CAPIRE GLI ALTRI.." Però ho dato 3 stelle al libro perchè penso esattamente quello che "NELSON 1978" ha scritto nella sua recensione. Comunque Floris mi è simpatico,lo stimo soprattutto come giornalista ...

    ha scritto il